Cultura e Musica

Dal 23 luglio al via il Premio Nazionale Città di Loano

Dal 23 al 27 luglio, a Loano, si accenderanno i riflettori sull’ottava edizione del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana. Per cinque giorni la musica popolare e tradizionale sarà regina indiscussa con concerti, stage, ballo in piazza, incontri con musicisti e giornalisti. Nelle serate del festival, inoltre, saranno consegnati il Premio Miglior Album 2011 e il Premio Realtà Culturale 2012. Il Premio Città di Loano, sotto la direzione artistica del giornalista musicale John Vignola, promuove e valorizza la produzione contemporanea di musica tradizionale di radice italiana attraverso il coinvolgimento di artisti, etichette discografiche, giornalisti e operatori culturali.

Il festival rappresenta il coronamento di un laboratorio permanente, l’incontro annuale con il pubblico e l’occasione per far conoscere le tante espressioni musicali che animano la realtà culturale italiana. Il programma di questa edizione è dedicato al tema “La città e i suoi margini”. I concerti sul lungomare e in piazza, così come gli incontri pomeridiani, racconteranno la cultura musicale tradizionale del mondo contadino e gli intrecci con la canzone popolare della città industrializzata. Il tutto arricchito dalle contaminazioni etniche che i movimenti migratori hanno determinato. Un margine sempre più labile, quello delle città, dove le periferie si allargano fino a diventare tutto ciò che sta fuori, costringendoci a ripensare gli spazi e a riflettere sulle identità culturali che stiamo perdendo. Saranno protagonisti dei concerti: Antiche Ferrovie Calabro Lucane (23 luglio), Roberta Alloisio (24 luglio), Mascarimirì (25 luglio), Silvio Peron & Jouvarmoni, Stefano Valla & Daniele Scurati (26 luglio). Gli incontri pomeridiani saranno animati da Domenico Ferraro, Omerita Ranalli, Enrico Grammaroli, Bandajurona (23 luglio), Gianni Mura e Claudio Sanfilippo (24 luglio), Alessandro Nobis, Silvana Zanolli e Ensemble Righi (25 luglio), Mario Incudine e Antonio Vasta (26 luglio), Ambrogio Sparagna (27 luglio). Il festival si chiuderà, come sempre, con una produzione-evento, che quest’anno sarà “Vola vola vola” (27 luglio), con Ambrogio Sparagna, l’Orchestra Popolare Italiana e la partecipazione straordinaria di Francesco De Gregori. Nell’ambito del festival, quest’anno si è avviata una collaborazione con due strutture alberghiere loanesi, Loano 2 Village e Hotel Garden Lido, che ospiteranno il progetto “Stage-Vacanze a Loano” con corsi di introduzione alle danze tradizionali delle Valli Occitane Piemontesi e dell’Appennino delle Quattro Province. Il Premio è organizzato dall’Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, con il contributo della Regione Liguria, Fondazione A. De Mari, e il patrocinio della Provincia di Savona, dell’ANCI e del MEI. Il Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana ha ricevuto anche quest’anno il prestigioso riconoscimento della Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana.

I PREMI

Premio Miglior Album 2011 – al disco “Janua” di Roberta Alloisio (CNI).
Janua descrive molto bene le porte, ovvero i passaggi culturali di una città che non ha smesso di incrociare persone, destini, lingue. Nel dialetto genovese si riconoscono molti altri linguaggi, nelle canzoni che Roberta Alloisio porta avanti risuonano storie lontane e vicinissime, prese da una città dai confini talmente penetranti da lambire i nostri. Attraverso il recupero e la rielaborazione di temi tradizionali, madrigali, strambotti, antiche leggende marinare e le liriche dei poeti che hanno fatto grande la Liguria, “Janua” racconta una galleria strepitosa di figure femminili: dalla celebre Maria, prostituta che si aggirava vestita da marinaio nel porto di Genova sul finire del 1700 alla crudele Donna Serpente che nel ‘600 stregò Gian Giacomo Cavalli; dal dramma delle numerose Monache-Spose, ragazze costrette a lasciare lunghi capelli e innamorati per una vita di clausura alle Donne che aprono riviere, nell’immaginario strepitoso di Giorgio Caproni. Su tutte l’arte magica delle Venditrici di Vento, convincenti nel vendere a marinai senza nostalgia nodi pieni di vento… Donne insomma, tra amor sacro e amor profano per raccontare ancora una volta quella “porta” che è JANUA: Genova, una porta sul mare.
Il riconoscimento alla migliore produzione musicale del 2011 è stato decretato da una prestigiosa giuria composta da oltre sessanta giornalisti musicali.

La Giuria del Premio
Giovanni Alcaini, Ricky Barone, Simonetta Bellucci, Daniele Bergesio, Silvia Boschero, Raffaello Carabini, Pietro Carfì, Diego Carmignani, Giordano Casiraghi, Pietro Cheli, Gianni Ciaccio, Aldo Coppola Neri, Valerio Corzani, Enrico De Angelis, Paolo De Bernardin, Flaviano De Luca, Ciro De Rosa, Paola De Simone, Giuseppe De Trizio, Paolo Del Ry, Enrico Deregibus, Salvatore Esposito, Gerardo Ferrara, Massimo Ferro, Guido Festinese, Enzo Gentile, Mario Giovannini, Jonathan Giustini, Ezio Guaitamacchi, Federico Guglielmi, Marco La Viola, Giorgio Maimone, Maurizio Marino, Gigi Masciullo, Tiziano Menduto, Giorgio Meneghetti, Gaetano Menna, Marco Miconi, Beppe Montresor, Anna Nacci, Alessandro Nobis, Giancarlo Nostrini, Rosario Pantaleo, Riccardo Piaggio, Raffaele Pinelli, Massimo Pirotta, Massimo Poggini, Ezio Riberi, Alessandro Rosa, Roberto G. Sacchi, Tito Saffioti, Annalisa Scarsellini, Giampiero Scazzola, Federico Scoppio, Stefano Starace, Salvatore Titolo, Jacopo Tomatis, Federico Vacalebre, Giovanni Vacca, Gianluca Veltri, John Vignola, Antonio Vivaldi, Enrico Zagnagnoli, Paolo Zara.

Premio alla Carriera 2012 – a Nanni Svampa
Nanni Svampa è una delle figure più importanti della musica milanese: l’ha mescolata spesso con il cabaret (assieme ai Gufi) e la canzone d’autore (per esempio, traducendo in dialetto milanese molti pezzi di Georges Brassens), senza perdere una forte inclinazione per la ricerca. Le sue radici sono quelle degli operai e degli impiegati che vivono fianco a fianco nell’immediato dopoguerra in una Milano tutt’altro che luccicante, ferita e da ricostruire, scambiandosi sogni e frustrazioni. La sua antologia delle canzoni popolari milanesi, che si è espansa nel corso del tempo, fino a diventare una vera e propria enciclopedia sonora, spiega più di tante parole il suo lavoro di divulgatore, oltre che la sua identità di grande e originale artista in un’Italia che sta scomparendo, giorno dopo giorno.

Premio Realtà Culturale 2012 – a Squilibri Editore
Un editore romano che affianca da sempre la ricerca con la divulgazione: su questo binomio sono nati molti dei libri che Squilibri ha dedicato alla musica popolare, non solo laziale, documentando spesso il suo lavoro con supporti sonori o audiovisivi. Squilibri ha continuato nel corso degli anni ad essere un soggetto attivo e curioso, grazie al coinvolgimento costante, fra gli altri, di uno studioso come Sandro Portelli o all’apporto di un musicista e cronista del calibro di Otello Profazio, oltre che di un catalogo insigne e stimolante.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: