Cultura e Musica

“Classica al Classico” dedicata alla voce femminile nella storia della musica

 

Venerdì 11 maggio, nel Laboratorio Musicale del Liceo Classico di Savona, via Caboto 2, alle ore 16.30, si terrà il secondo concerto della rassegna “Classica al Classico” dedicata alla voce femminile nella storia della musica (titolo della rassegna di quest’anno: “Dal labbro estasiato il canto vola”, da un passo del Falstaff di Verdi).

Saranno protagonisti la soprano Roberta Gentile e il chitarrista Federico Briasco (dei quali alleghiamo il curriculum), che eseguiranno arie d’opera di Monteverdi, Verdi e Bellini e brani musicali di Händel, Bach, Scarlatti, Albeniz.

Il concerto coprirà un arco di tempo molto vasto: verrà infatti completato il percorso che conduce dalla complessa polifonia tardorinascimentale (ancora rappresentata da Claudio Monteverdi, del quale verrà eseguita un’aria tratta dall’opera L’incoronazione di Poppea) alla plastica bellezza della monodia barocca (Se tu m’ami, di Giovan Battista Pergolesi), per poi passare al lirismo prorompente e appassionato della musica di età romantica.  L’interesse sarà indirizzato soprattutto verso il melodramma, che del periodo romantico  costituisce forse l’espressione più compiuta e caratteristica, soprattutto in ambito italiano, in quanto esso permette in modo straordinariamente efficace la trionfale rivelazione degli aspetti più teatrali e impetuosi dell’ardore romantico. o ns = “urn:schemas-microsoft-com:office:office” ?>

Ed è forse proprio nel melodramma, e soprattutto in quello di età romantica, che la voce di soprano trova la propria massima manifestazione, divenendo protagonista assoluta. Nell’aria, il momento dell’opera esplicitamente dedicato al trionfo delle qualità vocali, ne vengono dispiegate tutte le potenzialità, attraverso variazioni espressive che vanno dal registro drammatico a quello patetico, dal virtuosismo più esasperato alle dolenti note di un sofferto lirismo.

Oltre al brano di Monteverdi, il gruppo eseguirà due arie tratte da Il Trovatore di Giuseppe Verdi e da Adelson e Salvini di Vincenzo Bellini.

Verrà tuttavia proposto (con il brano Ständchen di Franz Schubert) anche un altro aspetto del sentimentalismo romantico, quello che trova la propria espressione soprattutto nel Lied, la canzone. Rispetto alla passione esibita del melodramma, il Lied rappresenta un’emozionalità più intimistica e assorta, fatta di ritmi sospesi e atmosfere malinconiche o sognanti, in cui i sospiri di un amore spesso infelice o sofferto diventano frequentemente il tema centrale e danno agio alla voce femminile di esibire tutte le proprie qualità di vibrante sensualità e trepidante commozione

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: