CalcioSport

Calciando in rete – Addio Beppe volto noto del “vecchio calcio”

Torino. Un grande lutto ha colpito il mondo del giornalismo. E’ morto all’età di 92 anni, Beppe Barletti, inconfondibile voce sportiva di Toro e Juve. Per chi ha più di 35 anni ed ha vissuto il calcio italiano fino a metà anni ’90, le domeniche erano scandite da appuntamenti fissi: lo stadio o la radiolina accesa alle 14.30 in punto (l’orario classico invernale, che nelle ultime sfide stagionali virava fino alle 16.30), la fine delle partite, l’attesa di vedere le gare su Rai1, grazie a “90° Minuto”. E, ancora dopo, una sintesi della partita più importante della giornata di campionato su Ra1, il Tgr regionale su Rai3, “Domenica Sprint” su Rai2 e, per finire, la “Domenica Sportiva”, su Rai1. Per chi tifa Toro o Juve, i racconti di quelle partite in televisione erano affidate a giornalisti del calibro di Pino Patti, Cesare Castellotti, Franco Costa, Gino Rancati, Andrea Boscione e per l’appunto Giuseppe Barletti. Beppe, come era conosciuto da tutti a Torino. Nei primi anni era stata l’unica voce delle gare al Comunale di granata e bianconeri. Anni in cui le due squadre lottavano entrambe per lo scudetto.Nel corso del tempo, la voce di Barletti era diventata poi quella della Vecchia Signora.Figlio di ambulanti del mercato di Porta Palazzo, dopo gli albori al giornale torinese “Il Piccolo Commercio”, ecco il passaggio a “Stampa Sera”, dove lavorò fino al 1967, anno in cui passò alla sede Rai di Torino. A “strapparlo” alla carta stampata fu proprio Rancati. Calcio e non solo. Perché Barletti si occupò anche di basket, atletica e automobilismo. Ma anche un caso di cronaca nera, per la Rai, come il caso di Doretta Graneris, la giovane che sterminò tutta la sua famiglia, a Vercelli.Era andato in pensione nel 1993, dopo aver lavorato a lungo per il Tgr, occupandosi di tanti sport. La sua passione per il calcio però arrivava da lontano, da quando giovane, a Lecce – sua terra natia – giocò nelle giovanili giallorosse e, una volta venuto a Torino, nel Vanchiglia e nel Bertolla, venendo adocchiato addirittura dalla Pro Vercelli. Addio alla sua voce signorile, alla sua professionalità sotto voce e forse ad un mondo che non c’è più

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: