Attualità

“Festa della Repubblica 2020” in clima Covid-19

2 giugno 2020, la festa della Repubblica, si è sviluppata in un clima completamente diverso dagli altri anni, in varie località e date, con obiettivi diversi, ma riconducibili: Le donne italiane in carriera, hanno sfilato a Roma, Emma Bonino in prima fila, con la scritta “dateci voce” sulla mascherina, proprio per sottolineare che le misure anticovid-19 penalizzano ulteriormente le donne. Infatti il femminismo, movimento diretto a conquistare per la donna la parità dei diritti nei rapporti civili, economici, giuridici, politici e sociali rispetto all’uomo risale all’Illuminismo (Rivoluzione Francese), per consolidarsi con il’68. Il Presidente Conte ammette che senza le donne, non si parte. Nel mondo però su 193 paesi solo 10 sono governati da donne Le donne sono più sensibili, responsabili, si prestano per figli, anziani, malati La credibilità è come la verginità, difficile da mantenere, una volta persa, non si riconquista più. In Italia con una popolazione al 51% al femminile, solo 1 su 2 lavorano al Nord e 1 su 3 lavorano al Sud ed un numero notevole rinuncia dopo il 1° figlio, si fermano a casa per scelta.          Con tanto di giacchetta arancione, al suono dell’Inno di Mameli, capitanati da un ex Generale dei Carabinieri Pappalardo, i sedicenti rappresenti del Popolo d’Italia, denunciano,  il “golpe dell’ambiente “che indebolisce, tutti gli Stati, in primis  l’Italia. Con le manifestazione del 30 Maggio di Milano e Roma, in un certo senso sbeffeggiando la mascherina, abbracciandosi, baciandosi, invocando le elezioni, La tragedia, sostengono, colpisce il nostro paese, nelle proprie carni (salute e vita), tutta una manovra, supportata dalla grande economia(scie aeree, taglio alberi, 5G), confermata da una indagine, vuole dare un segnale forte, ma non aspettiamoci un “salvatore”, una dittatura, ma una iniziativa condotta, voluta da noi Italiani, in mezzo a teorie confusione di teorie e anti teorie, di molte notizie, su tutto e il contrario di tutto, con Italiani tra due sensazioni (paura e speranza), un golpe della alta finanza e i Cinesi, compreranno l’Italia.   2 Giugno la festa della Repubblica, alla presenza del Capo dello Stato Mattarella, si è svolta a Codogno, centro da cui è partita la Covid-19, in Italia, tutti con mascherine, ma vicini, troppo vicini, che invita gli Italiani ad evitare polemiche, sempre poco produttive, ma specie in questo periodo, invoca il massimo impegno, impegno totale, ben di più del grandioso piano Marshall, sforzo fatto dai nostri padri e nonni al termine della guerra mondiale. Il giorno dopo, 3 giugno, infatti, sono caduti i confini delle Regioni consentendo agli Italiani, di incontrare, salutare, parenti vicini e lontani, pensare alla procedura per risollevare l’economia, il Paese, ma nasceva la richiesta del passaporto di immunità, richiamato con più serenità, considerata la validità limitata al Sud che non solo rifiuta i turisti, ma rinnega i suoi figli che rientrano per le vacanze.  Infine prendiamo atto che la strategia antiCovid-19, non è stata eccellente in molti paesi, compresa Italia e Usa, ma utile per sbraitare, da sfruttare ai fini propagandistici elettorali, previsti in Settembre, mentre il centrodestra manifestava sempre a Roma con mascherine tricolore a tracolla e con i Centri Sociali che manifestavano a Milano ricordando il veleno emesso dal 5G.  Mentre, con inizio giugno potremmo registrare, la fine della segregazione, varie Regioni rivendicano maggior autonomia da Roma, la Lombardia sembra sotto accusa, si dice per aver aggiustato i dati relativi alla pandemia, Sintomatico, che Papa Francesco a tal proposito abbia detto “Peggio di questa crisi, c’è solo non trarne utili insegnamenti”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: