Attualità

Chiamata dall’Australia, a Celle, per il basilico…

Paolo Calcagno, imprenditore agricolo di Celle Ligure, si è ormai fatto un nome di tutto rispetto nella coltivazione ligurissima del basilico e, tra l’altro, è stato il fornitore unico del basilico genovese Dop utilizzato per il Campionato Mondiale del Pesto. Paolo aveva lanciato, attraverso Primocanale, un appello, a metà strada tra lo scherzo e la provocazione, dicendo nel mostrare una foto di gruppo dei suoi collaboratori: “Nella nostra azienda sono rappresentati quattro continenti su cinque. Abbiamo in campo forza lavoro proveniente da est Europa, Africa, Asia e Sud America. Ci manca soltanto qualcuno che arrivi dall’Oceania e poi avremo completato il mappamondo del basilico”.

Dopo una settimana dalle dichiarazioni ecco la sorpresa, favorita dalla kermesse della Settimana del Pesto che ha portato il nome di Genova e della Liguria da un capo all’altro del mondo ed ha registrato innumerevoli contatti: “Abbiamo ricevuto diverse richieste di informazioni – spiega infatti Paolo Calcagno -. Ci sono italiani desiderosi di tornare a casa, ma anche veri e propri australiani incuriositi dal nostro mestiere. Ovviamente, l’operazione non è facile e non so dire se realizzabile. Certamente, il campionato del mondo ha avuto un grande riscontro ed ha dimostrato che un futuro in agricoltura è ancora possibile anche in Liguria”.

Nel frattempo, sull’onda del successo, con quasi 30mila firme raccolte nella due-giorni di “Firma e pesta”, non si ferma la sottoscrizione per sostenere la candidatura del pesto genovese al mortaio come Patrimonio dell’Unesco. Ancora questa settimana si può firmare a Genova (nella Sala della Trasparenza in Regione Liguria, nei Municipi e nei due sportelli IAT di via Garibaldi e del Porto Antico) e nei 90 Comuni liguri che hanno aderito all’iniziativa.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: