Politica

Criticità Patto di Stabilità 2012 e Riflessi sulla predisposizione del Bilancio 2012

Il Sindaco Vicenzi ha negato per mesi a Silvestro l’accesso ad una informativa interna riguardante “Criticità Patto di Stabilità 2012 e Riflessi sulla predisposizione del Bilancio 2012″. La Commissione per l’Accesso ai documenti amministrativi presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri da ragione a Silvestro e con suo parere stabilisce che nessun documento o atto può essere sottratto ad un consigliere in ragione della sua eventuale segretezza o riservatezza” .

Silvestro: ” Per mesi sono stati lesi i miei diritti di consigliere comunale, rendendomi di fatto impossibile l’esercizio delle funzioni di controllo attribuitemi dall’ordinamento vigente, funzione di controllo ancora più preminente ed importante in materia di Bilancio comunale!!! Cosa c’era 6 mesi fa di così riservato e segreto da non permettermi di accedere ad un documento riguardante la prossima predisposizione del Bilancio 2012 ? ” Il 7 febbraio 2012 con istanza scritta ho chiesto al sindaco di poter accedere ai sensi del D.Lgs. 267/2000 (Testo Unico Enti Locali) , mediante estrazione copia, a una nota interna a firma del responsabile del procedimento del servizio economico finanziario ed avente ad oggetto: “criticità patto di stabilità 2012 e riflessi su predisposizione bilancio 2012”. A questa mia legittima istanza il Sindaco si è opposto negandomi il diritto di accesso a tale atto, motivando, sbagliando aggiungo io, che trattavasi sostanzialmente di comunicazione interna riservata e piuttosto che fornirmi detta nota con trasparenza e sollecitudine entro i termini di legge (art. 43 D.Lgs 267/2000) ha preferito rivolgersi, dopo ulteriore sollecito da parte mia, alla Commissione per l’Accesso ai Documenti Amministrativi presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Detta commissione ha dato torto al sindaco, infatti con nota del 14 giugno 2012 protocollata in Comune solo il 16 luglio 2012, la Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi ha inviato parere ( di cui allego copia) che sostanzialmente richiama l’orientamento consolidato della giurisprudenza amministrativa che riconosce pacificamente la conoscibilità di tali atti, che annovera tra i documenti accessibili anche gli atti interni….e che nessun documento o atto può essere sottratto ad un consigliere in ragione della sua eventuale segretezza o riservatezza. Ma nonostante questo parere a mio favore, per avere finalmente copia di tale nota, ancora in data 23 luglio ho dovuto inviare al sindaco una diffida/sollecito per richiamarlo sostanzialmente ai suoi doveri istituzionali di trasparenza e di rispetto della legge e delle prerogative dei consiglieri comunali, al fine di garantire a me consigliere i diritti sanciti dalla legge e di rendere cosi’ possibile l’esercizio delle funzioni di controllo attribuitemi dall’ordinamento vigente, funzione di controllo ancora più preminente ed importante in materia di bilancio. Mi sono chiesto al momento dell’ingiustificato rifiuto del sindaco cosa ci fosse da tenermi nascosto in materia di bilancio, in quale disastrosa situazione ci avranno portato? Perchè mi vogliono tenere all’oscuro del contenuto di tale nota? Ma il bilancio comunale non dovrebbe essere uno di quegli atti tra i più trasparenti e facilmente accessibili? Mi volevano forse tenere nascosto (eravamo nel mese di febbraio) che la gestione del bilancio aveva una forte passività e che tale dato andrà tendenzialmente ancor più peggiorando e che la situazione è talmente critica che per raggiungere l’obiettivo occorrerà intervenire pesantemente anche per la predisposizione del bilancio previsione 2012? Se questi erano gli intenti, si è trattato di un tentativo non solo contrario ai principi di correttezza e trasparenza di un buon amministratore ma anche puerile perchè la situazione di criticita’ in cui ci ha portato la politica immobile di Vicenzi è sotto l’evidenza di tutti!!! Questo comportamento di arroganza politica del Sindaco, determina a MIO giudizio non soltanto una violazione delle norme del T.U., giudizio rafforzato dal parere della Commissione ministeriale; ma soprattutto un sostanziale atto ostativo alle normali attività che un gruppo consigliare svolge per la propria collettività, impedendo nella sostanza di conoscere le intenzioni dell’Amministrazione, le informazioni su un atto importante come il Bilancio, a fronte di pesanti criticità e problemi. Mi preme sottolineare, in particolare, che il Sindaco Vicenzi, quando ha assunto l’incarico ha giurato di rispettare la Costituzione, ed in particolare l’art. 54 della nostra Carta costituzionale recita : “I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”. Mi sento di dover affermare che in tale circostanza ho visto ben poca disciplina ed onore nell’atteggiamento del Sindaco. Riteniamo gravemente scorretto che un Sindaco o il suo Assessore al Bilancio Patrucco, non rispondano favorevolmente entro i termini di legge ad una mia LEGITTIMA istanza di accesso ad un atto riguardante le criticità sul Bilancio 2012, sopratutto nell’ottica del rispetto delle funzioni proprie di un Consigliere. Caro Sindaco: Ignorantia legis non excusat (la legge non ammette ignoranza), né da parte dei semplici cittadini né, ancora più gravemente, dal Sindaco della ns cittadina. Nuova Rotta si attende che il Primo cittadino sia anche il primo a dare il buon esempio e a rispettare la legge. “Per il futuro auspichiamo che il Sindaco eserciti il suo ruolo di pubblico amministratore con maggiore disciplina ed osservanza delle norme del Testo Unico e maggior rispetto delle prerogative dell’opposizione, in caso contrario forse sarebbe bene che questa giunta cominci a meditare seriamente sull’opportunità di continuare ad amministrare in tale discutibile modo o quantomeno sull’opportunità di ricandidarsi alle prossime elezioni”.

Luigi Silvestro
capogruppo Nuova Rotta

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: