Cultura e Musica

ELISA CONFORTINI: L’ESTETICA DELL’INTROSPEZIONE

di Giorgio Siri

Al Circolo degli Artisti, ad Albissola Marina, Pozzo Garitta, è in corso sino al 30 ottobre la mostra di Elisa Confortini “Non toccare la mia pelle”. Elisa Confortini è nata a Brescia nel 1973.
Diplomatasi nel 1992, dal 1996 al 1998 frequenta stages in diversi ateliers, in particolare quello della ceramista Enrica Negri a Milano. Nel 2007 partecipa al concorso per artisti emergenti organizzato dall’ICMEA (International Ceramic Magazine Editors Association ) e si classifica al 4° posto, tra i dieci vincitori.

Le opere in mostra non sono di facile lettura eppure risultano, a prima vista, oggetti coinvolgenti, intriganti, permeati di una certa allusione -illusione- misteriosa che incuriosisce e cattura l’interesse.

Sono riportate delle massime e delle definizioni, a corredo delle opere in mostra, che illustrano i significati che l’autrice vuole connessi con le sue espressioni scultoree. Talune di essenziale, semplice fattura: forme ovoidali, un po’ più schiacciate, spaccate a metà, dalla colorazione dorata, a rappresentare “idee” monche ma ad esprimere comunque un senso di primordiale espressività, di remota percezione! Ma, immediatamente dopo, la rappresentazione si complica, passiamo in uno stadio più concettuale, per non dire più “cerebrale”, per quanto l’impressione sia sempre forte, l’emozione sempre affiorante, e come non potrebbe essere così: siamo infatti alla scultura simbolo della mostra: un piccolo materasso trafitto da una sorta di tubazione-aspiratore, una composizione ingegnosa, inquietante e resa ancor più tale dal titolo “self harm” – far del male a sé stessi – al limite tra una espressività sperimentale e l’evoluzione verso un’idea diversa al servizio dell’arte per quanto la “tubazione”, che richiama appunto un qualche materiale per l’idraulica costituisca, alla fine, una raffinata modellazione in ceramica, simile alla formazione che pare richiamare a metà un’allusione a qualcosa di minerale, a metà a qualcosa di vegetale, sempre di un colore di antracite, di bucchero etrusco, che l’autrice vuole “barrare” con un inserto in plastica, a significare non la censura, ma ciò che è più insinuante, la non omologazione alla moda, secondo un pensiero di Solgenitsin! 

Passiamo ad un’altra scultura, sconvolgente, di “concetto”: una gabbia che racchiude uova sulle quali è dipinto il cranio di un uccello: uova ingabbiate, più che residuali, più che fossili, contenenti già resti mortali, anzi nemmeno contenuti, impressi: più gabbia di così…!

L’autrice affronta poi un tema ancora più originale: qual’ è il senso del collezionismo? Questa domanda sembra spingerla ad una quasi ludica raffigurazione, all’interno di riquadri di ceramica, di insetti o di altri fossili. Oppure un sellino di bicicletta diventa la forma-la scusa- per eseguire dei “trofei urbani”, trofei di caccia cui, sorprendentemente, la sagoma del sellino si presta ad essere adattata per raffigurarli. L’artista si sbizzarrisce a dimostrarlo declinandone una serie…

Anche apparenti forme di soprammobile vengono considerate sotto una particolare visuale feticista e morbosa e diventano oggetti strani se non misteriosi! 

La personalità artistica di Elisa Confortini sembra inclinare verso tendenze di avanguardia e possiamo affiancarla ad Adriano Leverone, per quanto riguarda una presenza locale, od a autori come Jasmine Pignatelli o Pia Ruggiu, per riferirci all’ambito esterno, e certi cubi, certe forme compatte, ve la approssimano eloquentemente. Di lei pare significativa l’intenzione di creare per esprimere idee sulla realtà contemporanea ma anche sulle pulsioni interiori che la determinano; si denota una certa ansia, per non dire angoscia, di voler mettere a nudo o di denunciare un certo malessere dell’esistenza, l’”inquietudine della realtà”, non volendosi forse sottrarre ad un imperativo di coscienza critica, di militanza a favore di valori positivi, di volontà di scovare le radici di quell’inquietudine, come, ad esempio, proprio andando a cercare la ragione per cui si diventa collezionisti…Tutto si risolve però nella capacità creativa, perché dall’ansia e dalla riflessione nascono oggetti affascinanti, evocativi, convincenti, di forte espressività ed infine, retaggio dell’opera d’arte, appaganti per l’esperienza visiva e per il sentire interiore. L’introspezione di Elisa Confortini, il suo pensiero sui pensieri che affliggono – od obbligano – i contemporanei, evolvono verso un’”estetica”, magari dirompente ma in ogni caso probante e che trasforma le “inquietudini” mentali in certezze materiali e formali che lasciano comunque aperti gli interrogativi e le aspettative!

Redazione
the authorRedazione

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: