giovedì, Gennaio 23, 2020
Home > Attualità > Bombardier su vari fronti

Bombardier su vari fronti

Varie opportunità per lo stabilimento di Vado Ligure

Nelle aree dello stabilimento Bombardier di Vado Ligure la locomotiva 494 551 (una TraxxDC3 con modulo diesel Last Mile), la prima di tale tipo e versione destinata alla società di noleggio LocoItalia, è stata sottoposta all’ispezione da parte dei tecnici di FNM (il Gruppo Ferrovie Nord Milano che controlla LocoItalia) e di DB Cargo Italia per autorizzarne la consegna definitiva al committente, che avverrà nei prossimi giorni nello stabilimento di Vado Ligure.
A darne notizia il presidente di LocoItalia, Alberto Lacchini. La macchina, che sarà utilizzata da DB Cargo Italia, ha la possibilità di operare anche su raccordi ferroviari privi di elettrificazione grazie all’apparato diesel tipo “ultimo miglio”. Si tratta di un accorgimento fondamentale per evitare cambi di locomotiva nelle aree portuali e sui binari di collegamento con i destinatari delle merci trasportate.

Inoltrre, Con la consegna degli esemplari numero 37, 38 e 39 è nella fase conclusiva la commessa di Mercitalia a Bombardier per la fornitura di 40 locomotive Traxx 494 destinate al rinnovo del parco macchine per la trazione dei treni merci in Italia. Resta invece da definire l’ulteriore consegna di 20 locomotive Traxx ,che erano previste quale opzione da esercitare nel corso della commessa. Nel frattempo è stata indirizzata allo stabilimento Bombardier di Vado Ligure la costruzione di altre 12 locomotive Traxx inizialmente assegnate all’impianto di Kassel, in Germania.

Spiragli per incrementare l’attività a Vado Ligure si sono aperti anche sul fronte dell’alta velocità. Trenitalia, insieme con ad Air Nostrum, si è aggiudicata la gestione dei servizi dell’alta velocità Madrid-Barcellona, Madrid-Valencia/Alicante e Madrid-Malaga/Siviglia. Il Gruppo Fs Italiane sarà il primo operatore privato ad accedere al mercato iberico. E il treno scelto per coprire le cinque rotte è il Frecciarossa 1000, il più veloce d’Europa, fabbricato con tecnologie ecosostenibili proprio da Bombardier e da Hitachi (ex AnsaldoBreda). Per effettuare i 58 collegamenti complessivi giornalieri previsti si ricorrerà a una flotta di 23 treni. Il servizio dovrebbe partire nel 2022. La data è stata scelta, oltre al resto, per risolvere il problema relativo alla mancanza di materiale rotabile. Attualmente Trenitalia dispone infatti di 50 treni completi che circolano ogni giorno sulla rete ad alta velocità italiana e altri 14 convogli sono in costruzione. Per il servizio in Spagna saranno necessari 23 treni che faranno scendere il totale di quelli disponibili in Italia a 41, ossia 9 in meno degli attuali. Di qui la fondata possibilità che Trenitalia decida di addivenire alla decisione di un ampliamento della flotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *