Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Farfallino e CR7

Tanti anni fa in una serie A lontana lontana...

Una farfalla batte le ali a Pechino e a New York arriva la pioggia invece del sole”.

È quello che si chiama effetto farfalla (qui nella declinazioneParko-Jurassica del matematico texano Ian Malcom, al secolo l’attore Jeff Goldblum) secondo cui appunto il battito d’ali di una farfalla può provocare un uragano dall’altra parte del mondo.

Ma cosa accade se il battito d’ali è quello di un farfallino e le conseguenze si spostano sull’asse temporale anziché su quello spaziale?

Accade che il farfallino che batte le ali è Felice Placido Borel, 

Pechino è la stagione calcistica di serie A 1933-34, 

New York è la stagione calcistica di serie A 2019-2020

E la pioggia che va è quella di un Cristiano chiamato Ronaldo.

Da un lato un personaggio di un calcio d’altri tempi che sembra tirato fuori da un romanzo di Garcia Marquez:

più che realistico nei suoi 170 gol segnati in carriera e con un che di magico nelle movenze che gli valsero il soprannome, appunto, di farfallino con le motivazioni del caso qui a firma Vladimiro Caminiti: “falcata agilissima … eleganza dello stile… talento alato… elusivo nel gioco e infallibilmente felice nel tiro… ginocchia un po’ delicate… dinoccolato, agilissimo, flessuoso, con piede trentasei”. 

Dall’altro il Cristiano chiamato Ronaldo un cyborg in carne e ossa evaso dalla virtuale esattezza della Playstation e scaraventato sull’erba a mietere record e trofei.

Nella stagione 1933-34 la Juventus vinse il quarto dei suoi cinque scudetti consecutivi trascinata dai gol di un ragazzino di appena 20 anni che fece 31 gol in stagione laureandosi anche capocannoniere (come peraltro aveva fatto l’anno prima quando di anni ne aveva 19 e di reti ne aveva realizzato 29 in 28 partite giocate).

Da quella stagione mai nessun giocatore della Juventus aveva realizzato così tante reti in un singolo campionato di serie A: stasera quel ventenne cannoniere figlio d’arte il cui padre era stato addirittura uno dei fondatori della Juventus potrebbe essere raggiunto da Cristiano Ronaldo e magari anche superato dopo (quasi) cent’anni di solitudine su quel trono.

È la Playstation farfallino 

e tu non puoi farci niente, 

niente.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: