Cultura e Musica

E’ nato il Centro Regionale per l’Arte Contemporanea della Liguria

Lunedì 27 febbraio 2012, alle ore 11 nella Sala Direzione della sede regionale di Piazza De Ferrari 1, Angelo Berlangieri, Assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Liguria, ha presentato alla stampa la costituzione del Centro Regionale per l’Arte Contemporanea della Liguria, dall’acronimo CRAC, insieme all’Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Savona Elisa Di Padova, la Direttrice della Pinacoteca Eliana Mattiauda, la dirigente del Settore Politiche culturali e del turismo Marta Sperati.

Erano presenti anche i Servizi Culturali del Comune di La Spezia, Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, la Fondazione regionale per la Cultura e lo Spettacolo, il Museo d’arte contemporanea di Villa Croce di Genova, il Centro di arte moderna e contemporanea (CAMEC) della Spezia. Il CRAC, che sarà operativo attraverso il lavoro di un comitato scientifico coordinato dalla Fondazione regionale per la Cultura e lo Spettacolo e composto dai responsabili dei tre principali musei dedicati all’arte contemporanea, è stato costituito per favorire e incrementare le attività di promozione, valorizzazione e ricerca delle espressioni artistiche contemporanee in Liguria. Avvalendosi, nell’ambito delle sue iniziative, del supporto e della collaborazione di altre istituzioni pubbliche e private operanti sul territorio, il Centro Regionale per l’Arte Contemporanea si prefigge dunque di: promuovere la collaborazione e il raccordo tra istituzioni pubbliche e private e tra i centri di esposizione e produzione relativi all’arte contemporanea operanti sul territorio; valorizzare le collezioni permanenti dei musei di arte contemporanea liguri; promuovere comuni attività espositive, di diffusione e di ricerca; sviluppare una rete di relazioni scientifiche e istituzionali, a livello regionale, nazionale e internazionale. Tra i principali compiti del comitato scientifico del CRAC si prevedono: l’unificazione della catalogazione delle collezioni dei musei coinvolti; la partecipazione a progetti anche europei, per il reperimento di risorse da destinarsi a iniziative condivise; la ricerca di sponsorizzazioni per la realizzazione di progetti comuni; l’adozione di forme di comunicazione coordinate e unitarie; la realizzazione di laboratori per le scuole, la creazione di una banca dati dei giovani artisti operanti in Liguria; un diretto confronto tra i vari enti su operazioni di scambi culturali e di opere. 

Afferma l’Assessore alle Politiche Giovanili Elisa Di Padova “Le nostre realtà museali e le nostre attività sono state accolte con favore ed entusiasmo: parlo di Palazzo Gavotti, sede della Pinacoteca Civica, che ospita al suo interno opere di arte contemporanea, e con una attenzione particolare alla ceramica antica e contemporanea, molte delle acquisite grazie all’intervento della Fondazione A.De Mari – Cassa di Risparmio di Savona, esempio significativo dell’impegno di quest’istituzione per il patrimonio artistico locale, e soprattutto parlo delle straordinarie raccolte della Fondazione Museo di Arte Contemporanea Milena Milani in memoria di Carlo Cardazzo” prosegue l’Assessore Di Padova “Stiamo lavorando come è noto alla costituzione del Polo della Ceramica assecondando così quella che è la peculiarità di questo territorio. Auspico che il CRAC non sia solo somma delle principali realtà di arte contemporanea ma il prodotto, il valore aggiunto deve essere lo sviluppo dell’arte contemporanea nel nostro territorio, coinvolgendone le realtà, le nuove generazioni di artisti, per una promozione nono solo culturale anche turistica. In autunno con l’apertura delle Officine delle Idee nell’area della Darsena avremo creatività giovanile a 360 gradi, e potremo ospitare iniziative del CRAC in coordinamento con la Pinacoteca e la Fondazione Museo di Arte Contemporanea Milena Milani”.
E’ a Milena Milani e alla sua determinazione che si deve oggi il magnifico omaggio permanente alla memoria di Carlo Cardazzo con la presenza a Palazzo Gavotti di autentici capolavori “Proprio per le nuove generazioni desidero che le opere della Fondazione siano sempre più accessibili e fruibili. Ogni forma di promozione e di divulgazione serve alla cultura della città. Savona ha molti tesori e uno di questi è la Fondazione Museo di Arte Contemporanea Milena Milani in memoria di Carlo Cardazzo” (Milena Milani). Nata a Savona, Milena Milani è una delle più note scrittrici italiane, tradotta in numerosi paesi. Per vent’anni è stata la compagna di Carlo Cardazzo, scomparso nel 1963, protagonista della cultura italiana del Novecento, gallerista e collezionista di fama internazionale. La Fondazione è nata dal proposito di Milena Milani di creare nella sua città natale una istituzione finalizzata alla fruizione pubblica di opere di artisti italiani e stranieri tra i maggiori del XX secolo: solo per citarne alcuni, Pablo Picasso, Man Ray, Cy Twombly, Joan Mirò, René Magritte, Georges Mathieu, Lucio Fontana, Asger Jorn, Jean Dubuffet, Alexander Calder, Massimo Campigli, e molti altri.
Provenienti dalla sua collezione privata e donate alla Fondazione, oggi ospitate a Palazzo Gavotti, sede della Pinacoteca Civica, le opere rappresentano una significativa selezione dei più importanti momenti dell’arte contemporanea internazionale.
Attraverso alcune opere della Fondazione si può inoltre ripercorrere una delle più intense stagioni dell’arte non solo italiana vissute sul nostro territorio. Durante gli anni cinquanta infatti Albisola divenne autentico crocevia di incontri e sperimentazioni internazionali di cui Cardazzo e la Milani furono protagonisti e centri propulsori.
Il CRAC prevede già un momento concreto di grande prestigio. E’ stata difatti annunciata oggi la prima iniziativa che vedrà protagonisti tutti i soggetti coinvolti in questo progetto di collaborazione. Dal 27 giugno al 9 settembre si intende presentare a Londra, presso le splendide sale espositive della Estorick Collection of Modern Italian Art, la mostra “In astratto. Arte astratta italiana dalle collezioni dei musei liguri di arte contemporanea”. L’esposizione, curata da Matteo Fochessati (conservatore della Wolfsoniana – Fondazione Regionale per la Cultura e lo Spettacolo) presenterà il peculiare percorso artistico della pittura italiana del Novecento – dagli anni Trenta agli anni Settanta – nell’ambito delle differenti declinazioni del linguaggio astratto. La mostra, realizzata grazie anche al contributo della Estorick Collection, prestigiosa istituzione museale londinese nata nel 1998 e situata in uno splendido palazzo di epoca georgiana, sarà strutturata attraverso una selezione di opere provenienti dalle collezioni delle tre principali istituzioni museali liguri dedicate all’arte contemporanea.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: