Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

“Clima” da fibrillazione

Ai primi giorni di novembre, un po’ di nostalgia l’abbiamo avuta, almeno lo scrivente, per le tanto vituperate serate di Halloween, fossero in ristorante od in discoteca  o per strada e, il giorno 31 ottobre, a Savona. qualche piccola frotta di bambini che visitava negozi e anche bar, prima che chiudessero alle 18,00 – ora sono chiusi sempre -, con l’inevitabile monito “dolcetto o scherzetto”, diffondeva allegria; a parte che, in altra sede, sempre il sottoscritto avesse, gli scorsi anni, rammentato le più che fondate teorie sull’origine cristiana e cattolica di Halloween! Ebbene se avessimo avuto modo di deplorare le manifestazioni di quella che spesso riteniamo un'”americanata” estranea alle nostre tradizioni –  e ripeto non sarebbe così! – ciò avrebbe significato la normalità, il ritorno alla vita ed alle abitudini consuete, la fine dell’emergenza, ed invece il maledetto Covid ha ripreso il centro della scena ed è del virus che si parlava e si parla, sempre e con insistenza; magari avessimo potuto, come  gli anni scorsi, poter riservare l’attenzione solo ad Halloween!  Allo stesso modo, sempre lo scrivente, rimpiange le litanie che, quasi tutte le sere, i telegiornali riservavano al “cambiamento climatico”, ormai divenuto un assioma su cui non c’è neppure da discutere, seppure, inevitabilmente, ogni notizia o allarme o  minaccia o massima del cambiamento climatico e del riscaldamento globale, tutte le volte che viene profferita con un misto di mestizia  e di non rivelata soddisfazione, perchè ogni novella in  merito starebbe a significare che l’era dell’estate perenne si avvicina, potrebbe venire, ed è, inequivocabilmente controbattuta da informazioni più complete,  da dati differenti, da versioni contrarie ed ognuna di tali notizie, allarmi, minacce o massime è sempre viziata, poco o tanto –  come tutte le cose, si dirà!- da contraddizioni, parzialità,  mezze verità ed affermazioni che  non stanno in piedi! Ed era meglio così, perchè non c’era il virus, non era instaurato nessun coprifuoco  e nessun regime di chiusura , non si era afflitti dall’angoscia che, inevitabilmente, serpeggia!

E comunque  sul cambiamento climatico, o riscalmento globale, quasi sinonimo, non appena si può,  si continuano ad avanzare certezze, che, talvolta, si rivelano poco certe e  possono sconfinare nella bizzarria, continuando così a suscitare dubbi, e meno male! Una delle ultime  congetture, peraltro significativa, se ne è parlato recentemente a Radio Tre, alla trasmissione Prima Pagina, è  del peraltro valido ed illustre scrittore e saggista statunitense Jonathan Franzen (Western Springs, USA, 17 agosto 1959),  autore noto per romanzi come  “La ventisettesima città” (1988) e “Purity”(2015), ebbene Franzen, già dallo scorso anno, aveva scritto un articolo sul “New Yorker”, in cui sosteneva che”... dobbiamo smettere di pensare a cosa possiamo fare per fermare il cambiamento climatico, dato che secondo lo scrittore il problema non solo esiste, ma è già di fatto inarrestabile, e fingere di poterlo risolvere non cambia la situazione. Molto più utile sarebbe, secondo Franzen, passare alla fase successiva: pensare a sistemi di protezioni in casi di alluvioni e incendi e, soprattutto, costruire un mondo forte e in salute che possa far fronte al caos – sociale e politico – generato da questi sconvolgimenti.”

Ho citato dalla testata on line “Wired” da un articolo che si intitolava “L’apocalisse climatica è dietro l’angolo ma non è la fine del mondo” ed infatti in una siffatta affermazione è contenuto, non nei termini seri di Franzen, ciò che mette veramente in dubbio la portata della teoria del “riscaldamento globale”; se esso è un'”apocalisse” – viene in mente l’intercalare pronunciato da “Felice Allegria”, un personaggio d’esordio di  Enrico Montesano – non c’è apocalisse meno sentita, come già avevamo scritto, di quella del riscaldamento globale, perchè mentre nessuno si rallegra se il terremoto scuote la terra, se un fiume è in piena e minaccia un’inondazione, se precipita una frana,  se sta per avvenire l’apocalisse climatica e la preoccupazione dovrebbe essere generale, il “caldo anomalo” di cui viene continuamente evocato l’insinuante aleggiare, altra conseguenza non ha che di compiacere i “vacanzieri” se si è d’estate e di consolare gli afflitti dall’inverno se si è nella stagione più fredda! Come si può pretendere di prendere sul serio una preoccupazione che è logico ritenere non preoccupi neppure coloro che la diffondono?

Dopo mesi di silenzio, Greta Thunberg è ritornata a parlare; in modo più assennato, ha posto l’accento più sullo “Sviluppo Sostenibile” e sull’emergenza Covid, da affrontare insieme e prioritariamente, Sicuramente non sa di essere stata protagonista anche da noi, a Cadibona, dove è stato sfregiato un “murale” dove figura anche la sua immagine, proprio sul volto, restaurato in questi ultimi giorni e “notato” deturpato, come si leggeva su altra testata, sabato scorso, mentre il sottoscritto, che transita tutti i giorni, da quelle parti, per raggiungere Cairo Montenotte, al mattino e per rientrare a Celle, la sera, lo aveva notato almeno quindici giorni prima e si era chiesto cosa fosse quella macchia sul viso di Greta , pur non essendo affatto un “gretiano”. Ebbene, ci mette d’accordo quanto ha affermato la Pro-loco di Cadibona – Comune di Quiliano – , sull’accaduto : “Questo gesto ci deve comunque insegnare che l’arte, in tutte le sue forme, deve essere sempre rispettata. Possiamo e dobbiamo avere opinioni discordanti ma il rispetto per il lavoro altrui non deve mai mancare”.”Si può esistere senza arte, ma senza di essa non si può Vivere. (Oscar Wilde)”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: