Please assign a menu to the primary menu location under menu

Archivi

Varie

Da Albenga a Padova per la Fiera Campionaria

La Fiera si concluderà domenica 19

La Fiera di Padova

Albenga. Un gruppo di albenganesi ha visitato la Fiera Campionaria di Padova che nel primo fine settimana di apertura ha avuto oltre 60 mila visitatori. Grande interesse hanno suscitato in particolare gli stand ed i padiglioni riservati all’esercito ed alle varie armi. I Lagunari sono arrivati da Venezia, gli elicotteristi da Pordenone (Casarsa della Delizia), da Treviso il 33° reggimento EW (guerra elettronica) e da Udine il 3° reggimento Genio Guastatori. Si tratta della rappresentativa dell’Esercito che nel 163° anno di servizio, attraverso il Comando Forze Operative Nord dell’Esercito Italiano è presente in Fiera Campionaria di Padova fino al 19 maggio con diverse attrezzature al padiglione 4 assieme alle altre forze in divisa. I Lagunari hanno portato un Lince (Veicolo Tattico Leggero Multiruolo), il blindato leggero impiegato in Libano, Afghanistan, Kosovo, Somalia e Repubblica Centrafricana ed un battello pneumatico fuoribordo mimetico, oltre a diverse attrezzature subacquee per ricognizioni di spiagge e fondali prima di uno sbarco. Poi il reparto roccia con spara-rampino (e scaletta) per arrampicarsi: tutti prodotti italiani, con qualche eccezione inglese e canadese. Per far provare ai visitatori i binocoli militari per la visione notturna, il 3° reggimento Genio Guastatori ha allestito una tenda pneumatica (7×5 m.) con un percorso ad ostacoli in totale assenza di luce, e ha portato una tuta da sminatore.
La guerra elettronica è rappresentata da due valigette del 33° reggimento EW con computer adatti alla ricerca e ascolto di sorgenti radio nemiche. Gli elicotteristi del 5° reggimento Rigel portano una consolle. I militari presenti sono a disposizione per rispondere alle curiosità sui pezzi esposti, sulle carriere professionali e sui concorsi di arruolamento nell’Esercito.
L’Aeronautica Militare offre ai visitatori la possibilità di vedere ciò che vedono i piloti della pattuglia acrobatica Frecce Tricolori dalla cabina del loro biposto Aermacchi Mb-339. Ai “passeggeri”, imbragati ai loro seggiolini, sembrerà di virare di 90 gradi a destra e di 90 a sinistra provando le sensazioni visive dei piloti. Una seconda attrazione è la sezione anteriore (2,5 x 1 metro) di un vero Aermacchi Mb-339 PAN – versione attualmente in uso alle Frecce Tricolori, tagliata dopo che il velivolo è stato messo a riposo. Sarà quindi possibile salire a bordo dalla scaletta, sistemandosi ai comandi di questo che è il solo tipo di aereo con motore a reazione in grado di ruotare attorno a uno dei suoi assi mentre si trova praticamente fermo in stallo: manovra realizzabile solo dai velivoli a elica. Infine un visore 3D fa provare l’ebbrezza di trovarsi a bordo di un caccia della pattuglia acrobatica italiana, vedendo ciò che i piloti vedono in ogni direzione a 360 gradi. E’ un volo interattivo da un minuto e mezzo, nella riproposizione di un reale sorvolo delle Frecce Tricolori in formazione sul cielo di Roma, filmato da uno degli Mb-339 PAN il 2 giugno festa della Repubblica italiana, durante un passaggio sopra l’Altare della patria. Nel Punto desk informazioni su concorsi, editoria, gadget dell’Aeronautica Militare.
La Questura di Padova porta esempi delle sue specialità di indagine, più una storica moto Guzzi con sidecar del 1971 e auto Alfa Romeo Tonale e Giulia. Grazie alla presenza di personale della Polizia in arrivo dall’intera provincia di Padova – Stradale, Scientifica, Reparto Mobile, Polizia di quartiere e Cinofili – vengono fornite informazioni su specifiche attività investigative. Da Padova sede del Gabinetto interregionale della Polizia Scientifica, arrivano le tute per la Scientifica e per operare in presenza di agenti biochimici e radioattivi; sarà anche illustrato come si prendono le impronte digitali, come il Luminol evidenzia tracce ematiche che ad occhio nudo non si vedono. Presenti anche dimostrazioni di cani antidroga.
I Carabinieri presentano una Grande Uniforme Speciale e un’uniforme operativa di reparto speciale, più un’Alfa Romeo Tonale e una moto Ducati Multistrada 1.2 impiegate quotidianamente nei servizi di controllo del territorio. In tutte le giornate espositive all’info-point con postazione web sono presenti militari dell’Arma a disposizione dei visitatori. In Fiera intervengono anche i Carabinieri Forestali per illustrare la loro attività a favore del patrimonio naturalistico e dell’ambiente, i Carabinieri Cinofili di Torreglia (PD), la Sezione Rilievi, tutti per dimostrazioni pratiche delle loro specifiche attività e i Carabinieri Artificieri con lo speciale robottino in uso all’Antiterrorismo per disinnescare ordigni improvvisati (borse, zainetti, pacchi) che il mezzo allontana e disattiva con un potente getto d’acqua ad alta pressione.
La presenza istituzionale della Guardia di Finanza prevede la partecipazione di due finanzieri per l’accoglienza del pubblico, che nello stand trova una Fiat 500 X in uso. Sabato 18 la Guardia di Finanza parteciperà con unità cinofila a prove di recupero stupefacenti (padiglione 4).
I Vigili del fuoco di Padova partecipano con alcune attrezzature di servizio. Spicca Trypper, il robottino cingolato a batterie impiegato per interventi antincendio/ multifunzione in particolari situazioni critiche anche per trasporto di materiale e persone infortunate. Poi c’è il mezzo boschivo Arisfire Mad 450 DP Ford tipo Ranger adibito per spegnere gli incendi. Inoltre ci sono le uniformi da Soccorritore Fluviale Alluvionale, da Speleo Alpino Fluviale, da Urban Search And Rescue e il completo Antifiamma. Infine alcuni elmi rossi, neri e grigi attualmente in uso e un quadro dove sono rappresentate le qualifiche dei pompieri. La Croce Verde di Padova, che ha da poco compiuto 111 anni, interviene una ciclo-barella della grande guerra, un’ambulanza attuale, una Alfa Romeo 2 grigia del 1957 e le autoambulanze Fiat del 1963 e Opel Record del 1972. Sono 7 i militi volontari che si alternano nei 9 giorni in dimostrazioni di disostruzione delle vie aeree e di massaggio cardiaco su manichino. Presente anche il Club Sommozzatori, che esiste dal 1955 come associazione sportiva dilettantistica. Il Club Sommozzatori è una delle presenze costanti alla Fiera Campionaria di Padova. Nel suo stand promozionale illustra l’attività con muta, maschera, pinne, bombole e un manichino.
Claudio Almanzi

CLAUDIO ALMANZI
the authorCLAUDIO ALMANZI
Giornalista dal 1980 ha lavorato con Il Tempo di Roma, l' Ora di Palermo, Il Mattino di Napoli Il Secolo XIX di Genova (per 25 anni nelle Redazioni di Albenga e Savona) L' Avvenire (per oltre 20 anni per la Pagina Ponente Sette) Il Corriere Mercantile e con decine di testate cartacee ed on line. Ha diretto svariate testate giornali e bollettini professionali. Vive ad Albenga.

Rispondi