Attualità

Covid in Liguria: allo studio misure di emergenza

La stretta del Covid torna purtroppo a farsi sentire ogni giorno di più e ci risiamo con le chiusure, i divieti e i traferimenti fra comuni o fra regioni. In tali frangenti, il Presidente della Regione, Toti, ha ieri espresso alcune considerazioni , sulla diretta Facebook  di aggiornamento sulla diffusione del virus concludendo: “Dobbiamo difendere i nostri cari, i nostri sanitari e la nostra economia” .

Le affermazioni più significative di Toti hanno riguardato la situazione del contagio e degli ospedali: “Mentre il virus avanza senza sosta, la nostra regione continua ad essere tra quelle con il tasso di contagi più alto  in rapporto ai residenti, nonostante ci sia stato tempo per programmare le azioni da mettere in campo nella seconda ondata, da noi più volte sollecitate, rischiamo che i cittadini si ritrovino nella stessa situazione di marzo“.” “Sta crescendo molto la pressione sugli ospedali, pertanto sono state pensate misure su cui le Regioni hanno chiesto di potersi esprimere”  così si è espresso in merito il presidente della Regione che ha preannunciato la chiusura domenicale  per centri commerciali, quotidiana per cinema e teatri e per “una serie di attività sportive su cui le Regioni hanno espresso perplessità“.  Per il momento Toti afferma che la chiusura dei confini regionali, comunali e provinciali: “Sarebbe qualcosa di ingiusto, infattibile e incontrollabile. Vi è però un’indicazione a spostarsi il meno possibile” ed ha annunciato “Abbiamo chiesto che la didattica online venga estesa al 100 percento nelle ultime due classi delle superiori. Sulla chiusura di bar e ristoranti alle 18,00 verso la quale pare essere orientato il Governo Toti così si esprime: “Abbiamo chiesto una differenziazione di orario  perché un bar che lavora fino alle 18 potrebbe così continuare coi suoi servizi, mentre un ristorante che lavora su due turni vedrebbe così preclusa la possibilità di lavorare la sera. Riteniamo questo non sia giusto e non serva a contenere il virus“.

Sempre sulle problematiche dei ricoveri ospedalieri, il segretario provinciale della Cgil, Andrea Pasa, a seguito della dichiarazione di Toti, in conferenza stampa, sulla conversione in aree Covid degli ospedali di Albenga e di Cairo a sostegno delle strutture di Genova e di Savona, così ha affermato, non senza una punta polemica:

Mentre il virus avanza senza sosta, la nostra regione continua ad essere tra quelle con il tasso di contagi più alto  in rapporto ai residenti, nonostante ci sia stato tempo per programmare le azioni da mettere in campo nella seconda ondata, da noi più volte sollecitate, rischiamo che i cittadini si ritrovino nella stessa situazione di marzo. La preoccupazione del sindacato per quanto sta accadendo è forte e riguarda soprattutto i lavoratori, ma anche i cittadini nelle fasce più deboli come ad esempio i pensionati

In queste ore il Presidente della Regione, con delega anche alla Sanità, si accorge che esistono anche gli ospedali di Cairo Montenotte ed Albenga. Bene, meglio tardi che mai. Se così è, come chiediamo da troppo tempo ritiri l’iter di privatizzazione che ha fortemente voluto in questi anni ed investa immediatamente sulle due strutture e sulla rete territoriale socio sanitaria della Val Bormida e dell’albenganese. Territori trascurati in questi ultimi anni, con l’idea della svendita al privato e del solo profitto“.

E’ necessario un forte segnale di discontinuità, dando l’avvio ad un confronto di qualità sulla sanità. Lo si deve alle lavoratrici ed ai lavoratori che quotidianamente ‘sudano’ per compiere il proprio lavoro all’interno di due ospedali via via depotenziati e privati di una organizzazione da parte di Alisa e della Regione. Lo si deve, soprattutto, alle decine di migliaia di abitanti dell’entroterra e del Ponente savonese, al loro sacrosanto ‘diritto alla cura’ che solo una sanità, ospedaliera e territoriale, pubblica ed efficiente è realmente in grado di garantire” .

Foto da Ansa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: