Attualità

Bombardier: gara a tre per 130 treni regionali

Sono tre le offerte pervenute a Trenitalia nella gara per la fornitura, nell’arco di sei anni, di 130 nuovi treni regionali elettrici e diesel e un’opzione per altri 60. Si tratta di Ansaldo Breda (gruppo Finmeccanica) in partnership con la spagnola Caf, di Bombardier Transportation Italy di Vado Ligure e della francese Alstom, attiva in Italia con otto stabilimenti, tra cui l’ex Fiat Ferroviaria di Savigliano. Il valore della commessa è stimato in 1,25 miliardi di euro el’aggiudicazione della commessa potrebbe arrivare entro l’estate.

Alstom offre il Coradia, treno del quale sono stati venduti finora tremila esemplari in tutto il mondo di cui 260 in Italia (il Minuetto è la sua versione più celebre). La versione proposta a Trenitalia è Meridian, la stessa già fornita a TreNord per il Malpensa Express. Bombardier scommette sul nuovo treno a trazione distribuita Polis, sviluppato sulle precedenti esperienze nel segmento trazione regionale. E c’è una forte aspettativa sull’esito di questa gara nello stabilimento di Vado Ligure, considerando che recentemente è stato confermato il ricorso alla cassa integrazione per 40 dipendenti a settembre che potrebbero salire a quota 140 a dicembre. AnsaldoBreda propone il modello mono-piano Tsr, interamente progettato e costruito “in house”, e il doppio-piano Civity, realizzato in partnership con gli spagnoli di Caf, sia nella versione elettrica sia in quella diesel. Anche in questo caso, la gara di Trenitalia rappresenta una battaglia fondamentale: l’azienda metalmeccanica di Stato sta facendo i conti con un piano di risanamento da lacrime e sangue. 
La gara è doppia: si tratta di fornire sia convogli elettrici sia diesel. Il bando riguardante i treni elettrici si divide in due lotti: il primo riguarda 70 elettrotreni da almeno 280 posti a sedere, più un’opzione per altri 20, e il secondo 20 elettrotreni da almeno 500 posti a sedere, più un’opzione per altri 20. Per quanto riguarda i diesel, si tratta di un ordine per 40 convogli da almeno 130 posti a sedere, con opzione per altri 20. L’offerta si articola in una proposta tecnica e in una parte economica. Infatti, i bandi prevedono un criterio di aggiudicazione con punteggi che premieranno maggiormente la qualità e i tempi di consegna (60%), piuttosto che il prezzo (40%).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: