Archivi

CalcioSport

Calciando in rete – La sconvolgente storia di Emiliano Sala

Non finisce di stupire e di commuovere la triste vicenda del goleador argentino. Possibile una svolta nelle ricerche del calciatore scomparso in quanto sono stati trovati i resti dell’aereo su cui viaggiava. Alcuni elementi metallici sono riaffiorati in Francia (lungo la costa della regione del Cotentin, nella Bassa Normandia, precisamente sulla spiaggia di Surainvillee) e potrebbero essere quelli del velivolo, sparito dai radar il 21 gennaio scorso, su cui viaggiavano Sala e il pilota David  Ibbotson. Secondo i primi esami svolti dall’agenzia investigativa per gli incidenti aerei del Regno Unito, la AAIB, i brandelli di cuscini e sedili trovati sulla sabbia potrebbero appartenere al velivolo (un Piper da turismo) su cui volava lo stesso Sala. Se i risultati delle prime indagini venissero confermati, dunque, le speranze di ritrovare vivo il giocatore classe 1990 (da poco passato dal Nantes al Cardiff per la cifra record per la società gallese di 17 milioni di euro) si ridurrebbero a un lumicino. A causa delle cattive condizioni meteorologiche, tuttavia, le ricerche (sia quelle degli investigatori, sia quelle private organizzate dalla famiglia del giocatore) nel fondale citato inizieranno solo nel weekend. Gli investigatori stimano che serviranno almeno tre giorni per individuare la posizione del relitto. Sala e il pilota Ibbotson stavano sorvolando il Canale della Manica: i due, infatti, si recavano a Cardiff, sede della nuova squadra del calciatore. Il noto giocatore infatti era partito da Nantes dopo aver salutato gli ormai ex compagni (foto postate sul suo profilo Twitter circolano sul web) dopo l’accordo raggiunto nella sessione invernale di calciomercato tra la sua vecchia società e il Cardiff. Nei giorni successivi al terribile fatto, per le ricerche si era mobilitata l’intera comunità sportiva, che aveva organizzato una mega colletta a favore del trequartista argentino. Allo stesso tempo, era emerso un messaggio audioinviato da Sala al padre e ad alcuni amici. Nella registrazione, il calciatore aveva un tono di voce molto calmo, ma aveva già intuito che qualcosa potesse andare storto: “Sono qui a bordo dell’aereo che sembra andare in pezzi – aveva detto – e vado a Cardiff. Se tra un’ora e mezza non hanno nessuna mia notizia, non so se manderanno qualcuno a cercarmi perché non mi troveranno. Papà! Che paura che ho”. Certo è che parecchi interrogativi sul caso appaiono sospetti e c’è da attendersi ancora parecchie sorprese.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: