Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCuriosando qua e là

Donati al comune di Genova quattro dispositivi per ipoudenti

Un nuovo servizio per aiutare le persone con problemi di udito, che si recano in alcuni uffici pubblici del Comune di Genova, ad avere una migliore comunicazione con gli operatori; si tratta di quattro dispositivi per persone sorde o ipoudenti che saranno installati presso alcuni sportelli comunali aperti al pubblico. A donare gli apparecchi al Comune di Genova sono stati i Lions insieme ad ALI, l’Associazione Ligure Ipoudenti-Sulle ALI dell’udito; i quattro pannelli portatili ad induzione magnetica saranno collocati rispettivamente: uno all’ufficio anagrafe in corso Torino,  due agli uffici IAT (Informazioni e Accoglienza Turistica) di via Garibaldi e al Porto Antico,  l’ultimo al CLIBAS, il Centro Ligure Informativo per il Benessere Ambientale e Sociale delle persone disabili o fragili e loro familiari, situato nella Casa della Salute di Genova Quarto. Si tratta di dispositivi di amplificazione dedicata, destinati alle persone che usufruiscono di ausili acustici o impianti cocleari dotati di bobina per telefono. Il microfono incorporato nel pannello preleva, in maniera selettiva, la voce della persona che parla nella direzione del pannello. La voce viene amplificata e convertita in un campo magnetico che si propaga radialmente fino alla distanza massima di circa un metro. Il campo magnetico viene ricevuto dalla protesi acustica, consentendo così alla persona ipoudente di sentire in maniera chiara e intelligibile la voce del suo interlocutore. La tecnologia ad induzione magnetica è progettata per aiutare i soggetti ipoudenti a sentire in maniera chiara le conversazioni, specie quando queste ultime si svolgono in luoghi affollati dove il rumore dell’ambiente non consente di percepire i suoni in maniera intelligibile: banche, uffici postali, sportelli pubblici, farmacie, supermarket, hotel reception, tavoli di riunione.

“Ringrazio chi ha donato poichè la disabilità sensoriale è sottovalutata ma non è meno importante”, dichiara il vicesindaco Massimo Nicolò, “e chi non sente è isolato dal mondo e non interagisce. Abbiamo deciso di collocare questi strumenti presso gli uffici comunali per migliorare il contatto con la pubblica amministrazione poichè il rapporto tra i non udenti ed il personale degli uffici è difficile ma in questo modo tutti possono interagire”.

Stessa soddisfazione da parte di Lorenza Rosso, assessore alle persone diversamente abili :”Sono orgogliosa di essere qui e ringrazio la disability manager Cristina Bellingeri che si occupa dei problemi dei disabili; la disabilità è un problema sociale ed abbiamo attuato il PEBA (Piano Eliminazione Barriere Architettoniche) poichè tutti possono essere toccati da questo problema. Mi preoccupo perchè il settore pubblico ha sempre fatto poco per i sordi ed i progetti che arrivano dai privati sono portati avanti bene; le ripartenze sono uno slancio importante per il futuro ed il CLIBAS è stato fortemente voluto da regione e comune”.

“Unire il lavoro del comune e dei Lions è molto importante ed iniziative come questa permettono di superare le barriere architettoniche e sensoriali nel settore turistico”, afferma l’assessore al turismo Laura Gaggero, “e tra i turisti che arrivano a Genova con le navi da crociera ci sono molti anziani. Sono orgogliosa di questo progetto ma voglio ricordare che dispositivi simili sono presenti a Palazzo Tursi presso il salone di rappresentanza e la sala consigliare; è molto bello che presso gli uffici siano stati installati strumenti di questo tipo”.

“Sono poche le città che hanno un disability manager, una sorta di tramite tra l’ente, le persone e le associazioni”, sottolinea Cristina Bellingeri, “e la sordità è una patologia invisibile ma l’amministrazione deve aiutare queste persone. Sono stati creati corsi per gli addetti delle biblioteche e dei musei e nel PEBA sono presenti tante ore di formazione per i dipendenti comunali; il lavoro di formazione è importante e l’impianto per aiutare i non udenti presso il salone di rappresentanza a Palazzo Tursi è stato messo durante la ristrutturazione. I Lions hanno donato quattro dispositivi che abbiamo deciso di inserire in alcuni punti molto importanti per la collettività : uno all’ufficio anagrafe in corso Torino,  due agli uffici IAT (Informazioni e Accoglienza Turistica) di via Garibaldi e al Porto Antico,  l’ultimo al CLIBAS, il Centro Ligure Informativo per il Benessere Ambientale e Sociale delle persone disabili o fragili e loro familiari, situato nella Casa della Salute di Genova Quarto. Questo progetto non ha nessun costo per il comune di Genova”.

“La pandemia ha evidenziato i problemi per i non udenti derivanti dal plexiglass e dalle mascherine”, evidenzia Liliana Cardone, presidente dell’associazione ALI-Sulle ALI dell’udito, “e spero che questo progetto possa allargarsi. La città sta rispondendo bene e vi sono molti progetti nel settore”.

“Questo progetto è molto importante poichè occorre aiutare gli uffici pubblici in cui le persone sorde hanno difficoltà a comunicare”, ricorda Fabiano Di Gioia già componente del comitato Lions sordità, “e per noi l’abbattimento delle barriere architettoniche è importante. I Lions di Lavagna sono un club di scopo e si conclude qualcosa iniziato anni fa”.

“Chiediamo l’eliminazione delle barriere architettoniche per i non udenti”, commenta Silvana Baroni, Commendatore della Repubblica per il lavoro svolto con i sordi, “e vi è bisogno che iniziative di questo genere possano essere ampliate”.

“Ringrazio Fabiano Di Gioia dicendo che abbiamo in mente un progetto legato ad un concerto presso l’auditorium di Palazzo Rosso per raccogliere fondi per comprare questi strumenti ma il lockdown ha bloccato tutto”, dichiara Silvia Garibaldi del Lions Club Lavagna Valfontanabuona, club di scopo sull’abbattimento barriere, “e compriamo un quinto strumento chiedendo all’amministrazione quale sia il luogo migliore per la collocazione. Tutti hanno svolto un lavoro importante ma soprattutto la disability manager Cristina Bellingeri”.

“La proposta dell’amministrazione è quella di installare il quinto strumento presso una delle farmacie comunali”, conclude il vicesindaco Nicolò.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: