domenica, Dicembre 8, 2019
Home > Attualità > Deragliamento sulla Savona – Torino: disagi senza fine

Deragliamento sulla Savona – Torino: disagi senza fine

La circolazione ferroviaria fra Fossano e Mondovì, sulla linea Torino – San Giuseppe di Cairo, è stata sospesa da ieri, venerdì 27 aprile, a seguito del deragliamento del treno regionale veloce 10130, durante la corsa da Savona a Torino, avvenuto per una collisione del convoglio con la gru di una ditta privata. Un centinaio di passeggeri sono stati coinvolti nell’incidente, con nove feriti, fortunatamente in modo lieve, mentre la bravissima e coraggiosa macchinista del treno, che è riuscita ad evitare una sciagura e che è stata elogiata dai viaggiatori, ha riportato vari traumi.

Considerato il danno alla linea ferroviaria è stato messo in funzione, per il percorso interessato, un servizio sostitutivo con autobus. Questa mattina il collegamento faceva riscontrare disagi, con soli sue mezzi impiegati nel tratto tra  Fossano e Mondovì.

Non è facile, sicuramente, provvedere ad un disguido simile all’ interruzione di una linea ferroviaria, però sembra sempre si faccia apposta, da parte di chi deve  provvedere, a suscitare malumori e critiche, proprio quando, come per il “ponte” in corso, le partenze sono numerose!

Trenitalia, tiene a precisare, già ieri nelle ore immediatamente successive allo “svio” – e poco importa agli utenti se è “svio”, termine tecnico ignoto alla maggioranza dei mortali, o se è deragliamento – avvenuto a Trinità Bene Vagienna, ha contattato trenta aziende di trasporto stradale -piccole, medie e grandi dimensioni, sia pubbliche che private- in Piemonte e Liguria, per poter utilizzare il maggior numero possibile di autobus per i servizi sostitutivi nel tratto interrotto tra Mondovì e Fossano. A causa del periodo di vacanza, per i ponti del 25 aprile e del 1° maggio, le imprese hanno assicurato disponibili, al momento, solo i quattro pullman che stanno attualmente svolgendo il servizio spola tra Mondovì e Fossano. Tutti gli altri autobus sarebbero infatti utilizzati per altri servizi. Consapevole che i mezzi non sarebbero stati sufficienti per il numero di viaggiatori previsto sulla linea Torino – Savona, già nella giornata di ieri, Trenitalia ha consigliato, per i viaggi verso la Riviera, di utilizzare l’itinerario alternativo “via Genova” senza sovrapprezzo. Informazione comunicata ai media e diffusa nelle stazioni già dalla giornata di ieri. Vista la situazione l’unica alternativa era sospendere tutti i servizi ferroviari programmati. Decisione che Trenitalia non ha adottato con senso di responsabilità perché avrebbe solo creato maggiori disagi a quanti avevano già programmato il viaggio, in particolare per i passeggeri che utilizzano il treno nelle tratte intermedie della relazione Torino – Savona. Tutte le località sono presidiate con assistenza ai clienti dedicata. Però ciò non basta a tacitare i “mugugni” e, soprattutto, a rendere soddisfacente il viaggio! Sembra sempre che le Ferrovie siano prese alla sprovvista, non siano dotate di piani di emergenza – e forse non lo sono davvero! – e si affidino, per le situazioni straordinarie, anche se con buona volontà, alla totale improvvisazione e ciò nuoce alla loro affidabilità ed al loro prestigio e va a nutrire l’affamata e sempre pronta fronda di chi non aspetta altro per poter accusare e diffondere disfattismo!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *