Cultura e Musica

Domani si chiude a Finalborgo la Festa dell’Inquietudine

Si concluderà, domani, domenica 3 giugno, nel Complesso Monumentale di Santa Caterina a Finale Ligure Borgo, la quinta edizione della Festa dell’Inquietudine. Appuntamento clou della giornata sarà la consegna del premio Inquieto dell’anno agli abitanti de L’Aquila e a Ferruccio de Bortoli, direttore del Corriere della Sera.

“Per la prima volta quest’anno, insieme ad un personaggio viene premiato un caso, una vicenda che ha lasciato un segno nella vita italiana e della quale sono state protagoniste tante persone, portatrici di inquietudini diverse ma sempre propositive. – dice il presidente del Circolo degli Inquieti, Elio Ferraris –  Per questo  con Ferruccio de Bortoli, personalità ‘’ingannevolmente quieta’’, salirà sul palco una rappresentanza dei giovani de L’Aquila”.Il premio non ha valore venale e consiste in una pentola di terracotta con all’interno un telo di lino con il titolo di Inquieto ricamato. Negli anni scorsi il riconoscimento è stato conferito, tra gli altri, a Don Luigi Ciotti, Milly e Massimo Moratti, Raffaella Carrà, Oliviero Toscani, Gad Lerner, Gino Paoli, Antonio Ricci, Costa Gravas, Elio di “Elio e le Storie Tese” e Renato Zero.Le iniziative per la consegna del premio prenderanno il via alle 15,30 con l’incontro con i giovani dell’Aquila coordinato da Eros Achiardi.  Alle 16,30 i musicisti Diego Beltrame (chitarra), Dino Cerruti (bassista e contrabbassista), Marco Pizzorno (chitarra), Mattia Prato (pianoforte, percussioni e canto lirico), Roberto Rebuffello (sassofono) e Luca Soi (violino), eseguiranno il tradizionale “Concerto in onore dell’Inquieto dell’anno”, con la direzione del maestro Dario B. Caruso.Molte settimane fa il Circolo degli Inquieti aveva deciso di conferire – unitamente a Ferruccio de Bortoli – agli Abitanti de L’Aquila il premio Inquieto dell’Anno. Era un riconoscimento alle 308 vittime, agli oltre 1600 feriti e ai 72.442 abitanti di una Città in cui i danni ammontano ad oltre 10 miliardi di danni. “A tutti loro – dice il Presidente del Circolo Elio Ferraris – attribuiremo idealmente la nostra attestazione di Inquietudine. Di fatto la consegneremo alle persone che abbiamo scelto come ospiti e che ci sono venute a trovare. Ad esse – piccola parte di un patrimonio umano piagato da un evento devastante – porteremo la nostra gratitudine per quanto stanno facendo in quel territorio con progetti innovativi, tesi a restituire socialità e cultura alla loro Città, attraverso iniziative efficaci e valide anche oltre il territorio di riferimento. Quando decidemmo di conferire agli Abitanti de L’Aquila questa attestazione, volevamo contribuire a mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica e delle Istituzioni sul terremoto che il 6 aprile 2009 distrusse quella Città. Oggi – davanti al dolore e alle rovine di un nuovo devastante terremoto che ha colpito una larga area dell’Emilia – quel riconoscimento risulta ancor più pertinente.  Esso è, nel contempo, un invito a trovare, finalmente, le giuste soluzioni a L’Aquila e un monito a non propagare in altre parti, con gli errori, nuovo dolore. Con gli Abitanti de L’Aquila abbracceremo, quindi, tutti gli abitanti dell’Emilia colpiti da quest’ultimo terribile evento”.Alle 17,15 salirà sul palco dell’Auditorium Ferruccio de Bortoli, per la tradizionale intervista con intermezzi musicali condotta da Elio Ferraris. “Definire Ferruccio de Bortoli Inquieto può apparire un ossimoro, un esercizio retorico che accosta ad un nome una parola di senso contrario. – dicono agli Inquieti  – de Bortoli affascina per il suo tratto quieto, signorile, distinto; per  il suo stile raffinato e composto. Ma è proprio in queste caratteristiche che abbiamo individuato le fondamenta della sua Inquietudine”.Ma le iniziative del 3 giugno non si esauriranno nella cerimonia di consegna del premio. Alle 10,15, nella sala delle Colonne, si terrà l’ultimo dei “Ring”, i laboratori interattivi esperienziali condotti da S.P.I.A (Sentieri di psicologia integrata e applicata). “Il ‘’Ring’’ è un laboratorio delle emozioni. – spiegano i curatori – Prevede regole precise, un contesto di gruppo e la guida attenta di conduttori esperti. All’interno di questo quadro rigoroso chi lo desidera potrà partecipare a giochi intorno al tema del potere”. Le iscrizioni saranno raccolte alla reception della Festa presso i Chiostri di Santa Caterina (per informazioni: tel. 373/76.69.717).Alle 10,30, all’Auditorium, nell’ambito della rassegna “Doc in Borgo”, sarà proiettato il documentario di Sergio Basso “Giallo a Milano”, sulla realtà della comunità cinese nel capoluogo lombardo. Al termine della proiezione, Teo De Luigi, regista e documentarista riminese e curatore della rassegna, darà vita insieme a Paolo Griseri, inviato di Repubblica, al dibattito “La Cina è vicina?”Alle 12,30 la Festa si sposterà nei Giardini Gallesio per un aperitivo psicologico con Stefano Mennella, psichiatra e psicoterapeuta, dal titolo “Il potere nei gruppi o le città invisibili”.Per tutta la durata della Festa e fino al 10 giugno sarà visitabile all’Oratorio de’ Disciplinanti di Santa Caterina la mostra di Pietro Boragina “Terra del Fuoco”, racconto “cum figuris” di un viaggio compiuto nella  mente attraverso le terre mitiche e misteriose dell’estremo sud del continente americano.La Festa  è  organizzata dal Circolo degli Inquieti di Savona con la collaborazione e il sostegno del Comune di Finale Ligure, della Regione Liguria, della Provincia di Savona e della Fondazione De Mari.

Angelo Damiani

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: