Attualità

“Decreto Agosto”; luci ed ombre sull’aiuto al turismo

“Le località di mare soffrono in questi mesi di un calo delle presenze di turisti stranieri che è in media intorno al 50% ma le imprese lavorano in pratica su una sola stagione, quindi la perdita di quote così rilevanti in estate rappresenta un danno analogo a quello subito dalle 29 città che sono state individuate dal decreto agosto“.  Coa’ commenta l?assessore regionale al Turismo, Gianni Berrino, sulle misure previste dal decreto del Governo – il cosiddetto Decreto Agosto – per il sostegno al turismo.

L’Italia è stata colpita tutta intera dall’emergenza e dalla conseguente crisi turistica – così ancora si esprime Berrino – Non si possono fare figli e figliastri, il sistema turistico italiano è uno e unitario“.

Le ventonove città cui verrà corrisposto il contributo a fondo perduto per i negozianti dei centri storici, sono state individuate , dal “Decreto Agosto” ,in base al criterio della significativa diminuzione del numero di presenze di turisti stranieri, che ha seriamente danneggiato i negozianti dei centri storici.

Sono state presi in considerazione solo i capoluoghi di provincia e le città metropolitane. Nei capoluoghi le presenze di turisti stranieri devono sommare almeno al triplo dei residenti. Nelle città metropolitane devono essere semplicemente superiori. Avranno diritto al contributo i commercianti che, a giugno di quest’anno, hanno esposto un fatturato inferiore alla metà del corrispondente totalizzato nello stesso mese dell’anno scorso.

L’indennizzo coprirà una parte di tale differenza, con una preferenza verso i picooli operatori commerciali; il 20% della differenza per chi l’anno scorso poteva contare su ricavi sino a 400 mila euro, il 15% per mancati ricavi tra 400 mila e un milione di euro, il 10% per ricavi superiori al milione di euro. Di seguito l’elenco delle 29 città, con il rapporto tra presenze di turisti stranieri e residenti.

Venezia   – 42,6
Verbania  – 26
Firenze –  21,5
Rimini – 15,3
Siena – 11,6
Pisa – 9,9
Roma – 7,6
Como – 7,2
Verona – 6,4
Milano – 5,8
Urbino – 5,7
Bologna  – 4,2
La Spezia – 4,2
Ravenna – 4,2
Bolzano  – 4,1
Bergamo – 3,8
Lucca – 3,7
Matera  – 3,4
Padova – 3,3
Agrigento  – 3,3
Siracusa – 3
Ragusa  – 3
Napoli  – 2,2
Cagliari –  1,8
Catania  – 1,7
Genova – 1,6
Palermo – 1,3
Torino  – 1,3
Bari – 1,3

Quanto deciso dal Governo non è francamente il massimo,  riguardo alle modalità della corresponsione del sostegno; forse si poteva e si doveva prendere in considerazione il  complessivo movimento turistico, ma comunque è una risposta agli appelli del settore commerciale, non insensibile alle istanze di lì provenienti.

Una boccata d’ossigeno, per il presidente degli albergatori liguri Americo Pilati che comunque sottolinea: “Ma la botta è stata tale che pensare di compensare le perdite è impossibile, dopo tre mesi di blocco totale e un’estate partita con le presenze al 30%, oggi al 50%. Bene le misure a sostegno dei lavoratori stagionali e il prolungamento della cassa integrazione, apprezziamo l’abbattimento della seconda rata dell’Imu, mentre la proroga del credito d’imposta non è sufficiente,»

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: