CalcioSport

Calciando in rete – La notte brava di tre giocatori del Carpi

Sarà forse stato l’effetto di qualche bicchiere di troppo o semplicemente una di quelle storie nate male e finite peggio, ma non vi è dubbio che si sono fatti davvero notare nel tardo pomeriggio di lunedì 23 luglio tre giocatori del Carpi F.C. in ritiro a Fanano (centro appenninico, quartier generale del romitaggio estivo club biancorosso), per un comportamento decisamente sconveniente nel pieno centro del paese. Tanto che la gazzarra creatasi ha costretto i carabinieri locali a intervenire per farli smettere e convincerli che era meglio tornare in albergo. Ci sono aspetti dell’episodio ancora da chiarire, ma da una prima ricostruzione pare che i tre, parte della squadra in ritiro in paese dal 15 al 27 luglio, lunedì avessero ottenuto il pomeriggio libero da mister Marcello Chezzi, ex coach del Savona Calcio nella stagione scorsa. Gli sventurati hanno deciso di fare un giretto in centro paese e verso le 19 sono andati a bere qualcosa all’Enosteria Pedrocchi (La Cantina di Plum), lungo l’omonima via a pochi metri dalla centralissima piazza Corsini, dove in questo periodo il viavai di turisti, famiglie e bambini è continuo. Dopo un po’ i tre avrebbero acquisito una notevole esuberanza, che li ha portati innanzitutto ad usare un tono di voce decisamente alto, poi a disturbare i gestori del locale, tra cui una ragazza, prendendo l’iniziativa di alzare a dismisura il volume della radio (che fa da colonna sonora all’attività) e mettendosi davvero troppo in mostra: pare che uno di loro si sia addirittura tolto la maglietta. Uno show che ha infastidito parecchio anche una persona che abita vicino al locale, che si è affacciata dalla finestra apostrofandoli con un bel “ma piantatela un po’ di fare del casino!”. Ma anche i gestori davvero non ne potevano più: fortuna ha voluto che lì vicino sia passato una pattuglia di  carabiniere della stazione locale, che è intervenuto subito per riportare ordine (non ci sono comunque stati contatti o risse) convincendo con garbo i ragazzi a chiuderla lì e tornarsene in ritiro. In merito all’accaduto la dirigenza ha emesso una chiara nota di condanna: «Il Carpi FC, società che ha sempre fatto della condotta morale dentro e fuori dal campo un valore imprescindibile – si legge nel comunicato – condanna l’accaduto e si dissocia nettamente dal comportamento tenuto nell’occasione dai propri tesserati, a carico dei quali sono già stati presi provvedimenti». Al momento non risultano esserci denunce verso i tre biancorossi, che poi sono rientrati nell’albergo che ospita la squadra. pur rimanendo l’aggravante di aver dato seguito ad uno “show” di pessimo gusto . Per ora si tratterà di provvedimenti pecuniari, anche se uno dei tre (già in odor di cessione) potrebbe essere anche allontanato da subito. Poi col rientro in Italia del patron Bonacini se ne saprà di più.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: