Economia

Crisi Fac: quali prospettive?

La Fac , storica azienda albisolese leader di settore nella produzione di tazze per bar personalizzate con il marchio dei clienti produttori di caffe’ , sta attraversando una situazione molto delicata e sospesa . Da mesi l’ azienda ha la produzione ferma ,nonostante avesse commesse da evadere, a causa di una crisi di liquidità ‘ elevata con l’accumularsi di debiti per svariati milioni di euro .L ‘ azienda e ‘ stata posta in regime di liquidazione dalla proprieta’ , con la predisposizione del piano presentato dal liquidatore, Dott . Gabriel , poche settimane fa.

Tale piano prevede di trovare un acquirente che abbia solidita’ economica, capacita’ e possibilmente anche esperienza nel settore. Tutto ciò dovrebbe comportare la creazione di una newco che affitti l’ azienda per un periodo di 3anni a 75000 Euro l’ anno, con l’ obbligo di acquisto alla fine del terzo anno per 3000000 diEuro . Il piano prevede il riassorbimento di soli 90 dipendenti su circa 150 e per questo non e ‘ stato avallato da una parte delle organizzazioni sindacali , che vedono in questopiano soltanto un drastico taglio della forza lavoro e nessun concreto segnale di rilanciodell’azienda. I lavoratori hanno usufruito della cassa integrazione ordinaria , attivata neldicembre scorso, e qualche giorno fa e’ stata autorizzata la cassa integrazionestraordinaria, a partire da maggio per 12 mesi . Gli stessi lavoratori stanno effettuando unaforte mobilitazione che ha permesso loro di attirare la giusta attenzione da parte dei mediae degli organi istituzionali, con un’ intensa attivita’ in rete, con il social network facebook intesta e con l’ occupazione permanente della fabbrica. Alla situazione , gia’ difficile, si e’aggiunta pochi giorni fa la notizia di un’ inchiesta da parte della Procura sulle ragioni delledifficolta’ economiche dell’azienda, che potrebbero configurare presunte irregolarita’ fiscali,commesse nel tempo dagli amministratori e l’ esistenza di comportamenti illegittimi ; In tale indagine verrebbe analizzato anche il ruolo della succursale tunisina ‘Calu’. La situazione quindi a tutt’ oggi, risulta sempre piu’ delicata ed intricata, con l’ ipotesi fallimento sempre dietro l’ angolo e con la prospettiva di un’ ennesima perdita di molti posti di lavoro e di un depauperamento sempre maggiore di una realta’ industriale, quella albisolese , che contaormai sempre piu’ aree dismesse, in attesa di quale tipo di riqualificazione?

Stefania Scarone

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: