Lettere alla redazione

Cattivi pensieri: parliamo di equità

È equo che una famiglia monoreddito, con reddito di 60.000 euro lordi circa, paghi molte più imposte di una famiglia con due redditi, la cui somma è sempre di euro 60.000? È equo che chi ha un reddito di 50.000 euro netti, proveniente da produzione di nocciole e uva moscato, non paghi quasi nulla perché reddito agrario e dominicale sono ridicoli? E in più sia anche esente da ticket?

È equo che chi ha due alloggi, uno a Torino o Milano, e uno al mare, abbia due residenze e quindi due Imu prima casa con relative detrazioni, e magari anche due redditi ciascuno dei quali inferiore a 36.000 euro annui e quindi esenti da ticket? È equo che un alloggio affittato a 500 euro al mese, pagando Irpef al 41% + Imu al 10,6 per mille + spese condominiali a carico proprietario + spese di manutenzione straordinaria non renda niente al suo proprietario, e in più perda di valore? È equo che, dopo aver pagato molte imposte e molti contributi per tutta la vita lavorativa, senza fortunatamente avere mai avuto bisogno di nulla (40 anni di lavoro senza un solo giorno di malattia), ora, invecchiando, ci si trovi ad avere bisogno di esami, cure e medicinali, occorra pagare su tutte le medicine due euro (anche su Igroton e Cardioaspirin che costano poco di più) e, per fare degli esami, oltre a pagare, si debbano attendere mesi? È equo che i lavoratori dipendenti debbano lavorare sempre di più e avere pensioni sempre più misere? È equo che i pensionati a 1200 euro netti al mese (che quando avevano 2.400.000 lire stavano bene), ora facciano quasi la fame, non abbiano più la rivalutazione, e debbano sobbarcarsi inflazione, caro benzina, ritorno dell’Imu e aumenti di addizionali comunali e regionali (e si sentano anche dire che la loro salvezza è stata l’euro!)? È equo che ci sia chi ha diritto di detrarre il 55% delle spese di manutenzione straordinaria della nona o decima casa (magari a Cervinia, Cortina o Porto Cervo)? È equo far pagare ai poveri gli incentivi che si danno ai ricchi sui pannelli solari? E sulle spese di ristrutturazione dei fabbricati? È meglio che smetta, perché mi altero troppo, mi va la pressione alle stelle e sto male tutto il giorno.

Gianni Birello

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: