Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCRONACAPersonaggiPONENTEVarie

Filippo La Rocca a Roma per incontrare i politici

Filippo la Rocca oggi incontrerà giornalisti e deputati

Filippo con Rita Bernardini

ROMA- L’altro ieri Filippo La Rocca è giunto a Roma e da subito ha iniziato a stazionare di fronte alla Camera dei Deputati per riuscire a far conoscere le ragioni della sua impresa. Ieri è riuscito a contattare due parlamentari ed un giornalista. Oggi la caccia continua. “Sono motivato più che mai – annuncia la Rocca- primo perché la deputata mi ha risposto alla email dicendomi che passerà il caso ad una sua collega che si occupa di queste situazioni. Sta già seguendo pratiche relative a giovani autistici. Secondo motivo perché ho visto che anche le forze dell’ordine hanno capito la mia buona fede. L’ispettore di polizia, che guida la pattuglia nei pressi dell’ obelisco, stamattina mi ha gentilmente offerto la colazione e mi anche confermato che il giornalista che avevo incontrato ieri, Pietro Battaglia, è molto conosciuto e bravo nel settore e che se ha promesso di interessarsi alla vicenda lo farà. Insomma vedrò di sicuro Battaglia e mi aspetto molto anche dalle parlamentari Binetti e Bernardini, che hanno promesso di trovare il modo di portare in aula la discussione relativa alle malattie rare ed al Pronto Soccorso di Albenga, che sono le due principali finalità della mia impresa”. Per oggi il programma di Filippo è quello di continuare a stazionare nei pressi della Camera e di seguire la protesta che farà un gruppo di parlamentari nei pressi dell’obelisco. Appena avranno terminato La Rocca cercherà di parlare con qualcuno di loro”. Per entrare in contatto con i politici romani il camminatore solitario appena giunto nella capitale ha inviato più di 150 e mail a deputati ed onorevoli nella speranza di essere ricevuto ufficialmente. Ha incontrato già un giornalista che gli ha anche offerto ospitalità. Oggi dunque starà in attesa con fiducia di essere contattato: certamente se ci fosse stato con lui anche il bambino con la sua famiglia sarebbe stata tutta un’altra situazione. Nelle lunghe attese Filippo ha già cominciato a ringraziare i suoi quasi 700 follower su Fb, ha spiegato che a Roma pernotterà ancora stanotte e che forse già domani farà ritorno ad Albenga. La sua impresa è stata seguita non solo tanti abitanti del comprensorio ingauno, ma anche da cittadini di altre parti d’ Italia. “Ci tengo – ha spiegato ieri- a ringraziare di cuore tutti coloro che mi hanno sostenuto. In particolare Emilia Manna, che gli amici di FB conoscono col soprannome di Emy Emy, perchè questo viaggio non avrei potuto farlo senza il suo prezioso aiuto. Oltre a contribuire con una donazione al mio progetto Emilia ha gestito sia la parte economica sia quella logistica del viaggio, indicandomi dove sostare per dormire, dove mangiare, prenotandomi sempre B&B, ostelli, pensioni, alberghi, ristoranti, al miglior prezzo. Insomma è stata il mio angelo custode”. Filippo è motivato a farsi sentire: il suo impegno per i diritti dei bambini colpiti da malattie rare resta il focus della sua impresa, ma vorrebbe anche far notare a Roma le tante problematiche legate alla Sanità nel comprensorio albenganese e quelle relative ai disoccupati ed emarginati. A seguire Filippo, attraverso tutti i social che utilizza quotidianamente, ci sono ogni giorno centinaia di persone e per essere informati in diretta sulla sua impresa è possibile farlo attraverso le pagine Fb Un passo per la libertà ed FB Filippo La Rocca. Con questa lunga camminata, che alla fine lo ha visto compiere circa 700 chilometri, Filippo vuol continuare la sua battaglia e l’impegno nel difendere i diritti dei bambini colpiti da malattie rare, degli emarginati, dei disabili e dei diseredati. Già prima dello scoppio della Pandemia, nel 2020, La Rocca aveva realizzato questa lunga camminata ed ora dopo due anni ed il lungo lockdown ha deciso di ripeterla. Anche questa volta ha suddiviso il percorso in tappe dai 15 ai 25 km al giorno a seconda delle difficoltà incontrate (salite, vento, pioggia, stanchezza etc.). E’ stata una impresa di rilievo in quanto Filippo presenta una invalidità del 77% causata da infarto e successiva emiparesi che gli causa forti problemi di deambulazione. Il progetto della camminata Albenga- Roma è legato al grande sogno di Filippo: riuscire a fondare una cooperativa multiservizi per dare sostegno alle famiglie dei bambini che sono colpiti da malattie rare. Una cooperativa che possa offrire anche lavoro a chi merita una seconda chance agli emarginati, ex-detenuti, ex-alcolisti ed ex tossicodipendenti. L’impresa di Filippo ha lo scopo precipuo di aiutare una famiglia albenganese il cui figlio (Mattia, 5 anni) è affetto da una grave malattia rara. Per chi volesse aiutare il camminatore solitario, anche economicamente, può mettersi direttamente in contatto con lui al numero di cellulare 3667420361.
CLAUDIO ALMANZI

CLAUDIO ALMANZI
the authorCLAUDIO ALMANZI
Giornalista dal 1980 ha lavorato con Il Tempo di Roma, l' Ora di Palermo, Il Mattino di Napoli Il Secolo XIX di Genova (per 25 anni nelle Redazioni di Albenga e Savona) L' Avvenire (per oltre 20 anni per la Pagina Ponente Sette) Il Corriere Mercantile e con decine di testate cartacee ed on line. Ha diretto svariate testate giornali e bollettini professionali. Vive ad Albenga.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: