Archivi

Attualità

LAURA SCAPPATURA: L’ENIGMATICA FEMMINILITA’

di Giorgio Siri

E’ in corso sino a domenica 3 luglio, al Pozzo Garitta, Circolo degli Artisti, sempre nel contesto delle manifestazioni del Sessantesimo, l’esposizione di Laura Scappatura: “Donna, divagazioni sul tema”.

L’artista, nativa di Vado Ligure, formatasi al Liceo artistico Martini di Savona ed all’Accademia di Belle Arti di Firenze, non lascia dubbi sulla sua propensione verso la scultura, nelle produzioni presentate, in ceramica “ingobbiata”, secondo la tecnica, appunto, della copertura a base di argilla.

Una scultura memore di Arturo Martini, in parte, di reminiscenze pittoriche, forse; versata, a prima impressione, alla rappresentazione naturalistica, vicina a qualcosa di artigiano e di manuale, senza nulla togliere ad un’ispirazione sottile, che si pone e ci trasmette interrogativi…anzi immettendovi qualcosa in più, perché l’autrice, quando ci confessa di lavorare in cucina, di effettuare le cotture in casa, in uno spazio apposito beninteso, ma comunque fra le mura domestiche, ci apre uno spaccato in cui si intravvede un’artista a contatto diretto, intimistico, personalissimo e familiare con la sua opera! Anche René Magritte dipingeva nel tinello di casa!

Ne nasce la rappresentazione di una figura femminile apparentemente discreta, senza eroismi o tipicità eccezionali, una figura di giovane donna “comune” e semplice; solo apparentemente perché questa giovane dai capelli rossi, sdraiata sul suo parallelepipedo di legno, al centro dell’esposizione, poi inquadrata in altri vari atteggiamenti, se vista nel modo giusto, nel modo “artistico”, saprebbe indirizzarci verso spunti di riflessioni quasi ossessivi! Dolce e severa, rassicurante ed inquietante, la giovane donna di Laura Scappatura appartiene in effetti all’Arte più che alla realtà – ma Arte e Realtà sono davvero entità diverse? – seppure potrebbe suggerirci richiami autobiografici, pensieri sul tema della femminilità, ma una femminilità pervasa di mistero, e, non ultimo rilievo, apparentamenti inaspettati con altre esperienze artistiche. Con enigmatiche figure arcaiche, ad esempio; si osservi la “Signora dormiente”, eccezionale reperto dell’Ipogeo di Hal Saflieni, ora custodita al Museo di La Valletta, a Malta! Non a caso Laura Scappatura era interessata alle espressioni di tale scultura remota ed anche nell’esposizione in corso è presente, come “portafortuna” ci rivela ancora, simpaticamente, l’autrice, una sua scultura, di quasi quarant’anni fa, ispirata appunto alle figure delle “Veneri” preistoriche! Opera interessantissima, permeata da un alone arcano e di suggestione ancestrale!

Oppure l’autrice lascia che la sua figura femminile alluda, con ricercato gusto dell’enigma, a qualcosa di indefinito, di misterioso, di interrogativo; ad un accenno che inviti a svelare ed a scoprire, sapendo che non sarà possibile né l’uno, ne l’altro. Il personaggio creato da Laura potrebbe così affiancarsi alle figure di Giacometti, ad esempio, per il senso di mistero e di problematicità!

La ragazzi dai capelli rossi però, può mutarsi anche in immagini fiabesche o mitiche o ieratiche…che ancora di più approssimano i lavori di Laura a Martini; in tale tendenza le sue immagini scultoree, se riproposte su di una scala più grande, potrebbero assumere una dimensione di monumentalità, sempre a dimostrare la spiccata attitudine scultorea dell’artista. Anche se, dal punto di vista cromatico, ferme restando le considerazioni prima espresse, l’autrice usa, almeno nel caso particolare, una tavolozza tenue, quasi di “pastello”, di sicura efficacia pittorica, col fascino particolare derivante dalla cottura dell’ingobbio, senza dimenticare, per un significativo richiamo pittorico, che una donna semisdraiata, anche se pervasa piuttosto di ambigua sensualità che di enigmatica apparenza, è similmente presente in un quadro di Otto Dix, del 1927…

Completano la rassegna di Laura Scappatura, oltre a vasi simili ai “buccheri” etruschi, una serie di quadretti in ceramica, a bassorilievo, in cui l’autrice rivela di affidarsi alla fantasia e, insieme alla vena fiabesca, è presente l’attenzione agli effetti di raffigurazione di paesaggi o di ambientazioni adatte al contesto fantastico, in una atmosfera onirica, per i quali Laura utilizza anche la tecnica raku; non mancano, anche in tali opere, richiami interessanti: in alcuni, nei quali sono raffigurate foreste che forse potrebbero essere incantate, si nota qualche affinità con le famose “Foreste” di Max Ernst!

Un visitatore, originario di Savona ma residente a Ginevra, ci ha raccomandato di mettere in rilievo che un’opera di Laura, che lui conserva nella propria abitazione di là, non manca di riscuotere un sicuro successo da parte di tutti coloro che la possono ammirare!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: