AttualitàPolitica

Elezioni regionali 2020, Massimiliano Romeo a sostegno dei candidati savonesi della Lega

Si è tenuto, alla presenza dell’Onorevole Sara Foscolo, dei Senatori Ripamonti e Bruzzone e di numerosi cittadini, un incontro con i Senatori Maurizio Campari e Massimiliano Romeo, capogruppo Lega al Senato, a sostegno dei candidati savonesi della Lega alle prossime elezioni regionali.

“Questa è una bella serata e ringrazio gli organizzatori dell’evento”, ha dichiarato l’Onorevole Foscolo, “ma voglio dire che mancano pochi giorni ad una grande opportunità, andare a votare, che spero possiamo avere presto anche a livello nazionale per poter scegliere i nostri rappresentanti. Tutti noi dobbiamo convincere ad andare a votare chi non vuole andare perchè la Lega è diversa dagli altri partiti e manteniamo le promesse. Quando eravamo al Governo abbiamo ottenuto risultati importanti : il Codice Rosso per le vittime di violenza ed il Decreto Sicurezza che ha ridotto gli sbarchi e Salvini, il 3 ottobre, sarà processato a Catania per aver fatto il suo dovere difendendo i confini. Paolo Ripamonti ha portato risultati importanti per l’Area di Crisi Complessa della provincia di Savona ma stiamo facendo altre importanti battaglie come la realizzazione di un carcere a Savona che attualmente non c’è e l’interrogazione sugli autovelox. Se il Decreto Genova è stato fatto così è perchè c’era al Governo Edoardo Rixi ma ora la cosa più importante è convincere a votare Lega ed i candidati savonesi che sono tutti legati al territorio”.

Parole simili da parte del Senatore Francesco Bruzzone :”La Lega ha svolto un lavoro importante ed il Modello Genova può essere chiamato Modello Lega e le Grandi Opere come la Gronda sono lettera morta per questo Governo. Per le regionali siamo di fronte ad un’importante scelta ed il vero baratro è l’alleanza di Governo che in Liguria si riflette con Sansa; occorre chiarezza e la Lega è garanzia di buongoverno anche perchè vogliamo mandare a casa chi governa senza avere la maggioranza. Questo poltronificio sarà scardinato ed il palanchino è la Lega perchè il voto alle regionali ha un significato politico: ogni volta che si volta lo si fa con un sistema diverso e la complicazione è la lista che si chiama Toti Presidente perchè se si vota quella e la Lega il voto è nullo per entrambe e bisogna spiegare bene come si vota”.

“Ringrazio tutti dicendo che bisogna mandare un messaggio visto che la Lega è forte e viva e c’è un modo diverso di governare”, afferma il Senatore Maurizio Campari, “e a livello nazionale abbiamo costretto la maggioranza ad accettare certe norme di buonsenso come quella del Modello Genova per le Grandi Opere visto che troppo spesso si parte dal presupposto che ogni imprenditore sia un delinquente. Noi siamo quelli del buonsenso, vogliamo la normalità per il nostro Paese dando un segnale per il futuro e picconate all’attuale Governo lavorando per togliere il poltronificio. Bisogna spiegare come si vota ricordando la doppia preferenza di sesso diverso, una maschile e una femminile, e la regione è l’ente più vicino al territorio come tramite tra Stato e comuni dopo l’abolizione delle province. Occorre votare Lega anche perchè, così facendo, si dà una spallata al Governo statale”.

“Rivolgo un sincero grazie ai presenti dicendo che appena sono arrivato qui ho pensato alle discoteche chiuse e sono convinto che queste attività devono essere adeguatamente indennizzate poichè dietro ad ogni dipendente ci sono delle famiglie. Il sentimento contro il Governo cresce di giorno in giorno ma non bisogna dare nulla per scontato perchè la campagna elettorale è dura anche se ci sono tensioni positive. Sono diversi i temi importanti tra cui la sanità e bisogna avere ottimismo ma anche prudenza; ci vuole soprattutto organizzazione anche se a livello statale non sempre è così vista la disorganizzazione per la riapertura delle scuole e si deve collaborare per il bene dei cittadini anche se le regioni devono ovviare alle carenze che arrivano dall’alto. In tema di economia le regioni possono fare molto e la Liguria si è impegnata ma può fare sempre di più; lo Stato ha dato diversi bonus ma se c’è incertezza la gente non spende ed occorre quindi aiutare le aziende che creano occupazione. Durante il lockdown la disoccupazione in Italia è aumentata mentre nella Francia di Macron si è avuto un saldo positivo; vi è quindi necessità di ridurre le imposte ed eliminare la cultura per cui il professionista è un evasore aiutando chi tiene in piedi il Paese dando fiducia a chi lavora. La Lega vuole un futuro roseo per l’Italia ed il sud va aiutato non dimenticandosi del nord creando una sorta di Piano Marshall per le infrastrutture liguri”, conclude il Senatore Massimiliano Romeo.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: