Politica

Degrado, incuria e vandalismo minacciano il patrimonio artistico di Albissola Marina

La serie tuberie di Siri incomprensibilmente abbandonata a marcire in un deposito all’aperto in mezzo ai detriti ed erbacce, l’altra scultura della  medesima serie, posta davanti la spiaggia libera attrezzata è aggredita dalla ruggine e deturpata da graffiti osceni, i pannelli esplicativi dei mosaici della passeggiata degradati, rotti e pieni di muffa, l’opera ceramica del maestro Turi d’Albissola posta in fondo a v.le Perata perde i pezzi, stessa situazione per il vaso più grande del mondo posto alla Margonara – con la giunta Vicenzi/Nasuti, Albissola da museo all’aperto si sta trasformando in discarica a cielo aperto – invece di rottamare le opere d’arte sarebbe meglio rottamare sindaco ed assessore alla cultura.

Opere d’arte del patrimonio albissolese nell’incuria e nel degrado, scandaloso il prolungato abbandono all’esterno in un’area deposito comunale di un pezzo della serie “Tuberie” di Siri. Insomma Vicenzi e Nasuti un po’ come Tremonti che disse: con la cultura non si mangia… Quanto si sbagliano, purtroppo a spese di Albissola!!! Il patrimonio artistico è una vera e propria risorsa economica, turistica e culturale per Albissola, città d’arte e museo all’aperto; una risorsa che se ben gestita e tutelata può essere un fondamentale volano di sviluppo economico ed elemento di attrazione di flussi turistici. E’ pertanto inaccettabile e senza giustificazioni questo progressivo degrado di parte significativa delle sculture presenti nel territorio albissolese; se si interviene con piccole ma costanti manutenzioni, la spesa per la loro tutela e valorizzazione è minima, invece la giunta albissolese ha scelto di abbandonare al degrado questo nostro patrimonio artistico ed il successivo recupero e manutenzione risulteranno quindi sempre più onerosi. Non ci vengano a rispondere che preferiscono utilizzare i fondi necessari al recupero del patrimonio artistico per altre voci di spesa più importanti, perchè sinceramente vedendo le pessime condizioni nel quale versa la città, o l’estremo disagio nel quale versano le famiglie albissolesi più in difficoltà, tra l’altro vessate dagli aumenti delle tariffe comunali e dall’IMU prima casa al 5 xmille, non si capisce dove il Comune starebbe concretamente intervenendo (!?). Uno dei primi obiettivi per un amministratore locale dovrebbe essere combattere il degrado urbano per far vivere in un contesto decoroso i propri cittadini. Per tali motivi abbiamo presentato interrogazione al sindaco ed assessore alla cultura, accompagnata da relazione fotografica, sulla scandalosa, incomprensibile, imperdonabile e prolungata incuria, abbandono e degrado nella quale sono lasciate versare molte delle opere d’arte del patrimonio artistico comunale; In particolare è scandaloso lo stato di abbandono ed incuria nelle quali versano le due sculture della serie TUBERIE di Siri, quella sulla passeggiata piena di ruggine, ossidazioni e ricoperta da scritte vandaliche e oltraggiose, l’altra abbandonata invece alla ruggine in mezzo a detriti e sterpaglie nell’area comunale ex serra confinante col parco Faraggiana. Sindaco e assessore diano immediate risposte di questa loro incapacità nel curare e tutelare il patrimonio artistico cittadino e urgentemente si attivino per ridare dignità e decoro a questo nostro rilevante patrimonio artistico, prima che il degrado ne comprometta definitivamente l’integrità, ne va, soprattutto nella stagione turistica, dell’immagine e della promozione di Albissola come città d’arte e museo all’aperto!!!!!

I consiglieri comunali,

Luigi Silvestro, Furio Chiarbonello

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: