Economia

Export savonese: 1,5 miliardi nel 2012

L’export della provincia di Savona ha superato anche nel 2012 quota 1,5 miliardi di euro, nonostante una lieve flessione rispetto all’anno precedente, con una perdita di quasi 17 milioni di euro, pari all’1,1% in meno. E’ quanto è emerso dalla presentazione a Genova, presso Confindustria Liguria, dell’annuale Rapporto Export del gruppo Sace, che fa capo a Cassa Depositi e Prestiti.  Il dato savonese è in controtendenza rispetto a quello complessivo della Liguria, che nel 2012 ha visto crescere le proprie esportazioni del 4,1%.

A trainare il dato è stata soprattutto la provincia della Spezia, con un +36,5% che è stato determinato da vendite dell’industria cantieristica navale; Imperia ha segnato un incremento del 7,6% e Genova dell’1,6%. In provincia di Genova, in particolare, sono andate bene (+6,2%) le vendite all’estero da parte delle aziende del polo tecnologico (biomedicale, ict, automazione meccanica) e di quelle alimentari (+15%). Sempre il settore alimentare, che a livello ligure è cresciuto del 13,4% è stato alla base delle buone performance di Imperia. Quanto alla battuta d’arresto dell’export savonese, la causa va ricercata nelle minori vendite all’estero dell’industria chimica, che da sola vale un terzo delle esportazioni provinciali e che nel 2012 ha registrato, a livello regionale, un calo del 4,9%. Sempre a livello regionale da sottolineare l’export più che raddoppiato del settore coke e derivati del petrolio, in forte espansione anche a Savona. In diminuzione, invece, sia a livello provinciale sia regionale l’export di prodotti agricoli e degli “altri” mezzi di trasporto (settore che esclude gli autoveicoli e le loro parti).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: