Please assign a menu to the primary menu location under menu

ECONOMIAREGIONE

Confortanti i numeri dell’industria nautica

Il settore si conferma vera eccellenza dell'industria italiana

La sessantaduesima edizione del Salone Nautico Internazionale di Genova prosegue ed  è stata presentata, giovedì scorso,nel contesto della conferenza Boating Economic Forecast, la nuova edizione di Nautica in Cifre – Log, l’annuario statistico redatto dall’Ufficio Studi di Confindustria Nautica in partnership con Fondazione Edison, che si fregia del patrocinio dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili. L’appuntamento è stato aperto dai saluti di Andrea Razeto, Vice Presidente di Confindustria Nautica, di Carlo Maria Ferro, Presidente di Ice Agenzia e di Andrea Benveduti, Assessore allo Sviluppo economico della Regione Liguria.

Dalla presentazione è emerso come il 2021 abbia segnato, per l’industria italiana della nautica, l’anno in cui si è realizzato il più cospicuo fatturato quanto meno dal biennio, già considerato di record, delle annate 2007-2008. L’anno nautico appena concluso assicura inoltre solide prospettive anche per il 2022, confermando una crescita strutturale che prosegue dal 2013, quando invece il volume d’affari del comparto era crollato a 2,4 miliardi. Considerando gli scenari economico-politici che si stanno attraversando – con forti criticità sul fronte dell’approvvigionamento dei componenti, imprevedibili fluttuazioni dei prezzi e della disponibilità delle materie prime e una sempre più evidente scarsità di manodopera specializzata – si tratta di un risultato eccezionale per le imprese del settore e per l’industria italiana nel suo complesso; in termini di contributo al Pil, il peso della nautica ha raggiunto il 2,89%. I numeri sono chiari: il fatturato globale del settore è passato da 4,6 miliardi del 2020 a ben 6,11 miliardi del 2021. L’incremento registrato rispetto all’anno precedente è stato del +31,1%, un dato straordinario che consente non solo di compensare il lieve calo registrato nel 2020, ma di portare il fatturato del comparto a livelli pressoché analoghi appunto a quelli del 2007 e del 2008, come del resto sottolineato, durante la cerimonia di inaugurazione del Salone Nautico, dal presidente di Confindustria Nautica, Saverio Cecchi, che ha tra l’altro evidenziato che il settore impiega 27 mila addetti diretti,  in crescita, nel 2021, del 10%, in una filiera complessiva che raggiunge  i 90 mila occupati. La nautica è dunque “il settore che in percentuale è cresciuto più di tutti gli altri”. All’evento fieristico di Genova sono esposte oltre 1000 barche, i brand presenti sono oltre 900 e i nuovi modelli 168. un dato straordinario che consente non solo di compensare il lieve calo registrato nel 2020, ma di portare il fatturato del comparto a livelli pressoché analoghi appunto a quelli del 2007 e del 2008.

Tutti i principali settori che formano il fatturato dell’industria nautica sono cresciuti nell’ultimo anno: la cantieristica vale 4,09 miliardi (il 66,9% del totale), gli accessori 1,57 miliardi (il 25,7%), i motori 450mila euro (7,4%) e il “refit” di imbarcazioni e navi da diporto.

Il direttore della Fondazione Edison, Marco Fortis, ha evidenziato come il settore “imbarcazioni da diporto e sportive”, sul comparto specifico degli “altri mezzi di trasporto” abbia aumentato la propria incidenza sull’export dal 8,7% del 2000 al 17,9% del 2021. Pure in termini di bilancia commerciale, che meglio misura la specializzazione di una data tipologia di  industria, il rilievo delle imbarcazioni da diporto e sportive è cresciuto, passando dal 22,1% al 35,5%.

Le “Imbarcazioni da diporto e sportive” rientrano inoltre tra i settori che, dai primi anni 2000, hanno registrato le maggiori crescite fra le esportazioni: considerando unicamente i settori manifatturieri più rilevanti per la bilancia commerciale italiana, vale a dire quelli che presentano nel 2021 un surplus commerciale superiore a 2 miliardi di euro, il comparto delle “Imbarcazioni da diporto e sportive” si colloca infatti al 10° posto per crescita dell’export; per la precisione, le esportazioni del settore sono passate dagli 850 milioni di euro nel 2000 ai 3 miliardi del 2021, registrando un aumento pari a 2,1 miliardi in valore assoluto e al 247,6% in termini percentuali.

Nel 2021 i primi cinque mercati di esportazione dell’Italia, nel settore “barche e yacht da diporto con motore entrobordo” sono stati, nell’ordine, le Isole Cayman (543 milioni di dollari), gli Stati Uniti (532 Mln $), la Francia (268 Mln $), le isole Marshall (245 Mln $) e Malta (241 Mln $). Nella classifica dei primi 10 paesi esportatori mondiali l’Italia è al secondo posto (quasi 3,5 miliardi di dollari e una quota, rispetto al totale mondiale, del 16,1%) alle spalle dell’Olanda; se si guarda però alla classifica del saldo commerciale il nostro paese sale al primo posto con 3,1 miliardi di dollari.

Per quanto riguarda i principali poli produttivi territoriali, il primo posto spetta all’area  definita dell’Alto Mediterraneo (Liguria e Toscana), con 122 imprese, 3.722 addetti, un fatturato di 1,8 miliardi di euro; segue il distretto Adriatico composto da 72 imprese, 2.363 addetti e 790 milioni di euro di fatturato. Gli altri tre distretti geografico-produttivi più importanti fanno capo alla Lombardia, a Napoli e a Torino.

Carlo Maria Ferro, presidente di Ice Agenzia, ha detto: “Parlare di export aiuta a vedere il futuro con più ottimismo: l’export nazionale nel 2021 aveva già recuperato 7,5 punti percentuali, al di sopra dei livelli pre-pandemia e i primi sei mesi di quest’anno segnano un 22%. Andando a scomporre il dato, la nautica è stata capace di crescere oltre i valori del 2020 e nei sei mesi di quest’anno è cresciuta più rapidamente del dato nazionale, due volte rispetto al 2019. Esportare la nautica è esportare il meglio di tutta la produzione italiana”.

 

Immagine  del salone da Italia.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: