Economia

“Crescitalia” è legge: finanziamenti sbloccati?

Con la pubblicazione sul supplemento ordinario n. 129 della Gazzetta ufficiale n. 147 di martedì 26 giugno 2012 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, il cosiddetto “decreto sviluppo” che contiene una serie di “misure urgenti per la crescita del Paese” è diventato legge. Tra queste, due articoli (14 e 15) riguardano l’introduzione dell’autonomia finanziaria dei porti e nuove disposizioni finanziarie in materia di infrastrutturazione portuale.

Per quanto riguarda l’autonomia finanziaria (art. 15), gli effetti inizieranno a farsi sentire dal prossimo anno, prevedendo il decreto che entro il 30 aprile di ciascun esercizio finanziario, il ministero dell’Economia dovrà quantificare l’ammontare delle riscossioni IVA e delle accise nei porti, per poter stabilire la quota da inserire nel fondo che alimenterà gli investimenti infrastrutturali in ciascun porto (entro il limite complessivo di 70 milioni di euro). Effetti più immediati, per quanto riguarda il porto di Savona – Vado Ligure, ci si attendono invece dall’art. 16, che conferma i contenuti della legge Milleproroghe, autorizzando l’erogazione dei finanziamenti necessari per avviare i lavori delle opere con progetto esecutivo approvato e immediatamente cantierabili. Tra queste, in pole position è da tempo la piattaforma contenitori di Vado Ligure, che dal Milleproroghe si è vista assegnare circa 70 milioni di euro, somma che consentirebbe di iniziare rapidamente i lavori di sistemazione del fondale e di costruzione dei grandi cassoni che saranno immersi per realizzare lo sporgente portuale. Dovrà essere il ministero dell’Economia e delle Finanze, accertata la disponibilità delle risorse, ad autorizzarne l’erogazione.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: