Attualità

CAFFE’ ROMA…DA ALASSIO A SYDNEY

di Giorgio Siri

Nella lontana Australia, a Sydney, al numero 9 di Kellett Street Potts Point, esiste, da trent’anni, un gemello dal famoso Caffè Roma di Alassio, il locale situato di fronte al “muretto”. Lo gestisce Danilo Tozzi, 49 anni, alassino, sposato e con due figlie di 13 e 17 anni.

Ha lasciato Alassio, 30 anni fa; ora, al suo ristorante, lavorano 15 persone tra australiani, nepalesi e anche italiani. “Da noi – racconta – sono venuti personaggi di un certo peso come Keith Richards dei Rolling Stones, Kylie Minogue, Mel Gibson tanto per citarne alcuni. Tutti grandi buongustai di cibo italiano e soprattutto dei Baci di Alassio preparati dal mitico Rocco, pure lui alassino. Gestiva lo storico Hard Rokko vicino all’U Brecche”.

Modelle, rockstars, rappers, attori, politici fanno parte della clientela del “Caffè”. Danilo ricorda in particolare David Bowie, formidabile estimatore di gnocchi al pesto e di “baci di Alassio”. Aveva iniziato con Massimiliano Ferrara e il suo staff, una tappa importante per la famiglia Tozzi. Nicola, il fratello, aveva lavorato come pasticcere nel caffè alassino da giovanissimo. Poi, un giorno, è volato in Australia per aprire un ristorante.

Danilo è in visita ad Alassio dalla settimana scorsa. Resterà nella Baia del Sole ancora qualche giorno, prima di ritornare a casa, all’altro capo del mondo. “Non dimentico le mie radici alassine – dice commosso – Ecco perché sono tornato 30 anni dopo la mia avventura australiana. Qui ho un sacco di amici che mi vogliono bene. Grazie a internet non mi fanno sentire lontano. E’ una cosa bellissima, emozionante”.

Danilo,da ragazzino, frequentava l’oratorio Don Bosco. Poi ..l’ Australia; ed il sogno di gemellarsi con il Caffè Roma. “Ci siamo riusciti – dice orgoglioso – E’ nata una bella storia d’amicizia tra noi e lo staff del locale davanti al Muretto. Qui ho tanti ricordi e poi mio fratello maggiore Nicola qui ci ha lavorato per tanti anni”.

In Australia vivono anche gli altri fratelli: Antonello e Roberto. Li avevano raggiunti laggiù anche i genitori“Alassio mi è rimasta nel cuore e non potevo tradirla. Ecco perché il locale porta quel nome storico. Chissà magari riusciamo a convincere Mel Gibson o Keith Richards a volare fino ad Alassio. Sarebbe fantastico no?. Sarebbe una esperienza del tutto nuova. Ci terrei molto che il Roma di Alassio venisse conosciuto anche a Sidney. Mi farò certamente ambasciatore di questo bel gemellaggio e inizio di collaborazione”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: