AttualitàPolitica

Elezioni regionali 2020; intervista alla candidata Alessandra Gemelli

Il 20 e 21 settembre si terranno le elezioni per il rinnovo del consiglio regionale della Liguria e sono molti i candidati che sostengono i possibili governatori; tra di essi, a sostegno di Ferruccio Sansa, c’è anche Alessandra Gemelli, avvocato e membro della Consulta Provinciale Femminile.

 

Un Suo breve curriculum

 

Sono avvocato da più di 20 anni, sposata con una figlia. Sono candidata alle elezioni regionali nella lista Partito Democratico per Sansa; nel Partito Democratico sono vicesegretaria regionale, componente della Consulta Provinciale Femminile e della segreteria provinciale del mio partito con la delega dei rapporti tra la segreteria, il partito di Savona e il gruppo consiliare

 

Perchè ha deciso di candidarsi consigliera regionale?

 

Questo è un momento d’incertezza e tutti dobbiamo assumere l’impegno di metterci a disposizione per superare il momento di crisi che stiamo vivendo, una crisi non solo economica ma anche sociale. Mi è stato chiesto di candidarmi, ci ho riflettuto molto ed ho deciso di accettare mettendomi a disposizione; ho detto di sì con orgoglio e senso di responsabilità perchè penso di poter portare un contributo per Savona e tutto il comprensorio savonese. Il cambiamento della legge elettorale aumenta la partecipazione delle donne che penso possa essere un valore aggiunto; il mio partito ha portato avanti la proposta della doppia preferenza e del’abolizione del listino ma la vera svolta è arrivata quando il ministro Lamorgese ha suggerito alle regioni che non l’avessero ancora fatto di introdurre la doppia preferenza nella legge elettorale regionale. Il consiglio regionale ha approvato all’unanimità la doppia preferenza e l’abolizione del listino; questa legge è stato uno dei motivi per cui ho accettato di candidarmi e vorrei rappresentare Savona e tutto il comprensorio a Genova. La presenza delle donne nelle istituzioni può contribuire a trovare soluzioni per migliorare la qualità della vita perchè ritengo che la sensibilità, l’approccio ed il modo di affrontare le situazioni sia diverso da quello degli uomini ma occorre integrare i due mondi portando vantaggi alle comunità

 

Cosa significherebbe per Lei diventare consigliera regionale?

 

Per me significherebbe reinventarmi; uso molto questo termine in campagna elettorale e riorganizzo le mie giornate affrontando questo impegno con passione e determinazione

 

Breve programma elettorale

 

Per me i punti centrali sono la sanità ed il lavoro poichè bisogna potenziare la sanità pubblica; i miei pensieri sono rivolti, su questo tema, a Tina Anselmi, prima donna ad essere nominata ministro, sindacalista e partigiana che si è battuta molto per le pari opportunità e per l’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale. Per i nostri ospedali vorrei assunzione di personale per turni meno duri, riduzione delle liste d’attesa, evitare fughe in altre regioni, eliminare Alisa visto che è un impedimento alla semplificazione, potenziare e rinnovare i macchinari e creare una rete di servizi territoriali rivedendo la figura del medico di base. Il lavoro è l’altra nota dolente poichè le risorse che arrivano dall’Unione Europea devono essere spese con programmazione avendo una visione per il futuro; questo tema è molto importante anche perchè il 30% della popolazione ha più di 65 anni e bisogna trattenere i giovani qui permettendo loro di mettere radici. Per il turismo bisogna coinvolgere la costa e l’entroterra poichè ogni zona del territorio è diversa dall’altra e bisognerebbe avere un progetto per fare lavorare gli operatori 365 giorni all’anno; vi è inoltre la necessità di collegare meglio la costa con l’entroterra e potenziare la tecnologia con una migliore connessione, problema emerso durante il lockdown. Bisogna ripopolare il territorio e salvaguardare l’ambiente cogliendo questa occasione come uno sviluppo dei prodotti tipici e di tutto l’agroalimentare; il potenziamento della cultura per me significa socializzazione, integrazione e coesione sociale che rendono più saldo il tessuto sociale. Le risorse per lo sport sono poche e mal distribuite e bisogna far crescere e potenziare i campioni senza dimenticare che l’attività sportiva ha una valenza sociale per cui trasmette valori, fa accettare le diversità, le vittorie vengono condivise e le sconfitte vengono gestite in modo sano per vivere meglio; lo sport è anche prevenzione per la salute e riabilitazione per i malati cronici risparmiando così sulla sanità. Le società sportive dilettantistiche, la scuola e la famiglia hanno un rapporto importante e creano la società di domani; bisogna ripristinare ed aumentare i fondi provenienti dalla regione destinando alcune quote per la sanità alle società sportive per la prevenzione. Alcuni personaggi importanti del nostro territorio come Colla, Bossolino, Pastorelli ed altri sono stati formatori sportivi ma anche veri e propri maestri di vita

 

Se venisse eletta cosa realizzerebbe nei primi cento giorni da consigliera regionale?

 

Cercherei di comprendere il funzionamento del consiglio e raccoglierei le istanze degli amministratori e dei cittadini per approfondire i diversi temi e dare risposte

 

Alcuni dei candidati al consiglio regionale di cinque anni fa oggi siedono in Parlamento. Lei vorrebbe seguire queste orme?

 

La politica è un servizio e non pensavo di essere coinvolta direttamente. Ora mi concentro sull’immediato dando la mia disponibilità ed il mio impegno

 

Una frase che la rappresenta

 

Il motto presente sul mio santino elettorale : per voi io ci sono. Questa frase riassume tutto e da soli non si va avanti

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: