Attualità

Caprioglio – Toti, pace fatta?

“Una Liguria sopra le righe“, manifestazione con “volata” dei vertici regionali in visita nel savonese, è servita da elemento pacificatore come si dice, in circostanze certo ben più drammatiche, di cui quest’anno ricorre il settantesimo anniversario, fosse stato per la tappa del Giro di Francia vinta da Bartali, nel 1948, che placò le menti in subbuglio, dopo l’attentato a Palmiro Togliatti? “Con Caprioglio va tutto bene. Caso chiuso? Non c’è mai stato“. Così si è ieri espresso il Presidente della Regione, Giovanni Toti, a Varazze, a richiesta, nel contesto della presentazione di “Una Liguria sopra le righe”, in merito al rimpasto di Giunta, in seno all’Amministrazione comunale di Savona.

La volontà del Sindaco Ilaria Caprioglio di sostituire la forzista e “totiana” Barbara Marozzi con la “straniera” milanese Doriana Rodino e di istituire un nuovo assessorato, affidato al membro della Lista civica Andrea Sotgiu, che ha esautorato un altro forzista, Pietro Santi, aveva provocato, nelle scorse settimane, un attrito, sia con i vertici provinciali e regionali del partito che con gli stessi consiglieri e assessori, che aveva dato l’impressione di mettere a rischio la stabilità della Giunta e dell’Amministrazione. Comunicati, dichiarazioni, esternazioni anche  di un certo nervosismo sono state il connotato più evidente, i giorni scorsi, della politica locale, a Savona, con il delinearsi non ipotetico di due schieramenti: da una parte Caprioglio, con Lista civica e Lega, non più disposti ad attendere il “placet” di Toti ad un rimpasto chiesto da più di un anno, dall’altra i vertici regionali, intenzionati a difendere l’assessore Marozzi e, dietro a tale contrarto già c’era chi intravvedeva il rispecchiarsi di posizioni del centro-destra a livello nazionale, ormai diviso tra la Lega al Governo e Forza Italia all’opposizione.

Invece, ieri, a Varazze, baci e abbracci ed affermazioni di intesa e di condivisione. “Per noi i sindaci sono un punto di riferimento politico, culturale e amministrativo – così ha affermato Toti – è evidente che hanno il diritto di governare le proprie città come credono, perché mettono la faccia di fronte ai cittadini, e noi li appoggeremo sempre. Poi, siccome siamo per una politica nuova che si dice in faccia le cose e non si chiude nei caminetti, quando c’è qualcosa che ci lascia perplessi lo diciamo. Dopo di che, però, si va avanti tutti insieme a cambiare la Liguria”.

Il “dissidio” sarebbe stato volutamente esagerato. “Quando si fa politica – ha ancora continuato Toti  – quando ci si confronta tutti i giorni, quando dal 30% di una regione si arriva a governarne il 90% in tre anni, quando si cerca di fare tanto, cambiare tanto e dare una spinta a un territorio che è stato fermo per decenni, è ovvio che questo confronto possa portare a delle… come possiamo definirle… effervescenze nel dibattito tra di noi. Ma i partiti che compongono le nostre coalizioni si sono presentati insieme ovunque anche alle ultime elezioni, e ovunque abbiamo bravi sindaci che tengono le amministrazioni. Il tema non è Toti o Caprioglio, ma i cittadini della Liguria a cui abbiamo promesso delle cose e ora le dobbiamo fare”.  Se è tutto vero lo vedremo prossimamente!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: