Attualità

EXPORT LIGURE NON BRILLANTE

di  Giorgio Siri

L’Unioncamere ha presentato i dati nazionali relativi all’esportazione all’estero (in Europa e fuori Europa). Nei primi sei mesi del 2016 le vendite di beni sui mercati esteri risultano stazionarie rispetto allo stesso periodo del 2015: dato desunto, globalmente, da un aumento riscontrato nelle esportazioni dalle regioni meridionali (+11,1%) e dall’area nord-orientale (+1,9%) e da un calo segnalato dalle regioni insulari (-23,1%), nord-occidentali (-1,6%) e dall’area centrale (-0,4%).

Incrementa l’export nazionale (per circa un punto percentuale), l’aumento delle vendite di autoveicoli dalla Basilicata e dei mezzi di trasporto (autoveicoli esclusi) da Friuli-Venezia Giulia, Lazio e Liguria; per contro segna un contributo negativo di oltre un punto percentuale la diminuzione di esportazioni di autoveicoli dal Piemonte e di prodotti petroliferi raffinati dalla Sardegna e dalla Sicilia.

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 23 miliardi e 331 milioni di euro. Le regioni che forniscono il contributo maggiore alle esportazioni nazionali sono Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Abruzzo, Emilia Romagna e Lombardia mentre quelle che risultano essere in calo sono Piemonte, Sicilia, Sardegna e Lazio.

La Liguria, che rappresenta solo l’1,7% delle vendite nazionali all’estero, ha registrato una flessione pari allo 0,1%, passando da 3.554 a 3.551 milioni di euro: di questi 1.985 milioni sono destinati a paesi Extra-UE (il 55,9% del totale), lo 0,7% in più rispetto al primo semestre 2015, mentre verso l’area comunitaria l’export è calato dell’1%. La bilancia commerciale resta di segno negativo, -188 milioni circa di euro. Le attività manifatturiere, i cui prodotti rappresentano il 91% dell’export, rispetto al primo semestre 2015 hanno registrato una crescita dello 0,5%. All’interno del comparto manifatturiero, registra un successo l’industria dei mezzi di trasporto (+79,1% l’export complessivo, +160% quello verso i paesi extra-UE), degli apparecchi elettrici (+7,7% l’export totale e +6,1% quello verso i paesi Extra-UE) e dei prodotti alimentari (+6,1% l’export complessivo, +4,2% quello verso i paesi Extra-UE). In crescita anche le esportazioni di prodotti agricoli (+2,8%, +49,5%), mentre si abbassano le vendite di prodotti petroliferi raffinati (-33,8%, -37,2%) e di macchinari (-15,8%, -16,1%).

Per quanto riguarda i rapporti verso i mercati UE, la Francia, verso cui sono stati esportati prodotti per un controvalore di 383 milioni di euro (+3,8%), il 10% dei quali relativi alla vendita di navi e imbarcazioni, si conferma come primo partner; secondo è la Germania, in calo dell’1,9%, seguita dalla Spagna (-4%). Tra i mercati extra-UE il volume maggiore di vendite è stato verso le Isole Marshall, grazie ad una commessa di navi e imbarcazioni; seguono gli Stati Uniti (-11,2%), l’Egitto (+10,4%) e la Cina (-7,5%).

In provincia di Savona l’export ha segnato una flessione pari all’1,8%, dovuta ad un aumento delle vendite verso l’area extra-UE (+8,8%) e da una flessione verso i paesi dell’UE (-7,4%). I prodotti chimici si confermano la voce principale dell’export provinciale, con un decremento dell’1,6%. Sul fronte extra-UE gli Stati Unitisi confermano come primo posto di destinazione, anche se con una flessione del 22,3%; al secondo posto la Cina (+25,9%) seguita da Singapore, verso cui sono stati esportati prodotti chimici.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: