Attualità

Considerazioni sulla scuola media inferiore da parte di una mamma/insegnante delusa…..

Al Dirigente scolastico della Scuola media “Fabrizio De Andrè” di Albisola Superiore. Questa lettera intende essere una riflessione, come mamma e come insegnante sul ciclo di studi appena concluso da mio figlio e sul suo esito finale. Ritengo giusto che nella scuola vengano valorizzate le eccellenze (poche), anche con piccoli aiuti. Devo amaramente constatare pero’,che gli alunni che vengono maggiormente premiati sono purtroppo quelli che hanno un rendimento scarso per tutto l’anno scolastico, per mancanza di impegno, ma nonostante cio’, ottengono alla fine la sufficienza….

Ai ragazzi, invece, dotati di buona intelligenza ed impegno, viene chiesto di dare sempre il massimo, senza alcun tipo di cedimento e alla fine il loro risultato risulta sempre arrotondato per difetto…In questo modo la scuola crea un evidente appiattimento al ribasso delle valutazioni finali , ingenerando nella mente dei ragazzi, conclusioni sbagliate sull’ importante valenza dello studio. Tutto questo dovrebbe portare gli insegnanti ad una profonda riflessione . . .; poiche’ la scuola media inferiore, essendo scuola dell’obbligo, porta a “licenziare” la quasi totalita’ dei ragazzi al primo tentativo, dovrebbe essere adottata una scala di voti piu’ ampia (come accade nella scuola superiore) e gli insegnanti dovrebbero comunque dimostrare una maggiore elasticita’ di giudizio, nei confronti di “tutti I ragazzi,” tenuto conto anche dei problemi, di varia natura, che possono verificarsi, in questo particolare periodo della loro vita. L’ amara conclusione alla quale sono purtroppo arrivata da insegnante e da mamma e’che in questo ciclo di studi un grosso impegno non sia premiante….

1 commento

  • Gentile Signora,
    come darle torto? Di fatto è rimasta la cultura post ’68 per la quale l’omogeneità è l’elemento di una buona didattica. Ciò significa che le eccellenze danno fastidio perché c’è da mentire sugli scansafatiche spesso intralcio alla stessa didattica e che vengono “premiati” alla fine, mentre le “eccellenze” rimangono sempre con il perenne “onere della prova” di non scendere neppure sotto i “9/10” . La prova del nove? Le prove INVALSI, prove ben strutturate dove l’aspetto analitico e logico dello studente viene maggiormente messo in evidenza. Sono valutate poco (o non valutate, come elemento di fastidio) dai docenti. Vengono aspramente criticate dai docenti (vedi Secolo XIX, La Spezia tramite motore di ricerca interno). E’ un fatto così conservativo che viene il sospetto che i docenti si sentano (e vengano) valutati dalle stesse prove INVALSI. Da qui il loro rifiuto.
    C’è anche un altro aspetto giuridico trascurato da due ministeri ad oggi: elevando l’età dell’obbligo a 16 anni, la “licenza” dovrebbe essere verificata nel primo biennio delle “Superiori”. Un quadro che rende poco credibile la scuola Italiana, dove “il più bel mestiere del mondo” lo si fa con frustrazione (cui concorrono i molto i genitori) e per “ripiego”. A queste mie opinioni pongo una riflessione: come mai la maggioranza assoluta dei docenti è di sesso femminile? Come mai si è restii a qualunque intervento esterno alla scuola?

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: