Attualità

Dieci agenzie immobiliari savonesi candidate al marchio “Ospitalità Italiana”

Dieci agenzie immobiliari savonesi che si occupano della locazione di seconde case ad uso turistico sul territorio provinciale si sono candidate per ottenere il marchio di qualità alle “seconde case” nell’ambito del progetto “Ospitalità Italiana” di Isnart – Unioncamere, riservato attualmente ad alberghi, ristoranti, campeggi, B&B, bagni marini.

Da lunedì  una commissione procederà all’ accertamento della presenza dei parametri di qualità previsti dal bando della Camera di Commercio di Savona per l’attribuzione del marchio. “Un’opportunità di rilievo – commenta Stefano Persenda, presidente del collegio provinciale di Fimaaa, Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari -, che insieme alle recenti normative emesse dalla Regione Liguria nel campo dell’offerta ricettiva turistica, non potrà che essere da traino e stimolo verso nuovi investimenti sulla qualità per tutto il comparto che rappresentiamo. E’ un percorso virtuoso, rivolto a valorizzare le peculiarità del nostro bellissimo e variegato territorio” . Anche Giuseppe Italiani, presidente provinciale Fiaip, Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali, plaude e appoggia l’iniziativa camerale: “La qualità degli alloggi – osserva – è sempre stata per la nostra Federazione un elemento di fondamentale importanza e finalmente i tempi sono maturi per dotarci di uno strumento ufficialmente riconosciuto che possa distinguere e premiare chi investe in qualità ed è rispettoso delle normative regionali adottate di recente”. L’iniziativa camerale, nata in collaborazione con Isnart, Istituto Nazionale Ricerche Turistiche, Unioncamere e Associazioni nazionali e provinciali di rappresentanza degli agenti immobiliari, si propone di promuovere e valorizzare l’offerta di alloggi ammobiliati ad uso turistico con standard qualitativi elevati, tali da assicurare all’utenza non solo un livello di confort più che decoroso e competitivo rispetto allo specifico segmento di mercato, ma anche un insieme di servizi – garantiti dagli intermediari – caratterizzati da chiarezza, trasparenza e adeguata accoglienza. Il settore delle seconde case ha un rilievo economico particolare in provincia di Savona, dove il 40% degli alloggi non è utilizzato come abitazione principale, con punte di oltre il 50% in alcuni comuni costieri e con il primato di Borghetto Santo Spirito, dove il 61% degli appartamenti è a disposizione di non residenti. Circa il 30% delle seconde case, è stato calcolato, pari ad uno stock di quasi 30 mila alloggi, è disponibile sul mercato delle locazioni stagionali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: