Attualità

Due anni fa: un crollo da cui ci si deve rialzare

A due anni dal crollo del ponte Morandi,  il 14 agosto 2018, si è tenuta a Genova una manifestazione di ricordo, cui si unisce il deputato del PD  FRanco Vazio, che così si è espresso:”Il silenzio profondo e commosso di fronte alle 43 vittime del Ponte Morandi e alle loro famiglie segna la misura della sofferenza di una comunità e dell’Italia intera per quanto accaduto in quel maledetto 14 agosto 2018. Non ci sono parole o denaro che possano lenire il dolore per una tale tragedia”.

“Serve uno Stato che non faccia sconti, che sappia rispondere alle domande di tutto il Paese in nome della giustizia e della chiarezza. Uno Stato pronto a sostenere i familiari delle vittime. Perché siano accertate le responsabilità e irrogate pene esemplari per coloro che in nome di soldi e o di superficialità possano aver agevolato questa immane sciagura. Per farci comprendere come sia potuto accadere. Per spazzare via, infine, l’ambiguità di chi partecipa alle cerimonie, inneggia alla propria efficienza, ma non da spiegazione dei cospicui finanziamenti ricevuti dai concessionari autostradali”.

“Ora è il momento del silenzio e della preghiera, ma subito dopo, però, sarà il tempo delle risposte: lo dobbiamo alle vittime e ai loro familiari in primis, ma a tutto il Paese affinché mai più” conclude infine il parlamentare del Pd.

Il Comitato per le vittime del Crollo, guidato da Irene Possetti,  ha richiamato le autorità  a cercare la verità sulle responsabilità.

Una targa coi nomi delle vittime è stata apposto nell’atrio del Palazzo comunale di Genova.

E’ giusto commemorare e ricordare le vittime, ma non si potrà continuare infinitamente a considerare le 43 sfortunate vittime come un caso unico che dovrà pesare per sempre su tutti,  per dei colpevoli che devono essere cercati, pur se di loro sarebbero già noti i nomi ed i cognomi e  per i quali dal 14 agosto 2018 è stato pronunciato un verdetto di condanna inequivocabile e  definitivo. Non è forse così facile trovare dei colpevoli certi per un evento simile,  e putroppo i 43 morti del Morandi non saranno gli ultimi nella storia delle calamità naturali o degli incidenti, anche se lo vorremmo con tutto il cuore, ed i loro nomi non saranno incisi su di una lapide, come non lo sono stati, per la maggioranza, i nomi degli oltre cinquecento morti del tristemente famoso incidente di Balvano – 3 marzo 1944 – evento, se vogliamo, ancora più assurdo! Una frase nota recita che sarebbe meglio trovare soluzioni che non cercare colpevoli, e ribadiamo,  come già avevamo scritto,  è questo il vero modo per onorare le vittime!

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: