Attualità

Covid-19: La scuola si “sposta” nelle nostre case

A casa, cucine diventate aule, genitori primo educatore, stupiti, sono stati vigili osservatori supporto morale e non solo, specie per i piccolini, Dopo2 mesi di didattica a distanza, si può parlare si “futuro e oltre”. Mattino, didattica a distanza, la cucina con i suoi odori rumori, presenze : genitori, parenti, cane, gatto, sembra l’arca di Noè, mentre i bambini e ragazzi hanno bisogno di crescere, socializzare . Non parliamo lingue straniere, ma abbiamo fatto incetta di termini stranieri da inserire nel nostro lessico, poi scopriamo che bisogna semplificare la nostra burocrazia, problema che ci affigge dalla Unità d’Italia (ci hanno provato Cavour, Mussolini, Bersani, in vano). Gli Italiani sono in crisi come nel ’43, ma mentre allora tutti, utilizzando creatività, ingegno e impegno, si sono rimboccati le maniche, rialzando la testa, oggi siamo sovvenzionati e con stupore diciamo, chi raccoglierà i frutti della terra, ultra 60enni ancora chiusi in casa. Parlando di Scuole, si pensa al prossimo anno scolastico, ma serve un cenno alle Scuole Paritarie (pubbliche perché rendono un servizio pubblico) arricchiscono una offerta pluralista, altra cosa sono le Scuole Private. Interessa 350.000 ragazzi in 12.000 Scuole e lo Stato versa 500 euro pro capite, mentre le rette variano da 2500 a 4000 annue che molte famiglie hanno difficoltà a versare, ed alcune di loro rischiano la chiusura e saremmo a contare 40.000 docenti disoccupati La didattica a distanza ha salvato la Scuola, dal nulla, una esperienza che resterà per il futuro ed in particolare ora, perché la Scuola tradizionale non si sa quando potrà riprendere Chiusi in casa senza amici, senza docenti, questi ultimi poco avvezzi, già faticavano con il registro elettronico, trattandosi di latino, matematica e greco , ma non hanno abbandonato i ragazzi. Tutti (Dirigenti, Docenti, Allievi, Genitori),consapevoli delle difficoltà, preventivavano un grosso impegno e rischio, specie per la carenza, velocemente colmata, ma non un vuoto di tecnologie sia a Scuola che a Casa, soprattutto nel Sud, I giovani in una indagine, riconoscendone l’impegno hanno apprezzato e promosso i docenti, che pur avendoli spesso ripresi per troppo uso del Pc, con valutazione di assoluta eccellenza (intorno a 8/9), ne sentono la mancanza, vorrebbero tornare a Scuola e forse sarebbero migliori. La libertà a volte spaventa più della prigione ed i ragazzi forse mediati dallo schermo, con meno timore della prof, si sono trovati a proprio agio e in questo contano soprattutto per l’esame Sicuramente una crescita, una maturazione, un rinnovamento per l’intera Scuola. Ormai si è quasi sicuri di esami on line , magari dopo un breve tempo, un incontro programmatico, una pietra miliari nella vita scolastica Che sarà, una svolta per tutti, una maturazione di alunni, genitori e docenti, se durante l’anno è stata una vera attività di gruppo, un lavoro in cordata, di squadra, una prova di orgoglio per la riuscita, una prova che ha spinto tutti(casa e scuola), una specie di 6 politico (tutti promossi) con l’impegno a recuperare. Tutti avevano paura di sbagliare, hanno voluto e sono riusciti nel rinnovamento di uno stile di vita, tutti hanno capito l’importanza, si sono adeguati alle novità. L’informatica è entrate in tutte le case e in tutte le scuole, una stretta collaborazione, tutti hanno aiutato tutti Interessante il progetto “La Comunità dei Maestri di Strada per i ragazzi di strada” nata e cresciuta a Napoli per le famiglie fragili, per ragazzi deboli con mille problemi, distribuisce “Viveri per la mente”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: