Economia

Crisi: 3.500 savonesi in cassa integrazione

Il ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni, nelle imprese della provincia di Savona, ha segnato un incremento vertiginoso tra febbraio e marzo 2012. Il monte ore autorizzate si è moltiplicato per cinque, passando dalle 106.796 ore di febbraio alle 636.677 di marzo (+496,2%). La cassa ordinaria ha segnato un incremento del 146,3%, quella straordinaria ha registrato un balzo del 1162,5%, la cassa in deroga è salita del 251,4%. Numeri che vanno a confrontarsi con una situazione nazionale e regionale del tutto diversa: nel suo complesso l’incremento della cassa integrazione in Liguria, nel raffronto tra i due mesi, è stato pari al 27,5%, mentre il dato nazionale è ancora migliore, attestandosi al +21,6%.

“E’ l’indicatore più chiaro – commenta il presidente dell’Inps provinciale, Gian Carlo Battaglino – che l’economia savonese è piombata in piena recessione, con una vertiginosa caduta dell’attività lavorativa. Se a questi numeri, già preoccupanti, aggiungiamo i dati della disoccupazione e della mobilità, saliti in un mese di quasi il 90 per cento, possiamo affermare senza smentita che l’economia locale sta vivendo il periodo di crisi più acuta dal 2008, anno in cui è iniziata la crisi”. L’impennata della Cig del mese di marzo, rispetto a febbraio, è stata più vistosa nell’industria e nell’edilizia, rispettivamente con un +717,1% e +1994,7%, settori che hanno registrato il dato peggiore di tutta la Regione. La disoccupazione ordinaria e speciale è salita da 366 richieste (febbraio 2012) a 623 (marzo 2012), con un incremento del 70,2% in un solo mese, mentre le richieste “con requisiti ridotti” sono raddoppiate, dalle 1064 di febbraio a 2144 di marzo. Stabili le domande di mobilità.
Per quanto riguarda la Cig, l’incremento maggiore è stato ancora una volta della cassa straordinaria passata da 32.900 ore (febbraio) a 415.373 (marzo), concentrate per il 98,7% nel settore dell’industria, mentre la Cig ordinaria è intervenuta soprattutto nell’edilizia, con un aumento del 689,8% (da 4.552 a 35.952 ore autorizzate), mentre l’industria ha registrato un incremento del 68,9%. Quanto alla cassa in deroga, l’industria è passata, passando da 8.944 a 63.005 ore, e l’edilizia da zero a 59.400 ore autorizzate, mentre c’è stata una diminuzione nei settori del commercio e dell’artigianato con, rispettivamente, 7.952 e 11.536 ore in meno. “Se si tiene conto che il tessuto economico della provincia in larga parte è rappresentato da piccole e medie aziende che operano in gran parte nell’artigianato e commercio – è il commento del presidente Battaglino -, la riduzione delle ore di Cig rappresenta un buon segnale anticiclico. Va tuttavia tenuto conto che l’incremento della disoccupazione riguarda nella stragrande maggioranza casi lavoratori lasciati a casa dalle piccole aziende. Quindi, la crisi si fa sentire anche in questi settori”.
Complessivamente la media dei lavoratori che hanno usufruito (a zero ore/mese) degli ammortizzatori, è balzata da circa 600 unità (febbraio) a oltre 3.500 nel mese di marzo, riducendo in modo drastico il numero delle aziende che sono state in grado di affrontare la crisi senza ricorrere alla cassa integrazione. Il mese di marzo ha segnato quindi un punto di sofferenza estremamente alto per chi ha un lavoro, da aggiungere ad un altro pessimo indicatore, quello degli iscritti nelle liste di chi è in attesa di occupazione, che superano mediamente le 25.000 unità.
“L’auspicio – conclude il presidente dell’Inps di Savona – è che marzo abbia rappresentato solo un momento particolare, e che il 2012 possa ancora offrire qualche segnale di ripresa, soprattutto contando sui nuovi progetti da mettere in cantiere, a Ponente, nel Savonese e in Valle Bormida. La situazione è costantemente monitorata dall’osservatorio costituito presso la Prefettura con la partecipazione delle parti sociali. E voglio ricordare anche il prezioso quanto impegnativo lavoro svolto dall’inizio della crisi ad oggi dal personale dell’Inps, con grande senso di responsabilità nei confronti dei lavoratori in attesa di ricevere indennità e prestazioni che molto spesso sono l’unica fonte di reddito per il sostentamento delle loro famiglie”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: