Musica

Domani a Loano concerto di solidarietà di Ron

Ferragosto di solidarietà a Loano, dove prosegue la campagna di raccolta fondi destinati alla messa in sicurezza dell’asilo nido del Comune di Quistello. Domani, nell’Arena Estiva Giardino del Principe, si svolgerà il concerto di Ron, organizzato dall’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano, per sostenere il progetto “Loano aiuta Quistello”. “L’obiettivo della serata – spiegano il Sindaco di Loano Luigi Pignocca e il Vice Sindaco Remo Zaccaria – è quello di raccogliere fondi per coprire parte delle spese per la ristrutturazione dell’asilo nido del Comune di Quistello, così da consentire ai bambini di poter ritornare a Settembre nella loro scuola”.

“Abbiamo invitato il Sindaco del piccolo centro mantovano a raccontare dal palco del Giardino del Principe le principali emergenze che il comune si trova ad affrontare, dopo il devastante terremoto dello scorso fine maggio. Nella giornata, inoltre, sarà presente sulla passeggiata, in Orto Maccagli, il camper del comune mantovano con prodotti tipici la cui vendita servirà per il finanziamento di ristrutturazioni necessarie a causa dei danni provocati dal terremoto. Siamo certi che non mancherà la solidarietà del pubblico e che residenti e turisti ci aiuteranno a garantire una sede sicura e un ritorno alla normalità per i cittadini più piccoli di Quistello. Il Comune di Loano ha rinunciato allo spettacolo pirotecnico di ferragosto e ha devoluto 13 mila euro al progetto. L’intera città è coinvolta in questa gara di solidarietà che vede quale collettore unico la Fondazione S. Stella-L. Grossi. ”

Protagonista della serata sarà Ron con il suo ultimo spettacolo, un intimo e inaspettato percorso nel tempo. Autore di brani memorabili – da “Anima” a “Vorrei incontrarti fra cent’anni”, da “Al centro della musica” a “Una città per cantare”, versione italiana della celebre hit di Jackson Browne The road -, Ron è uno dei maggiori cantautori italiani.  Oltre trent’anni di carriera costellata da molteplici esperienze e collaborazioni – ha scritto canzoni per Gianni Morandi, Fiorella Mannoia, Lucio Dalla, Loredana Berte’, Anna Oxa, Biagio Antonacci, Tosca, Milva, Loretta Goggi -, non rappresentano di certo un punto di arrivo, ma anzi diventano con l’esperienza acquisita stimolo per andare sempre avanti ad esplorare i luoghi più strani, diversi e affascinanti della musica.
Artista appassionato, Ron non ha mai smesso di suonare e cantare e ha portato ovunque la sua musica, sia in Italia che all’estero, confrontandosi con diverse esperienze: dai concerti con grandi band, all’orchestra sinfonica, dal teatro canzone ai concerti-eventi nei palasport, fino ad arrivare alla dimensione più intima dove Ron riesce a imprimere le sue parole e le sue note con potente semplicità.
Il cantautore di Dorno prosegue il suo percorso artistico con una prestigiosa ed eccellente formazione musicale e con un repertorio prezioso per un concerto acustico speciale, in cui l’artista si racconta attraverso le sue canzoni. Volutamente pochi strumenti sul palco: la sua chitarra, il pianoforte di Fabio Gangi e il violoncello e il canto di Giovanna Famulari. E ovviamente l’inconfondibile voce di Ron.

La serata è ad ingresso gratuito con raccolta fondi per il progetto Loano aiuta Quistello, campagna di solidarietà avviata dal Comune di Loano, in collaborazione con la Fondazione
S.Stella-L.Grossi, ha visto l’adesione di tante associazioni loanesi: l’ASCOM, l’Associazione Vecchia Loano, l’Associazione Albergatori Loanesi, la Pro Loco, il Sindacato Bagni
Marini di Loano, la sezione loanese della Croce Rossa Italiana, il Lions Club Loano Doria, l’ UNITRE di Loano, Associazione musicale S.M. Immacolata, e la Fidapa.
La Fondazione S. Stella-L. Grossi, in ottemperanza alle prescrizioni del proprio Statuto e in convenzione con il Comune di Loano, sarà il collettore unico della raccolta fondi pro Quistello.
La Fondazione, che ha tra i principali obiettivi quello di promuovere iniziative di carattere sociale, ha attivato un numero di telefono per dare tutte le informazioni (cell. 393.2289153) e un conto dedicato dove saranno convogliati tutti i fondi destinati alla ricostruzione dell’asilo comunale della città del mantovano. Inoltre, ha già deliberato di destinare 10 mila euro di fondi propri all’iniziativa e ha raccolto da privati circa tremila euro.
Il conto è IT28Q0552649430000000001055
Biografia Ron
Rosalino Cellamare nasce a Dorno (PV) il 13 Agosto del 1953. Fin da ragazzino manifesta un’innata passione per la musica. Seguendo il fratello Italo, che studia pianoforte, prende lezioni di canto dalla maestra Adele Bartoli che lo fa partecipare a diversi concorsi canori, riscontrando molte soddisfazioni.
Il 27 Febbraio del 1970 sale sul palco di Sanremo insieme con Nada, conquistando il settimo posto con la canzone Pa’ diglielo a ma’. Nel 1971 suscita una notevole attenzione per la sua partecipazione al Disco per l’estate con il brano Il gigante e la bambina, dal testo difficile per l’argomento trattato, violenza sui minori, che riporta una strofa censurata a causa della tematica non certo facile per allora.
La sua carriera come autore comincia nel 1972, quando durante un viaggio in nave per la Sicilia scrive la musica di Piazza Grande, canzone presentata a Sanremo da Lucio Dalla. Nel 1972 pubblica il suo primo album dal titolo Il bosco degli amanti, dove è autore di tutte le musiche. Seguono altri due album dal titolo Dal nostro livello, dove Ron mette in musica i temi di una scuola elementare di Cinisello Balsamo, ed Esperienze.
Una pausa dall’ambiente della musica porta Ron a lavorare nel mondo cinematografico partecipando come attore nel film, Lezioni Private di Vittorio DeSisti, L’Agnese va a morire di Giuliano Montaldo, In nome del Papa Re di Luigi Magni, Turi e i paladini di Angelo d’Alessandro e Mascagni di Aldo Lado.
Nel 1979 è chiamato da Francesco de Gregori e Lucio Dalla per curare gli arrangiamenti della tournee Banana Repubblic, dove partecipa come musicista suonando la chitarra e il pianoforte e come cantante con i brani I ragazzi italiani e Come và.
Nel 1980 pubblica l’album Una città per cantare che contiene il singolo che da il titolo all’album, cover di The Road di D.O.Keefe, cantata da Jackson Browne. Nello stesso anno realizza insieme ad Ivan Graziani e Goran Kuzminac un Qdisc dal titolo Canzone senza inganni.
Segue nel 1981 l’album Al centro della musica e al ritorno di un lungo viaggio negli Stati Uniti nel 1982 pubblica l’album Guarda chi si vede, che contiene il singolo Anima che vince il Festivalbar.
Dopo una breve pausa di riflessione Ron decide di realizzare un album live Tutti i cuori viaggianti registrato in studio alla presenza dei suoi fan e giornalisti, dove reinterpreta alcuni brani del passato tra cui Occhi di ragazza cantata in coppia con Gianni Morandi da sempre suo grande idolo. Nello stesso anno pieno di energia Ron pubblica l’album Calypso avvalendosi della collaborazione di Mauro Malavasi.
Nel 1984 pubblica un album-best I grandi successi di Ron, che contiene Joe Temerario brano scelto come sigla di Domenica in e voluta da Mario Monicelli nel 1986 nel film Speriamo che sia femmina. L’anno successivo incide un album che ha come titolo il suo nome, Ron, e nel 1986 E’ l’Italia che va.
Dopo due anni di silenzio ritorna a Sanremo con il brano Il mondo avrà una grande anima, canzone inspirata dalla storia di Mattias Rast atterrato con il suo aereo da turismo sulla Piazza Rossa. La canzone darà anche il titolo ad un album live registrato durante una tournee teatrale.
Nel 1989 Ron produce il primo album di Biagio Antonacci dal titolo Sono cose che capitano.
Nel 1990 Ron cambia casa discografica e passato alla WEA pubblica l’album Apri le braccia e poi vola. Nello stesso anno scrive Attenti al lupo canzone interpretata da Lucio Dalla.
Nel 1992 incide l’album Le foglie e il vento, iniziando la sua collaborazione con Greg Walsh che contiene il singolo Non abbiam bisogno di parole.
Nel 1994 pubblica l’album Angelo che contiene il brano Tutti quanti abbiamo un angelo.
Nel 1995 Ron riesce a coronare un grande sogno: la realizzazione di un proprio studio di registrazione “Angelo Studio”. Tanti i colleghi che vi hanno realizzato i propri dischi: Miguel Bose’, Anna Oxa, Mango, Gianluca Grignani, Dirotta su Cuba e altri.
Nel 1996 ritorna a Sanremo con il brano Vorrei incontrarti tra cent’anni cantato insieme a Tosca aggiudicandosi la vittoria. La canzone è inclusa nell’album che porta lo stesso titolo del brano vincitore e contiene una raccolta di successi completamente riarrangiati. Nel Dicembre dello stesso anno partecipa al Concerto di Natale in Vaticano con il brano inedito Natale tutto l’anno, scritto per l’occasione e arrangiato dal maestro Renato Serio.
L’anno seguente incide Stelle. Nel 1998 ritorna a Sanremo con il brano Un porto nel vento. Scritto interamente in una baita di montagna a Livigno nel 1999 pubblica l’album Adesso, che segna il passaggio ad una nuova casa discografica la CGD.
Il 27 Febbraio del 2000 Ron festeggia i suoi trent’anni di carriera e la Rai 2 propone uno spettacolo in prima serata dal titolo “Una citta’ per cantare”, dove insieme ai suoi amici e colleghi più cari ripercorrerà momenti della sua carriera. Partecipano a questa festa: Gianni Morandi, Tosca, Lucio Dalla, Luna, Jackson Browne Biagio Antonacci e Ornella Muti. Il ruolo di padrone di casa è affidato a Francesco Paoloantoni affiancato da Nina Moric. Insieme alla trasmissione è pubblicato un doppio album-best, realizzato con il maestro Beppe Vessicchio e la sua orchestra, dal titolo ‘70/’00 che oltre a contenere i brani cantati in coppia con gli artisti presenti alla serata contiene dei brani inediti tra cui il singolo Noi, scritto in coppia con Maurizio Fabrizio e interpretato in un video dalla splendida Ornella Muti.
Nel 2001 Ron pubblica Cuori di vetro, un disco di inediti i cui testi sono stati scritti – oltre che dallo stesso Ron – da Carmen Consoli, Gianluca Grignani, Jovanotti, Francesco De Gregori, Renato Zero, Pasquale Panella, Renzo Zenobi.
Nel 2006 è la volta di Ma quando dici amore: un progetto particolare, ovvero un disco di duetti con finalità benefiche. Infatti, tutti i proventi del disco sono devoluti all’AISLA, onlus impegnata nella lotta alla malattia Sclerosi Laterale Amiotrofica.Il disco comprende tredici duetti con artisti italiani del calibro di Jovanotti, Raf, Elisa, Loredana Bertè, una traccia ROM con la partecipazione di Renato Zero e, in apertura, “L’uomo delle stelle”, brano portato in gara al Festival di Sanremo edizione 2006.
Nel maggio del 2007 esce il singolo “L’amore è una bombola di gas”, in seguito al quale il musicista comincia un lungo tour; a ottobre viene pubblicato l’album ROSALINO CELLAMARE –RON IN CONCERTO, registrato dal vivo con l’accompagnamento dell’Orchestra Toscana Jazz.
Nel 2008 esce Quando sarò capace d’amare, lavoro che contiene dieci canzoni scritte assieme a Neffa, Renzo Zenobi, Kaballà e suonate con Lucio Dalla e Alex Britti.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: