Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Ci mancava la Vespa Velutina

In questo periodo di calamità  ed emergenze che avrebbe impallidito Nostradamus ci mancava la vespa velutina a rendere sereni i nostri animi. Questo delizioso insetto è dotato di una puntura che se per caso becca un essere umano può creargli danni seri, serissimi. Ora direte,  ma la Vespa Velutina ha origine asiatiche  in regioni dove ha già fatto danni più di Goodzilla. Vero, ma le Vespe, soprattutto quelle più pericolose mica devono pagare il biglietto per nascondersi in qualche container e arrivare nel Vecchio Continente dove,  tra tante Nazioni, hanno scelto l’Italia come luogo per deporre i nidi. Tanto, avranno detto le Vespe, prima che qualche virologo ci capisca qualcosa e una volta capito decida il compenso da prendere nei talk-show, passano anni, il tempo di fare tre, e magari quattro dosi, ai soggetti più fragili. Ora voi che leggete questo post in Liguria direte: ma in quali delle venti regioni italiane la vespetta ha deciso di sostare? Ma la Liguria naturalmente che oggi, a parte Covid , siccità,  mancanza di acqua gasata, crisi del gas e incendi non ha grandi problemi da affrontare. Ora il nostro intento è tutt’altro che quello di spaventare, e poi lo dicono i numeri, le percentuali sono  bassissime di poter avere a cena uno di questi simpatici insetti.  Dunque dormiamoci su, ovviamente con zanzariere ad ogni balcone. E poi rassegnamoci al destino che a volte può essere davvero imprevedibile come mi diceva sempre il mio indimenticato allenatore degli Esordienti: ” Tu quando sei sul campo devi stare attaccato a Giovanni, il più pericoloso dei loro. Marcalo stretto, non fartelo scappare, poi se prendi la palla pazienza”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: