Attualità

“Discesa” e processione del Cristo Risorto

Per i confratelli del Cristo Risorto l’importante processione del Venerdì Santo rappresenta solo l’incipit delle celebrazioni che sono i propri momenti forti. Il sabato santo, dopo aver assistito alla Veglia pasquale in Cattedrale, si recano processionalmente nell’oratorio di via Aonzo scortando il Vescovo, che presiederà la breve, ma intensa e significativa cerimonia della discesa della celebre statua. Nella chiesa, sempre gremita di fedeli, completamente buia, il Priore proclama l’avvenuta risurrezione: “Resurrexit Dominus vere, alleluja!”. A questo punto, accompagnato dal tradizionale canto del Benedictus, il Cristo Risorto, con il solo volto illuminato, lentamente e solennemente discende fino al pavimento. Giunto a terra, dopo una preghiera guidata dal vescovo viene predisposto per il bacio del piede da parte dei fedeli.

Era antica tradizione che la statua dovesse essere portata in processione e rientrare in oratorio la mattina di Pasqua prima del levare del sole, che l’avrebbe sciolta poiché di cera. Ovviamente si tratta solo di una leggenda – la preziosa statua è di legno – e attualmente la processione, onorata dalla presenza del vescovo, parte alle 9, accompagnata dalle note della Banda Sant’Ambrogio di Legino che si intercalano con le preghiere guidate dal Priore. Il percorso di quest’anno sarà: oratorio, via Mistrangelo, piazza Diaz, via dei Mille, via Brignoni, piazza Saffi, via Boselli, piazza Mameli ove verrà reso omaggio ai Caduti, via Paleocapa, oratorio. Al rientro in oratorio monsignor Lupi presiederà la solenne celebrazione pasquale. La statua del Cristo Risorto sarà a disposizione dei fedeli che volessero renderle omaggio fino al giorno dell’Ascensione, quando al termine della Messa, ancora accompagnata dal canto del Benedictus, verrà riportata nella sua nicchia posta sopra l’altar maggiore.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: