Musica

“Fantasie al lavoro”: il primo maggio a Molo 8.44

Un’apertura per intrattenere i molti che in occasione di questa importante ricorrenza saranno a casa dal lavoro: questa la filosofia che anima l’apertura del primo maggio di molo 8.44. Dalle 15.00 alle 19.00 al molo 8.44 si terranno i laboratori ludico didattici per bambini e bambine dai quattro ai nove anni sul tema del lavoro. Questi laboratori nascono da un’idea di studiowiki_progetti per la comunicazione, e sono stati sviluppati in collaborazione con la dott.ssa Valentina Oldano, attualmente insegnante della scuola primaria nonchè curatrice di lettera a una professoressa della scuola di Barbiana.

I laboratori saranno realizzati dalla cooperativa progetto città – ludoteca del comune di Vado Ligure e sponsorizzati – oltre che, naturalmente, dal Molo 8.44, anche da Lindt. L’evento è patrocinato dal comune di Vado Ligure. I bambini – sia individualmente sia a squadre – saranno posti di fronte a quattro pannelli di grandi dimensioni che presenteranno altrettanti ambienti antropici e non (la città, la campagna, il mare, la montagna). Attraverso la spiegazione degli educatori sarà chiesto ai bambini di osservare attentamente i singoli pannelli e di disegnare su fogli di carta a5 i mestieri che gli vengono in mente. I disegni o le scritte che i bambini produrranno saranno appese sui pannelli. Terminato un pannello, la squadra passerà a quello successivo. La rotazione permetterà ai componenti delle squadre di osservare il lavoro svolto in precedenza dai bambini delle altre squadre, innescando procedimenti ermeneutici nel ragionamento del bambino. Un commento – con relativi suggerimenti e discussioni – degli operatori concluderà il laboratorio. A tutti i bambini e a tutte le bambine che parteciperanno ai laboratori saranno donati tanti cioccolatini lindor messi a disposizione da Lindt. Oltre ad unire abilità cognitive sia deduttive sia induttive, i bambini saranno spinti a ragionare sulla grande complessità e varietà dei mestieri che si possono riscontrare nei vari ambienti. L’obiettivo non dichiarato esplicitamente sarà anche quello di bypassare e aggregare maggiori contenuti intorno alla un po’ scontata domanda che tutti tendiamo erronemmnte a porre al bambino: “che cosa vuoi fare da grande?”. I pannelli, inoltre, potranno restare esposti per alcuni giorni successivi al primo maggio, divenendo una sorta di mostra sulla creatività dei bambini legata alla festa del lavoro.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: