Attualità

Eucaristia, la proposta diocesana per la Quaresima

“L’Eucaristia nutre la comunità – Non di solo pane vivrà l’uomo”. Questo il tema della proposta diocesana per la prossima Quaresima che vuole accompagnare il cammino di ogni singola comunità cristiana tenendo presente il programma pastorale attualmente in fase di realizzazione. L’iniziativa, concepita dal lavoro comune degli uffici pastorali, pone l’attenzione sull’Eucarestia, appunto uno dei tre pilastri delle già citate linee guida della diocesi assieme a famiglia e corresponsabilità dei laici. In particolare la proposta vuole approfondire le cinque parti della Messa – con cinque “parole chiave” rispettivamente Perdono, Ascolto, Presenza, Comunione, Invio – nell’arco delle cinque settimane di Quaresima, una per ogni domenica.

Si inizierà il 26 febbraio con la parola “Perdono” e il tema “Incontrarsi e riconoscersi peccatori” per evidenziare nell’atto penitenziale l’aspetto dell’acclamazione alla misericordia di Dio su cui si fonda il nostro cammino di conversione. Domenica 4 marzo, con “Ascolto” in primo piano ovvero “Ascoltare la Parola”, si suggerisce invece di valorizzare l’Evangeliario nella processione di ingresso. Domenica 11 marzo è la volta della “Presenza” nel tema “Un evento che si riattualizza”, qui si propone di sottolineare col canto i tre
interventi dell’assemblea durante la Preghiera eucaristica che ruotano attorno al momento culminante della presenza di Cristo fra noi: Santo, Mistero della fede e Amen conclusivo. Il 18 marzo, festa Patronale della diocesi, è anche la quarta domenica di Quaresima: la parola chiave sarà “Comunione” col titolo “Partecipare alla mensa del Signore”, in questa giornata sarebbe significativo distribuire la Comunione sotto le specie del pane e del vino per manifestare ai fedeli la pienezza del segno nel convivio eucaristico. Infine, il 25 marzo, quinta e ultima domenica che precede la Settimana Santa, ci si concentrerà sul concetto di “Invio” o meglio “Inviati nel nome del Signore”, la proposta è invitare, prima della benedizione finale, alcuni fedeli, in rappresentanza delle varie età, a presentarsi davanti al presbiterio per accogliere il “mandato” di portare nel mondo il nutrimento eucaristico ricevuto.
Per l’approfondimento dell’intero percorso quaresimale si è pensato all’uso di alcuni materiali che saranno offerti alle varie parrocchie. Ogni comunità avrà anzitutto un poster che riporta lo slogan della Quaresima, ogni domenica si applicherà sul cartellone una parola-chiave del momento eucaristico che si vuole sottolineare. Altro fondamentale supporto, quello destinato ai fedeli: coloro che parteciperanno alla Messa la prima domenica di Quaresima avranno un pieghevole con la lettera del vescovo Lupi e una breve, ma dettagliata introduzione dell’iniziativa, nonché la prima di cinque schede esplicative con presentazione della parte della Messa che si vuole sottolineare e da una preghiera “a tema” che si leggerà insieme. Da ricordare infine anche un opuscolo destinato ai parroci.
Come in Avvento non mancherà ovviamente una raccolta fondi che stavolta però sarà destinata all’aiuto di persone con problematiche di tipo occupazionale, in particolare le offerte saranno destinate a sostenere il “Laboratorio formativo al lavoro”, gestito dalla fondazione diocesana Comunitàservizi, che si trova sotto la chiesa della Valle di Vado.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: