CalcioSport

Dentro alle Istituzioni Sportive – Gravina (Figc) : «Covid? Preoccupato da atteggiamenti irresponsabili»

Le positività di Petagna del Napoli, di Mirante alla Roma e dei 4 giocatori del Cagliari hanno fatto drizzare le orecchie alla Federcalcio. Il numero uno della Federazione Gabriele Gravina ha voluto lanciare un appello a tutti: “Colgo l’occasione per rivolgere un invito ai nostri tesserati: vogliamo tutti giocare a calcio, ma prima di essere atleti dobbiamo essere cittadini coscienziosi e continuare ad osservare le disposizioni e le cautele necessarie per contenere le diffusione di questo maledetto virus. Lo abbiamo già fatto dopo il lockdown, dobbiamo continuare a farlo”.
“La congiuntura internazionale – ha proseguito Gravina – impone massima attenzione mi preoccupano i comportamenti irresponsabili. Dobbiamo assolutamente evitarli”.In vista della nuova stagione, Gravina ha avanzato la richiesta per la revisione dei protocolli sanitari. “Quello dell’invasività fisica dei tamponi è un problema reale. Abbiamo fatto una richiesta per ridurne il numero (il protocollo per la ripartenza prevedeva tamponi ogni 4 giorni per il gruppo squadra), mantenendo sempre un altissimo livello di controlli di garanzia e responsabilità. Mi auguro che questa richiesta possa trovare accoglimento prima dell’inizio dei campionati. Credo che adottare il protocollo stilato a maggio per pochi mesi andava bene, ma per una stagione intera è insostenibile”.
Per quanto riguarda la riapertura degli stadi, ipotizzata per la terza giornata di campionato in programma il primo weekend di ottobre, Gravina ha detto: “Purtroppo l’andamento dei contagi non consente in questo momento di fare passi in avanti in questa direzione, almeno per quanto riguarda i grandi numeri. Il calcio senza tifosi è uno spettacolo monco, ma dobbiamo renderci conto di quello che sta accendendo. Noi siamo pronti, non appena le condizioni lo consentiranno faremo tutto il necessario”.
Infine il presidente della Figc ha espresso grande soddisfazione per la ripartenza dell’attività dilettantistica e giovanile. “Il quadro normativo di riferimento e l’ente che da’ l’autorizzazione sono differenti. La ripartenza dei dilettanti rappresenta un grande successo della Figc perché abbiamo lavorato con il Dipartimento Sport sullo schema già adottato per l’attività amatoriale. Per i professionisti è un discorso diverso perché innanzitutto si tratta di un’attività nazionale e non regionale e perché esistono rapporti di lavoro subordinato. Andiamo avanti con lo stesso impegno di sempre affinché, sempre tutelando la salute degli addetti ai lavori, anche il protocollo per i professionisti diventi meno invasivo e più facilmente applicabile”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: