Cultura e Musica

Con “I Capuleti e i Montecchi” arriva il last minute

Grande attesa per l’apertura della stagione autunnale del Teatro dell’Opera Giocosa: domenica 21 ottobre, ore 15,30, il grande palco del Chiabrera ospiterà la tragedia lirica di Vincenzo Bellini: “I Capuleti e i Montecchi”, due atti e quattro parti su libretto di Felice Romani (prima rappresentazione a Venezia al Teatro La Fenice, 11 marzo 1830).

Come ha ricordato il direttore artistico Giovanni Di Stefano, si tratta di un’opera che si caratterizza per la quantità di “strumenti solistici per accompagnare meravigliose note”. Storicamente, la fonte non è la tragedia di William Shakespeare, che in quel momento non era così famosa in Italia, ma la lunga tradizione letteraria dedicata ai due amanti veronesi, principalmente una novella di Matteo Bandello del 1554.  Bellini dovette comporla in poco più di un mese, così fu costretto ad attingere dai suoi lavori precedenti, principalmente quella “Zaira” che era stata un fiasco solo un anno prima, però seppe rielaborarla così bene, tanto da anticipare quella dolcezza melodica che caratterizzerà poi “La Sonnambula”. Nel ruolo della protagonista il soprano Damiana Mizzi (nella foto di Elisabetta Molteni per l’allestimento di Como), Florentina Soare sarà Romeo, mentre Fabrizio Paesano interpreterà Tebaldo, Pasquale Amato Lorenzo ed Alessandro Spina Capellio. Un mezzosoprano quindi nel ruolo di Romeo, com’è tradizione (anche se in conferenza stampa sempre il direttore artistico ci ha ricordato il caso “Luciano Pavarotti” nel ruolo del mitico amante al Teatro alla Scala). La regia è firmata da Sam Brown, scene e costumi di Annemarie Woods. Nella buca orchestrale, il Maestro Christian Capocaccia dirigerà l’Orchestra “I Pomeriggi Musicali di Milano”, Coro del Circuito Lirico Lombardo (Maestro Salvatore Sciammetta). Con il primo titolo in cartellone, il nostro Teatro di Tradizione si apre ad una grande novità: il last minute! Mezz’ora prima dello spettacolo i biglietti saranno acquistabili al prezzo ridotto di euro 10 (contro i 40 euro il biglietto intero del I settore, 25 e 20 del II e III, 34-21-17 euro il ridotto per gli anziani sopra i 65 anni nei tre settori, 25-20-15 euro per i giovani fino ai 26 anni, sempre nei tre settori). La scelta del posto a sedere ed il numero dei biglietti che rientrano nell’offerta saranno a discrezione del Teatro (la biglietteria del Teatro sarà normalmente aperta fino a sabato dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19; info: 019 8485974).

Laura Sergi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: