Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

“Canzoni” di Alessandro D’Alessandro vince il Premio Nazionale Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana come miglior album 2021

È “Canzoni (per organetto preparato & elettronica)” dell’organettista Alessandro D’Alessandro,
pubblicato da Squilibri, l’album vincitore del Premio Nazionale Città di Loano per la Musica
Tradizionale Italiana, il più prestigioso riconoscimento per la musica di tradizione in Italia, assegnato
ogni anno alla migliore produzione musicale di ambito folk da una giuria composta da oltre cinquanta
giornalisti specializzati e studiosi. Il Premio Giovani, riservato al miglior disco di musicisti under 35, va
invece a “Sita (Ipe Ipe)” esordio solista della cantante e autrice salentina Alessia Tondo (già voce del
Canzoniere Grecanico Salentino).
È dunque un’edizione, quella prevista dal 28 al 30 luglio 2022 a Loano, che racconta della vivacità della
nuova scena italiana, e dell’emergere di una nuova generazione di performer che, fatta propria l’eredità
del folk revival e della world music, porta il lavoro sugli strumenti della tradizione e sulle lingue
minoritarie in nuove e originali direzioni. “Il Premio Loano – afferma il direttore artistico Jacopo
Tomatis – vuole essere soprattutto un osservatorio sulla contemporaneità. Questa nostra vocazione non
contraddice l’enfasi sulla ‘tradizione’: al contrario, ci invita di anno in anno a osservare come questo
patrimonio fatto di lingue, suoni, strumenti, repertori, pratiche, riti si riconfiguri e si rimodelli nel mondo
di oggi, rimanendo centrale nelle nostre vite e nella nostra cultura. Di tutto questo, i due dischi vincitori di
quest’anno rappresentano un caso emblematico, e ci raccontano di un futuro delle ‘musiche di tradizione’
tutto da inventare, a partire da qui”.
“Il Premio Nazionale Città di Loano – affermano il sindaco di Loano Luca Lettieri e l’assessore alla
cultura Enrica Rocca – ha reso il nostro comune una delle ‘capitali italiane’ della musica folk. Ogni anno
questa importantissima ed apprezzata manifestazione porta a Loano tutte le ultime migliori produzioni ed
i più importanti rappresentanti di questo genere, che affonda le proprie radici nella storia e nella
tradizione locale. Ascoltare la musica folk, quindi, è andare alla scoperta delle nostre origini, non solo
musicali, ma culturali e umane. Un genere, il folk, che, anche grazie al Premio, negli ultimi anni ha
riscontrato una vera e propria rifioritura. Dopo l’interruzione dovuta alla pandemia e l’edizione dello
scorso anno, che con il virus ha dovuto convivere, quest’anno il Premio torna nella sua formula più
consueta e amata. Vogliamo ringraziare gli organizzatori e gli uffici comunali coinvolti nella pianificazione
di questo evento”.
Alessandro D’Alessandro, classe 1985, di Coreno Ausonio (Frosinone), già attivo con Orchestra Bottoni
e vincitore di una Targa Tenco per il miglior album in dialetto (in coppia con Canio Loguercio) è uno dei
più originali interpreti contemporanei dell’organetto diatonico, strumento tradizionale che più di ogni altro
è stato al centro di sperimentazioni e innovazioni negli ultimi anni. Canzoni (per organetto preparato &
elettronica) rappresenta un punto di arrivo di questo percorso: l’album cuce un originale “vestito” – con
l’organetto opportunamente trattato con effetti elettronici – a un pugno di canzoni celebri, da Azzurro di
Paolo Conte a I giardini di marzo di Lucio Battisti, a Can’t Help Falling in Love. Fra gli ospiti, Elio, Sergio
Cammariere, Neri Marcorè, David Riondino, Musica Nuda, Joan Manuel Serrat, Peppe Voltarelli, Daniele
Sepe, Roberto Angelini e Daniele Di Bonaventura.
Al secondo posto tra gli album più votati dalla giuria del Premio troviamo invece “A Sud di Bella
Ciao”, progetto all-star di Riccardo Tesi con Elena Ledda, Lucilla Galeazzi, Alessio Lega, Nando
Citarella, Maurizio Geri, Gigi Biolcati e Claudio Carboni. Il disco – presentato al Premio Loano dell’anno scorso – riprende alcuni classici del repertorio italiano del folk revival, in nuove letture originali.
Al terzo posto si classifica invece Alessia Tondo con “Sita”, aggiudicandosi anche – da regolamento – il
Premio Giovani.
Fin da bambina immersa nella musica salentina – prima con Mera Mehnir, insieme alla nonna, e poi con
Sud Sound System e appena tredicenne come voce dell’Orchestra della Notte della Taranta – Alessia
Tondo (classe 1991) ha poi confermato il suo talento in giro per il mondo con il Canzoniere Grecanico
Salentino. Sita è il suo album di esordio come solista, un disco acustico e delicato, nel segno di un
songwriting ben bilanciato fra recupero di percorsi ancestrali e personali legati alla musica salentina, e un
certo folk-rock britannico.
Il Premio Città di Loano per la Musica Tradizionale Italiana è nato diciotto anni fa come laboratorio
permanente sulla musica folk, e promuove e valorizza la produzione contemporanea di musica
tradizionale di radice italiana attraverso il coinvolgimento di artisti, etichette discografiche, giornalisti e
operatori culturali. È organizzato dall’Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con
l’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, e con il contributo della Fondazione A. De
Mari e La Marina di Loano. La direzione artistica è a cura di Jacopo Tomatis, con la collaborazione di Ciro
De Rosa, Enrico de Angelis e Annalisa Scarsellini. Partner del Premio Loano: Premio Andrea Parodi,
Folkest

La classifica del Premio al miglior Album 2021
1° posto
Canzoni (Squilibri) – Alessandro D’Alessandro
2° posto
A Sud di Bella Ciao (Visage) – AA.VV.
3° posto
Sita (Ipe Ipe Music)– Alessia Tondo
4° posto
Meridiana (Ponderosa) – Canzoniere Grecanico Salentino
5° posto
Evocazioni e Invocazioni (Catalea) – Davide Ambrogio
6° posto
Stella ariènte (Visage) – Maria Moramarco
7° posto
Meigama (Meigama/Altrove Agenzia creativa/Artist First) – Francesco Medda (Arrogalla) e Mauro Palmas
8° posto
Mediterraneo Ostinato (Finisterre) – Stefano Saletti & Banda Ikona
9° posto
Canzuni (Felmay) – Massimo Ferrante
10° posto

(In)Fest-azione (Nota)– I Suonatori della Valle del Savena e la Compagnia del Maggio
Il pane e la sassata (Siberia Records) – La serpe d’oro
La Giuria del Premio
Maurizio Agamennone, Claudio Agostoni, Sergio Albertoni, Giovanni Alcaini, Ricky Barone, Marco Boccitto,
Raffaello Carabini, Pietro Carfì, Giordano Casiraghi, Daniele Cestellini, Gianni Ciaccio, Valerio Corzani,
Giandomenico Curi, Enrico de Angelis, Flaviano De Luca, Ciro De Rosa, Paolo Del Ry, Enrico Deregibus,
Salvatore Esposito, Antonio Fanelli, Gerardo Ferrara, Massimo Ferro, Guido Festinese, Jonathan Giustini,
Ezio Guaitamacchi, Federico Guglielmi, Marco La Viola, Felice Liperi, Marco Lutzu, Ignazio Macchiarella,
Giorgio Maimone, Maurizio Marino, Tiziano Menduto, Giorgio Meneghetti, Gaetano Menna, Marco Miconi,
Gianni Montano, Anna Nacci, Giancarlo Nostrini, Rosario Pantaleo, Riccardo Piaggio, Massimo Pirotta,
Massimo Poggini, Piercarlo Poggio, Ezio Riberi, Vincenzo Santoro, Annalisa Scarsellini, Stefano Starace,
Jacopo Tomatis, Federico Vacalebre, Gianluca Veltri, John Vignola, Antonio Vivaldi, Enrico Zagnagnoli,
Paolo Zara, Giorgio Zito.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: