Musica

Effetto Imu, spiagge deserte e città affollate

Secondo l’Osservatorio Europcar-Doxa sugli stili di vacanza degli italiani questa estate solo il 43% degli italiani andrà in ferie, mentre 57% sarà costretto a rimanere a casa.Dove andranno? Il 29% degli Italiani sceglierà ancora il mare, ma le presenze sulle spiagge saranno comunque un 30% circa in meno rispetto al 2010…Anche la Liguria sarà tra  le mete più ambite dai vacanzieri, mentre tra le destinazioni estere trionfano quelle a cortissimo raggio: Spagna, Francia e Grecia.Spiagge deserte e città affollate. E c’è già chi comincia a chiamarlo effetto IMU

Secondo le previsioni dell’Osservatorio Europcar/Doxa sugli stili di vacanza degli italiani, quest’anno rischia di passare alla storia come quello con il minor numero di vacanzieri dell’ultimo decennio. Solo il 43% degli italiani, infatti, pari a circa 22 milioni di persone, prevede di potersi concedere – tra crisi, tasse e problemi di lavoro – il lusso di una vacanza. 30 milioni – il 57% – saranno invece i nostri connazionali che resteranno a casa…Anche in questo caso, assistiamo a insolite differenze “di genere”: a partire saranno soprattutto gli uomini (47%), mentre tra le donne si registra solo un 39% di partenze. Stesso discorso rispetto all’età: tra coloro che si concederanno una vacanza, il 50% è tra gli under 54 e appena il 30% over 54… 6 donne su 10, quindi, e 7 anziani su 10 dovranno convivere con l’afa delle città e non potranno godere del relax estivo, a dimostrazione del fatto che queste restano categorie per molti aspetti socialmente ed economicamente svantaggiate. IL CALO DEL MARE E LE REGIONI Più AMBITE: LA LIGURIA NELLA TOP FIVE Il mare resta sempre la vacanza preferita dal Belpaese, ma quest’anno è anche è la meta che risente più duramente del brusco calo del numero di vacanzieri italiani: quest’estate ci saranno 6 milioni in meno di italiani sulle spiagge.Se appena due anni fa il mare era la meta scelta dal 41% degli italiani, quest’anno pensano di scegliere sole e ombrelloni solo il 29% dei connazionali, con un taglio netto del 30% circa di presenze rispetto al 2010.Mentre da un lato le preferenze per il mare calano letteralmente a picco, dall’altro lato reggono molto meglio quelle espresse per montagna (6%), città d’arte (3%), campagna e lago (2%) e vacanza itinerante (3%), che si attestano su livelli praticamente identici a quelli registrati negli due ultimi anni.La Sardegna è ancora la “più amata dagli italiani”, anche se quest’anno deve dividere il suo primato con la Puglia, raccogliendo entrambe il 10% delle preferenze dei vacanzieri. A seguire troviamo Trentino Alto Adige e Toscana (9%), la Calabria (8%), e a pari merito, Emilia Romagna, Sicilia e Liguria, che saranno scelte dal 7% dei vacanzieri. Prosegue, inoltre, la continua erosione di punti percentuali sulle mete estere: si scende dal 27% del 2008 al  19% di quest’anno, con poco esotismo e chilometri da percorrere, con Spagna (26%), Francia (19%), Grecia (9%) Irlanda (5%) e Inghilterra (4%) ai primi posti. VACANZE 2.0: 4,5 MILIONI D’ITALIANI RACCONTANO LE PROPRIE VACANZE SUI SOCIAL MEDIA L’ottava ricerca dell’Osservatorio Europcar/Doxa sugli stili di vacanza degli italiani, si concentra in particolare su un fenomeno, ovvero quanto internet e social media abbaino cambiato il modo di fare vacanza da parte degli italiani. Come emerge dalla ricerca, infatti, senza internet  7 vacanzieri italiani su 10 farebbero vacanze diverse… Secondo i dati raccolti dall’indagine, per quel 73% dei vacanzieri che ritiene internet molto o abbastanza importante per l’organizzazione delle proprie vacanze, il web è, quindi, diventato un alleato fondamentale, un vero e proprio dispenser di consigli e suggerimenti. Per la serie: se proprio devo spendere i miei soldi, cerchiamo almeno di non dovercene pentire…Ecco perchè il 62% dei vacanzieri italiani scelgono internet come fonte d’informazione per l’organizzazione della propria vacanza, preferendolo ad amici e conoscenti (36%), a cataloghi (23%) e riviste specializzate (9%).E se il 59% dei vacanzieri è allenato e riesce a risolvere tutto piuttosto velocemente, impiegando al massimo 7 giorni, il 41% di chi ricorre a internet per preparare le proprie vacanze lo fa dedicando settimane o addirittura mesi a questa attività.

L’IDENTIKIT DEL DOWNLOADER, SCARICO DUNQUE ORGANIZZO…

Chi cerca o scarica dal web informazioni utili per le sue vacanze? Si tratta per lo più di uomini (56%), sposati / conviventi (61%) e del Nord Italia (56%). Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il nostro downloader ha un’età abbastanza adulta: 2 su 3 (64%) hanno più di 35 anni, con una quota del 17% di over 55. Adora il mare (70%) e preferisce le destinazioni italiane (72%) a quelle estere.Il nostro downloader (rispetto alla media nazionale) si distingue per maggior presenza di uomini (56%), di single (1/3 di essi – 35%), di residenti nel Nord Italia (56%), di individui con età inferiore ai 35 anni (83%), di vacanzieri che prediligono le vacanze all’estero (1/5 di essi) viaggiando in aereo (1/4 di essi). Ma quali sono le fonti preferite sul web? Al primo posto troviamo i portali di viaggio con il 50% delle preferenze, seguiti dalle agenzie di viaggio on line (38%), tipo Expedia, Opodo e Lastminute. Il 18% si affida a blog/forum di viaggi e un 10% cerca consigli tramite gli amici su Facebook e/o Twitter. L’informazione più cercata è anche quella più importante: il posto da visitare (52%), ma subito dopo (42%) ad attirare l’attenzione dei vacanzieri internauti sono i commenti sugli alberghi e tutto ciò che serve a capire se i luoghi “rispondono alla mia idea di vacanza” (40%). Il 36% cerca dritte per risparmiare e il 28% consigli per gli spostamenti o il noleggio di auto. A conferma, poi, di quanto i rumors sul web non debbano essere sottovalutati, arriva uno dei dati più interessanti dell’8° ricerca dell’Osservatorio Europcar – Doxa: le informazioni negative raccolte su Internet influiscono sulla scelta di hotel, ristoranti o mezzi di trasporto per ben 1/3 dei downloader. In particolare, il 18%, in presenza di giudizi poco lusinghieri, sceglie una struttura alberghiera diversa, il 7% non va in un ristorante, il 3% cambia destinazione e la stessa percentuale (3%) la compagnia aerea o di noleggio auto.  L’IDENTIKIT DELL’UPLOADER, RACCONTO DUNQUE VIAGGIO…Nonostante la fase di ricerca online pre-partenza si dimostri per molti così importante, ci sono ben 4,5 milioni di persone, ovvero 2 vacanzieri su 10 (20%), che non si accontentano di utilizzare passivamente la rete (siti e social media) come semplice fonte d’informazione, ma vogliono essere protagonisti raccontando attivamente la propria vacanza su internet.E perchè aspettare che la vacanza sia finita quando è possibile farlo “in diretta”? Ben il 54% degli uploader, infatti, oltre 2 milioni di vacanzieri, lo fa proprio durante la vacanza stessa. Quasi tutti gli uploader, però, (92%) lo sono perché prolungano la sensazione di libertà raccontando – una volta a casa – le emozioni ed esperienze provate in vacanza. Ma qual è il profilo di chi racconta le proprie vacanze su internet? La dominanza maschile, rispetto ai cosiddetti downloader, cresce e arriva fino al 66%, mentre l’età si abbassa sensibilmente: il 46% ha, infatti, tra i 15 e i 34 e il 42% tra i 35 e i 54 anni. Stavolta ci troviamo di fronte a dei single (55% dei casi) Il mare, come destinazione, vince sempre (72%) e cresce ancora la quota di quanti andranno all’estero (30% contro 22% dei downloader).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: