Attualità

Don Fortunato Di Noto a Savona per il piano diocesano

Don Fortunato Di Noto, da anni protagonista della lotta all’abuso sui minori, ospite oggi e domani a Savona nell’ambito del piano per prevenire la pedofilia varato nello scorso novembre dalla diocesi di Savona-Noli. Dunque un relatore davvero prestigioso per un progetto all’avanguardia che, secondo l’autorevole Cismai partner dell’iniziativa, è il primo di questa portata nella chiesa italiana. Come previsto, dopo i primi incontri sul tema, il Consiglio pastorale diocesano ha formulato percorsi educativi e formativi grazie proprio al supporto degli esperti del Coordinamento italiano contro gli abusi sull’infanzia, ente “laico” e riconosciuto a livello internazionale.

Così si è passati alla seconda fase con un programma “doppio”, studiato sia per i sacerdoti sia per gli educatori (gruppi, associazioni, catechisti) cui il vescovo Lupi ha inviato una lettera-invito. Dopo il primo doppio incontro della scorsa settimana intitolato “Linee guida sull’abuso sessuale infantile” con la dottoressa Cesira Di Guglielmo, psicologa e psicoterapeuta del Cismai, i prossimi appuntamenti presso il Seminario vescovile di domani, martedì 15 maggio alle 21 (per gli educatori) e il giorno seguente, mercoledì 16 alle 9,30 per i sacerdoti sono come detto con don Di Noto sacerdote celebre per la sua lotta contro la pedofilia e per la tutela dell’infanzia in Italia e nel mondo, nonché fondatore dell’Associazione Meter. Sempre in ambito di tutela dei minori e di lotta alla pedofilia, è stato consulente tecnico in varie procure italiane per delicate indagini sul fronte della criminalità pedopornografica e dello sfruttamento sessuale dei bambini. A livello istituzionale ha rivestito importanti incarichi: membro dell’Osservatorio nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza; consulente del ministero delle Comunicazioni per le politiche dell’infanzia, membro effettivo del Comitato di garanzia e tutela Internet@Minori che fa capo a tale Ministero e membro del comitato scientifico «Ciclope» della Presidenza del Consiglio dei ministri. Dal 2004, è membro del comitato scientifico della polizia postale e delle comunicazioni, contro il fenomeno della pedofilia e della pedopornografia. Nello stesso anno è diventato membro del comitato scientifico dell’ICAA (International Crime Analysis Association). Consulente nei vari Ministeri per le politiche dell’infanzia. Numerosi sono i riconoscimenti nazionali ed internazionali che sono stati consegnati a don Di Noto, fra cui l’alta onorificenza di Cavaliere della Repubblica italiana per l’impegno profuso nei confronti dell’infanzia. Al suo attivo ha numerosi articoli e saggi in riviste nazionali e internazionali sul tema dello sfruttamento sessuale dei minori, nonché è autore di importanti testi. Come fondatore e presidente dell’Associazione METER, a tutela dell’infanzia e della adolescenza, (www.associazionemeter.org) ha promosso e fondato l’Associazione “I Superabili” per l’integrazione delle persone portatori di handicap psico-fisici, ha realizzato con l’associazione la “Giornata dei Bambini – vittime della violenza, dello sfruttamento e dell’indifferenza” (dal 25 aprile di ogni anno alla prima domenica di Maggio). In 20 anni di impegno a tutela dell’infanzia ha partecipato a oltre duemila convegni, seminari e incontri come relatore ed esperto nelle problematiche dell’infanzia. Ha partecipato, come esperto a conferenze di servizio e progettuali al Parlamento italiano e al Parlamento europeo e ha contribuito per la stesura della legge contro la pedofilia in Giappone ed è studiato, tra le altre, presso la Facoltà di Pechino. Le sue denunce hanno aperto, agli inizi degli anni duemila, una maxinchiesta da parte della Procura di Torre Annunziata che ha portato alla luce una rete europea della pedofilia. “Traccia educativa per una nuova pastorale di prossimità contro gli abusi” sarà il titolo degli appuntamenti savonesi. Il relatore prenderà in esame il problema nelle sue implicanze educative, con l’intento di individuare percorsi pastorali che contrastino il fenomeno. Il taglio sarà quello di mettere in risalto la responsabilità e le scelte che la chiesa è chiamata a mettere in gioco per sapersi misurare con il fenomeno dell’abuso. Da ricordare infine che il programma che avrà poi una sua naturale evoluzione dopo l’estate con un autentico corso “full immersion” e incontri previsti nelle parrocchie. Soprattutto in questa ulteriore fase, qualora ce ne fossero le condizioni, si offriranno occasioni per coinvolgere eventuali vittime sul territorio. Ad ogni modo, queste potranno mettersi già oggi in contatto privatamente – per ovvie ragioni di privacy – con gli organismi diocesani per concordare incontri personali e gratuiti con esperti. Una disponibilità che peraltro ha già trovato riscontro nei mesi passati.

Angelo Damiani

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: