Cronaca

Finanziamenti e sgravi fiscali per imprese ed enti socialmente responsabili

Nasce in Liguria il Registro dei datori di lavoro “socialmente responsabili”. L’iniziativa – una novità assoluta a livello nazionale – intende premiare i comportamenti virtuosi sia degli imprenditori privati, sia degli enti pubblici, quali Province, Comuni, Asl, Enti Parco. Il Registro, che in fase sperimentale  sarà attivato nel corso del mese di giugno, verrà presentato martedì 12 giugno, dalle ore 9, alla Camera di Commercio di Savona. Previste tre relazioni introduttive: Responsabilità Sociale in Liguria, a cura di Regione Liguria, Inail, Unioncamere Liguria; Presentazione del Registro e relativo percorso di iscrizione, a cura di Regione Liguria e Agenzia Liguria Lavoro; Modalità di funzionamento del Registro per Imprese e Pubblica Amministrazione, a cura di regione Liguria, Agenzia Liguria Lavoro e Inail.

La sessione pomeridiana, dalle 14,30, sarà destinata alle Piccole e medie imprese con approfondimenti su due settori specifici: l’edilizia (“Mattoni Responsabili”, a cura di Ance – Assedil) e la logistica e il trasporto marittimo (“Secur Med Plus”, a cura di Liguria Ricerche). Il Registro ligure dei datori di lavoro socialmente responsabili, previsto dalla legge regionale sulla sicurezza e la qualità del lavoro, sarà introdotto a titolo sperimentale per sei mesi, dopo i quali la Giunta regionale approverà il modello definitivo, definendo il soggetto gestore, il regolamento ed i riconoscimenti.  I comportamenti “socialmente responsabili” delle imprese private sono giudicati sulla base di cinque aree di valutazione: governo dell’organizzazione,  ambiente di lavoro, mercato, ambiente e comunità locale. Cambiano invece i criteri nel pubblico, dove il giudizio sarà basato su rendicontazione e trasparenza, valorizzazione del capitale umano, tutela ambientale e gestione sostenibile, rapporti con i fornitori. Dal sito www.responsabilitasocialeinliguria.it imprese private ed enti pubblici potranno accedere ad un software gratuito per candidarsi e iscriversi al registro, inserire i documenti comprovanti le azioni di responsabilità sociale effettuate, trovare informazioni e finanziamenti sui bandi. Chi si dimostrerà “socialmente responsabile” riceverà come “premio” un supporto per partecipare agli appalti pubblici, ottenere sgravi fiscali sull’ Irap e sull’addizionale Irpef, accedere più agevolmente al credito. Dal 1° luglio al 31 ottobre 2012, per incentivare l’adozione di comportamenti virtuosi e favorire l’iscrizione al Registro, è disponibile un bando attraverso il quale sarà possibile presentare domanda per ottenere un finanziamento sino a 12 mila euro destinati alla copertura delle spese sostenute per interventi di responsabilità sociale, compreso ad esempio il bilancio sociale e di sostenibilità.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: