Attualità

Estate: più ombrellone per anziani e bambini

Estate all’insegna di Caronte, Minosse e Nerone, con relativo ripasso scolastico della mitologia, oltre che dalla continua rincorsa dello spread e la discesa di borse ed euro. Il Ferragosto alle porte deve però condurre i bagnanti, che in questi giorni frequentano le spiagge della nostra provincia di Savona, a porre molta attenzione al “Colpo di Calore”. I soggetti più a rischio sono le persone anziane con più di 75 anni ed i bambini a cominciare dai neonati e in età inferiore ai 4 anni.

Questi soggetti possono, per differenti motivi, avere diminuita la capacità di disperdere calore ed incorrere in gravi, quanto urgenti, situazioni mediche in cui la propria “omeostasi” termica risulta essere seriamente alterata; i meccanismi di raffreddamento non funzionano più correttamente, e non sono più in grado di aiutare il corpo a perdere abbastanza calore, per cui la temperatura corporea inizia a salire. Le persone anziane soffrono spesso di patologie croniche, concause o terapie che possono interferire con la propria capacità disperdente del calore – ciò avviene attraverso la sudorazione, la respirazione ed altre vie di compenso anche a livello del sistema nervoso centrale. Inoltre più spesso incorrono in condizioni di disidratazione ed alterazioni importanti di tipo elettrolitico (acqua corporea e ioni principali quali sodio , potassio). Vi sono inoltre altri fattori di rischio quali l’obesità, l’alcolismo, patologie croniche, diabete, patologie cardiovascolari e l’affaticamento fisico con permanenza in luogo non areato. Per i bambini molto piccoli i rischi di Colpo di Calore rimangono elevatissimi, vista la minor capacità disperdente, “l’immaturità” del soggetto, l’alto rischio di disidratazione (i bambini hanno percentualmente nella composizione corporea più acqua che adulti-anziani).

Il Colpo di Calore rappresenta quindi una vera e propria emergenza medica; può essere preceduto da una serie di sintomi quali: malessere,eccessiva sudorazione, cute calda ed arrossata, nausea, vomito, crampi muscolari, diarrea ma più frequentemente, in modo acuto, con cefalea, vertigine e stato confusionale, polso rapido, in soggetti predisposti con convulsioni e status grave per il sistema nervoso centrale che risente sensibilmente dell’innalzamento serio della temperatura che può rapidamente salire fino a 41-42°C addirittura 45°C; andando a compromettere le funzioni vitali, con insufficienza respiratoria – il respiro diviene più rapido e superficiale, renale e collasso cardiocircolatorio.
Il recupero da tale situazione, se percepita per tempo può essere buona quanto rapida. Obiettivo è rivolto ad abbassare il più velocemente possibile la temperatura corporea sotto i 39 °C e trasferire il soggetto subito sotto osservazione del medico del pronto soccorso dell’ospedale più vicino. Alcune misure possono essere immediatamente adottate:
• Trasferire subito la persona in un luogo fresco, alleggerire-rimuovere indumenti;
• Fare una doccia fresca o un bagno immergendosi completamente in una vasca d’acqua fresca, se non possibile immergere i piedi in un secchio di acqua o mettersi un asciugamano bagnato sulle spalle o borsa del ghiaccio sul collo, ascelle, inguini.
• Sorseggiare qualcosa di fresco o bevande appositamente progettate per la reidratazione
Per prevenire e quindi evitare i Colpi di Calore, soprattutto per i soggetti più a rischio, ricordando però che TUTTI dobbiamo prestare attenzione :
• Restare all’ombra, per quanto possibile; riposare in luoghi ventilati ed asciutti;
• Bere molte bevande fresche; mantenersi idratati; indossare cappelli e vestiti-calzature “leggeri”;
• Evitare alcool, caffeina , abuso di sostanze o farmaci sedativi;
• Praticare esercizio fisico nelle ore meno calde ed evitare l’affaticamento.
Basta poco per non incorrere in situazioni gravi e spiacevoli quanto prestare maggiore attenzione ai nostri Nonni, bambini e perché no “rimproverare” il nostro vicino d’ombrellone… se occorre per il suo bene. Ah non dimentichiamoci dei nostri amici animali! Anche loro a rischio di Colpo di Calore e purtroppo la cronaca di questa stagione ci consegna troppe storie tristi; ciottola d’acqua sempre piena e uno spazio tranquillo con po’ d’ombra non si deve negare a nessuno! Buon Ferragosto!

Lorenzo Grazioli Gauthier

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: